Rassegna stampa del 5 marzo 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Addio assistito all'azienda

Da oggi  sono in vigore le disposizioni di contrasto alle dimissioni in bianco. Obbligatorio un "certificatore" terzo per risolvere il rapporto

Da oggi il lavoratore che vuole dimettersi è obbligato a rivolgersi ai soggetti abilitati alla trasmissione telematica del nuovo modello. Anche se compila da solo il modulo in formato elettronico deve chiedere il visto del "certificatore": Comuni, direzioni regionali e provinciali del lavoro e, quando sarà firmata la convenzione, patronati e sindacati.
Sono questi alcuni chiarimenti forniti dal ministero del Lavoro con una circolare firmata ieri, a ridosso dell'entrata in vigore del modello informatico (legge 188/2007, decreto ministeriale 21 gennaio 2008)

Il Sole 24 Ore - E. De Fusco - art. pag. 29

Non operative, Unico si adegua

Dall'agenzia delle Entrate un corposo pacchetto di correzioni ai modelli

Dopo circa un mese dalla loro approvazione, i modelli Unici e le loro istruzioni sono stati modificati, sia per correggere errori materiali o sviste sia per adeguarsi ad alcuni provvedimenti che hanno efficacia retroattiva dal 2007. A prevedere queste variazioni è il provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate, del 4 marzo 2008, in base all'articolo 1, comma 361 della legge 244/07.
Sempre ieri è stata aggiornata la scheda per la scelta della destinazione del 5 per mille dell'Irpef, per consentire l'estensione dell'agevolazione per il 2008 alle fondazioni nazionali di carattere culturale e alle associazioni sportive dilettantistiche, riconosciute dal Coni.

Il Sole 24 Ore - L. De Stefani - art. pag. 33

Transazione fiscale al debutto

Una nota della Dre Emilia Romagna sulle novità introdotte nella legge fallimentare.Esclusi Iva e dazi. Stop all'iscrizione a ruolo del debito

Transazione fiscale al debutto nelle procedure fallimentari. Gli accordi sono riconducibili nell'alveo del concordato preventivo, ma non possono costituire oggetto di transazione sia le controversie in materia di Iva sia quelle di competenza delle agenzie delle dogane riguardanti dazi (anche se relativamente all'Iva la dottrina e la giurisprudenza sono di parere contrario). Gli uffici dovranno essere parte attiva nella proposizione dell'accordo di ristrutturazione. Stop all'iscrizione a ruolo del debito transato.
Le prime istruzioni sull'applicazione della transazione fiscale ex art. 182-ter della legge fallimentare arrivano dalla direzione regionale delle entrate dell'Emilia Romagna (nota prot. 6579/2008 del 7/2/2008), la quale precisa come con il nuovo istituto della transazione fallimentare, inserita nel contesto del concordato preventivo, l'erario divenga solamente uno dei creditori e le sorti delle scelte operate dagli uffici sono subordinate sia all'attività di verifica e controllo svolta dalla magistratura sia alle decisioni della maggioranza dei creditori.

Italia Oggi - M. Pollio - art. pag. 33

Povertà in tv Privacy da tutelare

Così il garante

«È giusto e necessario documentare situazioni di disagio sociale e povertà, ma questo non deve far dimenticare ai media che la dignità della persona deve essere sempre e comunque tutelata».
L'Autorità garante per la privacy, anche a seguito di alcune segnalazioni giunte, ha invitato ieri televisioni e giornali ad adottare tutte le cautele possibili affinché, nei servizi giornalistici dedicati al tema del disagio sociale e della povertà, non vengano rese riconoscibili le persone oggetto dei servizi, a meno che non via sia un loro esplicito consenso.

Italia Oggi - art. pag. 35

Indagini finanziarie accelerate

L'Agenzia ha predisposto le specifiche tecniche per l'invio delle risposte dagli intermediari.

Pronto a partire dal 1° aprile l'invio delle risposte negative cumulative da parte degli intermediari finanziari alle indagini finanziarie del fisco. Con una maggiore chiarezza nella richiesta di alcune movimentazioni relative ai rapporti. Sul sito dell'Agenzia delle entrate sono state pubblicate, infatti, le specifiche tecniche che fanno da corollario al provvedimento dell'11 novembre 2007 dell'Agenzia delle entrate in cui si davano istruzioni per gli invii delle risposte positive e negative e si fissavano le sanzioni. Intanto l'amministrazione finanziaria è al lavoro per determinare il nuovo numero di indagini finanziarie da inserire nella convenzione in preparazione.
Per l'anno 2007 era stato previsto infatti il raggiungimento delle 3 mila indagini finanziarie e al momento l'orientamento sembra essere quello di un incremento nell'ordine della metà.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 37