Rassegna stampa del 23 aprile 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Le società di comodo guardano a Unico

Alle Entrate entro aprile le richieste di disapplicazione della disciplina. Per avere risposte entro i termini della dichiarazione

Ancora pochi giorni per gli interpelli delle società di comodo. Le imprese che non superano, per l'esercizio 2007, il test di operatività e che non rientrano in cause di esclusione automatica, devono inviare le istanze di disapplicazione entro aprile per poter ricevere la risposta della direzione regionale entro il termine di Unico 2008.
Dopo le novità della Finanziaria 2008, recepite dal provvedimento delle Entrate del 14 febbraio, si sono ridotti i casi in cui le società realmente operative (diverse, cioè, da quelle costituite per concedere in uso immobili o altri beni a soci o familiari) sono tenute, in presenza di ricavi insufficienti, a presentare istanza di interpello per uscire dalla stretta sugli enti di comodo.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani - art. pag. 29

Sport, il 5 per mille si fa retroattivo

Pronto il decreto che consente alle associazioni riconosciute dal Coni di partecipare alla ripartizione. Entro fine maggio la richiesta per ottenere i contributi del 2006 e 2007

L'allargamento anche retroattivo della platea dei beneficiari al 5 per mille continua a sollevare dubbi, difficoltà operative e quesiti. Se per l'edizione 2008 la scelta del legislatore è stata formulata prima dell'avvio delle procedure di iscrizione, per le edizioni 2006 e 2007 la possibilità per le associazioni sportive dilettantistiche di rientrare negli elenchi è stato disposto a posteriori delle rispettive scadenze, dato che la relativa legge (222/07) è entrata in vigore il 1° dicembre 2007.
Questo ha prodotto un situazione paradossale che i tecnici dei ministeri interessati stanno cercando di sanare anche attraverso un Dpcm in via di predisposizione che impone alle associazioni interessate di chiedere il contributo 2006 e 2007 entro maggio.

Il Sole 24 Ore - C. Mazzini - art. pag. 30

Il Garante salva gli elenchi sul web

Sì condizionato a una norma ad hoc

Via libera alla pubblicazione su Internet dell'elenco degli enti ammessi alla ripartizione del 5 per mille, purchè lo preveda una norma ad hoc.
E' quanto ha chiesto il Garante delle privacy al ministero della Solidarietà sociale, che aveva sottoposto all'Autorità lo schema di Dpcm con le modalità per l'assegnazione del beneficio. L'Autorithy è inoltre intervenuta in materia di contributi comunali per l'acquisto di libri scolastici.

Il Sole 24 Ore - A. Cherchi - art. pag. 30

Operazioni frazionate, la lente delle banche

Antiriciclaggio. Le linee guida dell'Abi

Da mercoledì 30 aprile, ai fini antiriciclaggio, per le banche saranno rilevanti le operazioni, effettuate nell'arco di sette giorni, ciascuna da 5mila euro in su, che configurano "operazione frazionata". Anche se ogni "ordine" movimenta importi inferiori alla soglia di 15mila euro, le operazioni frazionate ricadono nell'obbligo di registrazione nell'archivio unico informatico. Le linee sulle operazioni frazionate stanno arrivando agli istituti dall'Abi.
Sempre dal 30 aprile saranno in vigore i nuovi limiti alla circolazione sul contante con la stretta sugli assegni "liberi", possibili sotto i 5mila euro, ma soggetti all'imposta di bollo di 1,50 euro e tracciati attraverso i codici fiscali di chi effettua la girata.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 33

L'Agenzia gestisce le fatture on-line

Decreto del mineconomia individua gli operatori per l'adempimento tra imprese e p.a. Responsabile del sistema su cui transiteranno le note

Le fatture elettroniche, che diventeranno la regola nei rapporti tra pubblica amministrazione e imprese, transiteranno su un sistema di interscambio gestito dall'Agenzia delle entrate.
Il ministro dell'economia, Tommaso Padoa-Schioppa, ha firmato, infatti, il decreto ministeriale che aggiunge un tassello all'adempimento introdotto dalla Finanziaria 2008 (articolo 1 commi da 209 a 214) sull'obbligo dell'emissione, della trasmissione, della conservazione, e dell'archiviazione in forma elettronica delle fatture emesse nei rapporti con le amministrazioni dello stato. Il provvedimento di cinque articoli suddivide le competenze tra l'Agenzia delle entrate e Sogei. Nel primo caso attribuisce all'Agenzia delle entrate il compito di essere gestore del sistema di interscambio sulla fatturazione elettronica proprio per le competenze riconosciute dalla legge all'Agenzia di perseguire il massimo livello di adempimento degli obblighi fiscali; nel secondo caso riconosce in Sogei la società che sviluppa, conduce e mantiene il sistema informativo della fiscalità. Operativamente le imprese che hanno rapporti con le pubbliche amministrazioni dovranno inviare fatture, anche in forma di nota, conto, parcella e simili solo in forma elettronica e solo attraverso questo sistema di interscambio. Partiranno prima quelle di grandi dimensioni, nei primi sei mesi del 2009 e poi le altre per entrare a regime nel 2010. Ora il secondo tassello: un provvedimento, entro il 31 ottobre 2008, individuerà regole e linee guida.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 40