Rassegna stampa del 24 aprile 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Vuoi un software per l’archiviazione e la conservazione dei libri contabili e delle dichiarazioni fiscali, che sia indipendente dal software che utilizzi per l’elaborazione dei dichiarativi, abbia procedure guidate, ti permetta di risparmiare distruggendo tutti i tuoi archivi cartacei e che magari abbia la delega completa delle responsabilità del processo di conservazione?


Abbiamo quello che fa per te: ArchiviOK Professionisti!

Scopri le funzionalità su www.dataprintgrafik.it

La cartella si fa più chiara

Varato dalle Entrate il nuovo modello che gli agenti dovranno utilizzare. Il responsabile va indicato per i ruoli esecutivi dal giugno 2008

Cambia il modello della cartella di pagamento. Con il provvedimento emanato ieri dal direttore delle Entrate è stato approvato il nuovo medllo di cartella che recepisce le modifiche normative apportate con il decreto legge milleproroghe (248/2007). Modello da subito in vigore visto che in base alle regole fissate con la Finanziaria 2008, per la pubblicità del provvedimento fa fede la pubblicazione sul sito dell'Agenzia. Sulla nuova cartella erano stati aperti nei mesi scorsi una serie di tavoli di confronto da parte di Equitalia (associazioni di consumatori, garanti del contribuente), le cui osservazioni hanno portato il punto di vista dei "destinatari" nell'utilizzo di questo strumento di riscossione.
Nella nuova cartella vengono riportate le indicazioni sul responsabile del procedimento dell'ente creditore, di chi emana e notifica l'atto della riscossionee sulle possibilità di pagamento rateale.

Il Sole 24 Ore - S.Trovato - art. pag. 27

Per il "pubblico" fatture elettroniche con la regia di Sogei

Attuazione per la Finanziaria 2008. La gestione è affidata all'Agenzia

Distinzione di ruoli tra Agenzia delle Entrate (incaricata di gestire il servizio) e Sogei, che sarà il braccio operativo.
Con la possibilità, per la Pa, di aggiornare praticamente in tempo reale, l'eventuale posizione fiscale debitoria di chi emette al fattura elettronica, sino a un tempestivo blocco dei pagamenti (art. 48-bis del Dpr 602/73), oltre a un controllo incrociato tra fatture emesse e dichiarate nelle varie comunicazioni al Fisco.
La Pa non potrà accettare le fatture emesse o trasmesse in forma cartacea nè potrà procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, se non si è inviata la fattura in formato elettronico. In questo modo l'emissione, la trasmissione, l'archiviazione e la conservazione delle fatture emesse nei rapporti con le amministrazioni dello Stato, anche a ordinamento autonomo, e con gli entri pubblici nazionali, anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili. dovranno essere effettuate solo in forma elettronica.

Il Sole 24 Ore - P. Zambon - art. pag. 29

Cinque per mille a tappe

Entrate, Solidarietà sociale e Banca d'Italia alle prese con la liquidazione 2006. I pagamenti inizieranno dagli enti che saranno giudicati "sicuri"

La promessa è quella di cominciare i pagamenti da maggio, ma i problemi tecnici rischiano di rallentare ulteriormente l'operazione. Così il 5 per mille dell'Irpef agli enti di volontariato, di ricerca e, da quest'anno, anche alle associazioni sportive dilettantistiche continua a non trovare pace. Gli enti beneficiari degli aiuti concessi con le dichiarazioni dei redditi 2006 e 2007 non hanno ancora visto un soldo.
In attesa di 193 milioni destinati con le dichiarazioni dei redditi del 2006 al volontariato ci sono circa 21mila enti, mentre, se vinceranno il ricorso, altri 7mila candidati dovranno dividersi 16 milioni. Tra questi ultimi ci sono anche le associazioni sportive dilettantistiche "ammesse" alla ripartizione con effetto retroattivo.

Il Sole 24 Ore - M. Peruzzi - art. pag. 28

Difesa della privacy

Professionisti schierati per l'applicazione del codice della Privacy

Si chiama Privacy Society, ed è la prima Associazione Nazionale fra operatori e consulenti per la tutela dei dati personali. A farne parte alcuni tra professionisti, pubblicisti e avvocati specializzati nella consulenza per l'applicazione del codice della Privacy.
La struttura, presieduta da Luigi Innocenzi, si propone di rappresentare e coinvolgere tutti i professionisti del settore. L'associazione si porrà anche l'obiettivo di riunire coloro che si sono occupati e si occupano della materia, ma anche di monitorare e segnalare comportamenti non corretti.

Italia Oggi - art. pag. 49