Rassegna stampa del 18 febbraio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Immobile strumentale con recupero dell'Iva

Studi professionali. Ok dell'Agenzia in caso di acquisto dell'associazione

Uno studio associato può recuperare l'Iva pagata per l'acquisto di un immobile strumentale e può ammortizzarne il costo. Se l'immobile viene ceduto però deve essere calcolata la plusvalenza. In caso di scioglimento dell'associazione inoltre deve essere emessa fattura con Iva nei confronti dei singoli soci.
Questi chiarimenti sono stati forniti con la risoluzione n.48/E del 15 febbraio, diffusa dall'agenzia delle Entrate in risposta a un'istanza di interpello, presentata da un'associazione professionale che intendeva acquistare un immobile categoria A/10 da adibire a studio professionale dei propri associati ed eventualmente affittarne parte ad altri professionale.

Il Sole 24 Ore - sabato 16 febbraio - R. Portale, G. Romano - art. pag. 33

Dimissioni soltanto online

Niente più carta nel Dm di attuazione della legge 188/07 in attesa di pubblicazione. L'obbligo riguarda tutti i contratti subordinati e di collaborazione

Dimissioni online vicine al debutto. E già si scatenano gli interrogativi di imprese e lavoratori. Quando sarà in vigore il decreto ministeriale che attua la legge 188/2007, le dimissioni potranno essere rassegnate solo su Internet compilando il modello previsto dal Ministero del Lavoro.
Il provvedimento, in attesa della firma di concerto al ministero per le Riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, sarà operativo solo dopo la pubblicazione in "Gazzetta Ufficiale".

Il Sole 24 Ore del lunedì - E. De Fusco - art. pag. 37

Detrazioni, calcoli con il righello

Unico Persone fisiche - La ripartizione dei carichi di famiglia diventa rigorosa 

Modello 730 e Unico PF, invasione di novità. Cambiano i carichi di famiglia, esordio della nuova previdenza complementare, al via il risparmio energetico, allargate le detrazioni per canoni di locazione. Il tutto peraltro senza dimenticare le nuove regole sugli scontrini medici e la proroga del 36%. Il prospetto dei familiari a carico: a cambiare, oltre al beneficio fiscale, che consiste in una detrazione dall'imposta lorda resa inversamente proporzionale al reddito complessivo del contribuente, sono soprattutto le regole di ripartizione tra i coniugi, nonché l'esordio di una nuova detrazione per le famiglie numerose e l'estensione dell'agevolazione anche ai familiari dei soggetti non residenti, che hanno «causato» anche nuove indicazioni nei modelli di dichiarazione.

Italia Oggi Sette - M. Tozzi - art. pag. 6

Tasse auto, recuperi con riduzione

La deducibilità dei costi per imprese e dipendenti dopo le novità dell'art. 15-bis dl 81/2007. Variazioni in deduzione inserendo l'imposta dell'anno prima

Recupero delle imposte passate per le auto. Con una variazione in diminuzione è possibile recuperare nel prossimo modello unico le imposte assolte l'anno scorso a causa dell'indeducibilità dei costi auto.
Il decreto legge 262 del 3 ottobre 2006 aveva disposto una sostanziale indeducibilità dei costi per il periodo in corso alla data del 3/10/2006 ad eccezione che per i lavoratori autonomi gli agenti e i contribuenti che avessero concesso il mezzo in uso promiscuo al dipendente.
Oltre a ciò il comma 72 della medesima disposizione aveva anche previsto che, ai soli fini dei versamenti in acconto delle imposte sui redditi e dell'imposta regionale sulle attività produttive relative al periodo in corso al 3 ottobre 2006 ed a quelli successivi, il contribuente poteva continuare ad applicare le vecchie disposizioni.
L'articolo 15-bis, comma 9, del dl 81/2007 ha poi innovato tali regole prevedendo che per il periodo d'imposta in corso alla data del 3 ottobre 2006, sia possibile considerare deducibili i costi auto nelle seguenti misure: imprese in genere 20%, lavoratori autonomi 30%, auto concesse in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo di imposta è fissata al 65%. Ciò comporta che nel prossimo modello Unico le istruzioni segnalano la possibilità di recuperare tali maggior deducibilità.

Italia Oggi Sette - art. pag. 10