Rassegna stampa del 29 aprile 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Il compenso per il Cda non è soggetto a Irap

Decisione della Commissione provinciale di Ancona. Disapplicata l'attrazione nel reddito professionale

E' esente da Irap il compenso incassato dal commercialista per aver ricoperto la carica di consigliere di amministrazione di società. Una nuova vittoria per un professionista privo di organizzazione è giunta dalla Commissione provinciale di Ancona (sentenza n.63/1/2008, depositata il 3 aprile 2008).
Il caso riguardava un dottore commercialista che aveva chiesto il rimborso dell'Irap, ritenendo di averla indibitamente pagata sui compensi incassati per la carica di componenete il consiglio di amministrazione di varie società. L'agenzia ha però segnalato che l'attività di amministratore è riconducibile all'attività di professionale del commercialista e che resta carente la prova del fatto che nell'attività quest'ultimo non si sia comunque avvalso della propria organizzazione di studio.

Il Sole 24 Ore - G. P. Ranocchi, G. Valcarenghi - art. pag. 31

Software con Iva nei servizi tra banche

Corrispettivi. Nelle infrastrutture per i pagamenti

Sono soggetti all'Iva i corrispettivi relativi alla fornitura, gestione e manutenzione di un'infrastruttura telematica volta a realizzare un nuovo sistema di "Corporate banking interbancario".
L'agenzia delle Entrate, con la risoluzione 175/E del 28 aprile, ha chiarito che, in questo caso, non è possibile applicare il registro di esenzione previsto per le operazioni finanziarie in quanto si è in presenza di un'operazione preliminare o propedeutica al servizio di pagamento vero e proprio.
Un'associazione attiva nel settore bancario, interessata all'acquisto di un software da mettere a disposizione delle banche associate, ha chiesto se l'operazione potesse beneficiare dell'esenzione Iva prevista dall'articolo 10, n.1, del Dpr 633/72. Secondo l'Agenzia, che ha richiamato anche giurisprudenza della Corte Ue, l'infrastruttura tecnologica non riproduce interamente operazioni di pagamento, ma assicura solo l'invio al sistema informatico degli input dispositivi dei clienti. In presenza di un'operazione finanziaria frammentata non è quindi possibile applicare l'esenzione Iva.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani - art. pag. 31

Assegni, al via l'archivio telematico

Firmato ieri il provvedimento dell'Agenzia delle entrate che attua le norme antiriciclaggio. Trenta giorni per l'invio dei dati sui titoli in forma libera

Dal 30 aprile al via le nuove modalità di trasmissione telematica dei dati identificativi dei cittadini a cui siano stati rilasciati o che abbiano incassato assegni trasferibili. Banche e poste avranno 30 giorni di tempo dal ricevimento della richiesta da parte dell'Agenzia delle entrate e della guardia di finanza per comunicare le informazioni tramite posta elettronica certificata.
Sono questi i contenuti del provvedimento, firmato da Massimo Romano, direttore dell'Agenzia delle entrate, che dà attuazione alla normativa antiriciclaggio (articolo 49 comma 11 dlgs 231/07). I dati, che saranno trasmessi sulla base di una richiesta dell'Agenzia delle entrate o della guardia di finanza, riguarderanno il nome e il codice fiscale di coloro a cui siano stati rilasciati o che abbiano presentato all'incasso carnet di assegni bancari o postali in forma libera o che abbiano richiesto assegni circolari, vaglia postali o cambiari liberi.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 37

Si apre e chiude con il mod. 770

DICHIARAZIONI/ Le scaletta delle scadenze fa temere ingorghi prima della pausa estiva Si va dal 3 giugno (semplificato) al 31 luglio (ordinario)

Il modello 770 apre e chiude la stagione delle dichiarazioni 2008. Si parte infatti martedì 3 giugno (essendo festivi i giorni precedenti 31 maggio compreso) con l'invio telematico del modello 770/2008 Semplificato e si termina il 31 luglio 2008 con l'invio del modello 770/2008 Ordinario.
Nel mezzo, anzi in concomitanza, c'è il resto del programma ossia la compilazione, i versamenti a saldo e in acconto e l'invio del modello Unico 2008 – redditi 2007.
Se non ci saranno novità o meglio proroghe all'attuale scaletta dei lavori da qui alla fine del mese di luglio non mancherà il da fare. Non ci sono sostanziali differenze nei termini di versamento ed invio del modello Unico sulla base del soggetto tenuto alla compilazione. Sia le persone fisiche che le società e gli enti dovranno infatti provvedere al versamento delle somme risultanti dal modello Unico 2008 entro il giorno 16 giugno senza maggiorazione dello 0,4 per cento.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 38