Rassegna stampa del 19 febbraio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Vuoi un software per l’archiviazione e la conservazione dei libri contabili e delle dichiarazioni fiscali, che sia indipendente dal software che utilizzi per l’elaborazione dei dichiarativi, abbia procedure guidate, ti permetta di risparmiare distruggendo tutti i tuoi archivi cartacei e che magari abbia la delega completa delle responsabilità del processo di conservazione?

 

Abbiamo quello che fa per te: ArchiviOK Professionisti!

 

Scopri le funzionalità su www.dataprintgrafik.it

Registro, prove di svolta

In alcune province da oggi una sola domanda per mettersi in regola con Fisco, Inps e Inail. Sperimentazione di sei mesi per l'apertura di nuove imprese

Da oggi alle Camere di commercio italiane l'apertura di nuove imprese ha un percorso semplificato, Tutto telematico. Basterà una sola domanda di iscrizione al Registro delle CdC per mettersi in regola con gli adempimenti previsti dagli altri enti: agenzia delle Entrate, Inps e Inail. E, ottenuta la "ricevuta di protocollo", si potrà già lavorare. Il Fisco metterà subito a disposizione codice fiscale e partita Iva. Mentre i dati definitivi di Inps e Inail arriveranno nel giro di una settimana.
Comincia così la sperimentazione di sei mesi della "comunicazione unica" (legge 40/2007, articolo 9), quella che il ministro per lo Sviluppo economico, Pier Luigi Bersani, chiamò "l'impresa in un giorno".

Il Sole 24 Ore - M. Pirazzini, G. Rengheteanu - art. pag. 35

Ora il Cid varca i confini

Un provvedimento Isvap adegua la modulistica a quella dei paesi Ue. Ecco nuove regole per la denuncia di sinistro

Cid a tinte europee. Con il provvedimento 6 febbraio 2008 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio 2008 n. 39) l'Isvap (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) ha approvato il regolamento n. 13 sulla disciplina del certificato di assicurazione, del contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro.
Nelle premesse il provvedimento chiarisce che è stata data risposta all'esigenza di determinare il contenuto del modulo di denuncia di sinistro in conformità con i corrispondenti documenti adottati in altri paesi dell'Unione europea e quindi per agevolare la circolazione internazionale dei veicoli a motore. Il modulo serve per denunciare il sinistro e, ai sensi dell'articolo 143 del codice delle assicurazioni (dlgs 209/2005), quando è firmato congiuntamente da entrambi i conducenti coinvolti si presume, salvo prova contraria da parte dell'impresa di assicurazione, che il sinistro si sia verificato nelle circostanze, con le modalità e con le conseguenze risultanti dal modulo stesso. Il regolamento riproduce il modello di constatazione amichevole di denuncia di sinistro.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 41

Auto, Iva recuperabile al 40%

L'uso promiscuo dei veicoli sconta la limitazione normativa dell'articolo 19-bis1 lettera c). L'utilizzo privato non consente la detrazione integrale

L'uso promiscuo del veicolo comporta la limitazione della detrazione dell'Iva al 40% (salvo che per i veicoli oggetto dell'attività propria dell'impresa e per gli agenti di commercio). Di conseguenza, non appare possibile detrarre integralmente l'imposta e assoggettare a tassazione l'uso privato; questa soluzione, in via di principio ammessa dalla giurisprudenza della Corte di giustizia, richiamata anche nella relazione di accompagnamento della Finanziaria 2008, sembra incompatibile con la norma speciale che fissa in misura forfetaria la quota d'imposta detraibile nel caso in cui il veicolo non sia ad uso esclusivo dell'attività.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 43

Enti, al via l'operazione rimborsi

Con due decreti il Viminale ha approvato i modelli di certificazione per comuni e province. Per estinzione mutui e Ici scadenze al 28 febbraio e 30 aprile 

Parte la corsa contro il tempo dei comuni per incassare i rimborsi Ici e i contributi per l'estinzione anticipata dei mutui. A dare il via all'operazione è il Viminale che ha approvato con due distinti decreti i modelli di certificazione, senza i quali gli enti non avrebbero potuto richiedere le somme. Il primo, quello relativo all'utilizzo degli avanzi di amministrazione per l'estinzione dei prestiti, è datato 13 febbraio e reca la firma del ministro dell'interno Giuliano Amato e del titolare dell'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa.
La scadenza che i responsabili dei servizi finanziari dovranno tenere bene in mente è il 28 febbraio, termine ultimo per inviare alle prefetture-uffici territoriali di governo i certificati in duplice copia. Entro il 31 marzo il Viminale pubblicherà i dati delle certificazioni ricevute e l'importo dei contributi spettanti ai singoli enti.

Italia Oggi - F. Cerisano - art. pag. 44