Rassegna stampa del 25 febbraio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Cartelle, congelate le notifiche più rapide

Cambiano le procedure per l'inesigibilità. Il termine di cinque mesi scatterà solo a novembre 2009

Ridotti i termini per la notifica delle cartelle di pagamento da parte degli agenti della riscossione, ma solo per i ruoli consegnati dal 31 ottobre 2009. Il Dl milleproroghe modifica la decorrenza fissata dalla Finanziaria 2008 (articolo 1, comma 148 della legge 244/2007) che ha ridotto da 11 a 5 mesi dalla consegna del ruolo il termine per la notifica delle cartelle.
Questa norma, prima della modifica, prevedeva che il termine più breve si applicasse ai ruoli consegnati dal 1° aprile 2008. Il termine di 5 mesi vale per la riscossione coattiva, mentre per la spontanea la cartella deve essere notificata entro il terzo mese successivo all'ultima rata indicata nel ruolo.

Il Sole 24 Ore - sabato 23 febbraio - S. Trovato - art. pag. 28

Assegni liberi, rottamazione soft

Le autorità finanziarie al lavoro per gestire il changeover della normativa antiriciclaggio. Vecchie regole per l'uso dei titoli emessi prima del 30 aprile

Rottamazione soft per gli assegni in forma libera. Tutte le operazioni concluse entro il 30 aprile, con le consuete regole di circolazione dei titoli di credito, conserveranno i loro effetti anche dopo quella data, che sancisce l'entrata in vigore delle nuove e più stringenti norme dettate dalla normativa antiriciclaggio (dlgs 231/2007). I tecnici di Banca d'Italia, Uif, guardia di finanza, Abi e ministero dell'economia, sono già al lavoro per predisporre i chiarimenti sulla fase di transizione. E in una riunione svoltasi nei giorni scorsi hanno già abbozzato qualche soluzione per le problematiche che si presenteranno.
Ricordiamo che le nuove regole prevedono che a decorrere dal 30 aprile i moduli di assegni sono emessi non trasferibili. È possibile richiedere l'assegno in forma libera pagando però un'imposta di bollo pari a 1,50 euro per ogni foglio del blocchetto di assegni. Inoltre non è possibile emettere assegni in forma libera per un importo superiore ai 5 mila euro. Sulle girate dovrà essere inserito il codice fiscale.

Italia Oggi - sabato 23 febbraio - C. Bartelli - art. pag. 35

Fiduciarie, identikit del cliente

ANTIRICICLAGGIO/Circolare di Assofiduciaria con le istruzioni per effettuare l'adeguata verifica. Banche, sim, sgr e assicurazioni dovranno comunicare i dati

Banche, sim, sgr, compagnie assicurative dovranno comunicare, se richiesto dalla fiduciaria ai fini dell'identificazione del fiduciante, i dati identificativi del cliente e del titolare effettivo nonché le informazioni sullo scopo e sulla natura del rapporto bancario o finanziario.
Lo precisa Assofiduciaria nella propria circolare del 22 febbraio, con la quale vengono fornite alle società fiduciarie le indicazioni operative al fine di adempiere al disposto normativo in merito all'adeguata verifica della clientela con specifico riferimento ai mandati fiduciari sia riguardo ai nuovi rapporti sia per quanto riguarda l'aggiornamento dei contratti già in essere il 28 dicembre 2007, data di entrata in vigore del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, con il quale l'Italia ha recepito la Terza direttiva antiriciclaggio.

Italia Oggi - sabato 23 febbraio - F. Vedana - art. pag. 37

Trecentomila cause pronte al trasloco dal centro alle regioni

Le liti in Commissione centrale trasferite sul territorio. Sono pochi i giudici disposti a spostarsi

La Commissione tributaria centrale fa le valige e, come prevede la Finanziaria 2008, lascia la città eterna per distribuirsi sull'intero territorio nazionale. Gli obiettivi sono quelli di smaltire l'arretrato in tempi rapidi e, anche se le coperture della manovra non sono ben quantificate, di ridurre i costi della giustizia tributaria. Il taglio delle spese, infatti, è legato in larga parte del personale della Ctc con la relativa equiparazione dei trattamenti economici. Solo allora si potranno tirare le somme.
Intanto, però, a poco più di un mese dall'emanazione dei decreti attuativi - l'Economia ha tempo fino al 31 marzo - cresce l'attenzione sulle modalità di composizione delle "nuove sezioni stralcio" (ridotte da 25 a 21), ma soprattutto sulla concreta gestione a Roma nella sede di via Flavia.

Il Sole 24 Ore del lunedì - G. Piagnerelli - art. pag. 33

ComUnica battezza 11 ditte in un click Obiettivo: 100 mila start-up in sei mesi

Positive le prime sperimentazioni della Comunicazione Unica. Ma serve maggior raccordo tra i professionisti

La volontà c'è e la tecnologia pure. E funziona. Lo testimoniano le 11 nuove imprese nate in Italia on-line «in un giorno» nel corso della prima settimana di sperimentazione della «Comunicazione Unica» partita il 19 febbraio. Ancora poche, ma per ora il test è limitato ad alcuni professionisti e ad alcune operazioni; l'obiettivo per Infocamere è quello delle 100 mila nuove aziende che si stima possano nascere «in un click» nei prossimi sei mesi. Le camere di commercio sono già pronte a far partire corsi di formazione, convegni, iniziative per istruire professionisti e associazioni di categoria, e non manca anche chi, è il caso della Cdc di Padova, per favorire l'uso della telematica da gennaio ha abbassato l'imposta di bollo: 17,50 al posto di 42 euro per la ditta individuale che opta per la pratica «informatizzata».

Italia Oggi Sette - S. Saturno - art. pag. 2