Rassegna stampa del 9 maggio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Vuoi un software per l’archiviazione e la conservazione dei libri contabili e delle dichiarazioni fiscali, che sia indipendente dal software che utilizzi per l’elaborazione dei dichiarativi, abbia procedure guidate, ti permetta di risparmiare distruggendo tutti i tuoi archivi cartacei e che magari abbia la delega completa delle responsabilità del processo di conservazione?


Abbiamo quello che fa per te: ArchiviOK Professionisti!

Scopri le funzionalità su www.dataprintgrafik.it

La rettifica del bilancio agganciata all'autorizzazione alla pubblicazione

Il consiglio di gestione dell'Oic ha approvato la terza guida operativa su Ias/Ifrs

Rettifiche dei bilanci agganciate al momento dell'autorizzazione alla pubblicazione. Il consiglio di gestione dell'Oic ha approvato la bozza finale della terza guida operativa in tema di aspetti applicativi dei principi Ias/Ifres. Ora la parola passa alle autorità competenti per il definitivo via libera.
La guida (su www.fondazioneoic.it) è un ausilio per tutte le imprese che si trovano a fronteggiare le problematiche conseguenti all'adozione dei principi contabili internazionali. La stessa offre una illustrazione dei principi che come è noto sono stati recepiti a livello europeo dal regolamento 1606/2002.

Italia Oggi - N. Villa - art. pag. 45

Sinistri, l'intermediazione non beneficia di esenzione

IVA/ Risoluzione delle Entrate sulle prestazioni tra compagnie

Le prestazioni di intermediazione nella gestione dei sinistri non possono beneficiare dell'esenzione prevista per le operazioni di assicurazione e per le relative mediazioni.
È quanto ha chiarito l'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 190 dell'8 maggio 2008, in risposta all'istanza di interpello presentata dalla stabile organizzazione italiana di un'impresa assicuratrice tedesca, che riteneva invece di poter ricondurre nell'ambito dell'esenzione i servizi resi ad altre compagnie di assicurazione per la gestione dei sinistri nel ramo rca che vedono coinvolti veicoli assicurati in stati membri diversi.

Italia Oggi - R. Rosati - art. pag. 47

Agevolazioni, revoca senza effetti

Risoluzione dell'Agenzia delle entrate sulle disposizioni che interessano le società non operative. Lo stop alla liquidazione non porta alla riduzione delle aliquote

La revoca della delibera di liquidazione adottata nel 2007 al fine di ottenere il beneficio fiscale per lo scioglimento agevolato secondo le regole del 2008 non consente, in ogni caso, l'accesso a tale ultima disciplina.
È questo, in sintesi, il concetto espresso dall'Agenzia delle entrate nella risoluzione n. 189 di ieri con la quale l'amministrazione finanziaria ha risposto a un quesito finalizzato a conoscere la possibilità di avvalersi della legge n. 244/2007 in materia di scioglimento agevolato in termini di aliquote di imposta sostitutiva più favorevole.
In linea di principio, il documento di prassi diffuso ieri serve a confermare quanto l'Agenzia ha già precisato nelle circolari n. 9 e n. 21 del 2008.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 48

Per i fondi 488 la cassa è chiusa

Lo sviluppo economico blocca i finanziamenti degli ultimi tre anni. A rischio chi ha già investito. Stop all'erogazione dei contributi già assegnati alle imprese

Bloccate le erogazioni sulle agevolazioni stanziate da oltre tre anni, la prima a subire il blocco è la legge 488, le imprese che hanno richiesto i contributi dall'inizio del 2008 non possono riscuoterli, la motivazione sarebbe riconducibile all'ultima Finanziaria, che nell'interpretazione del ministero dello sviluppo economico blocca i fondi su stanziamenti perenti da oltre tre anni.
Le prime imprese che hanno subito il blocco delle erogazioni sono quelle in attesa dei fondi sulla 488 che non avevano cofinanziamento comunitario, poiché le banche concessionarie hanno ricevuto delle comunicazioni con le quali il ministero impone di non procedere all'invio delle richieste di erogazione per progetti i cui oneri siano impegnati su stanziamenti relativi agli anni 2004 e precedenti.
È evidente il disagio per le imprese che si trovano a questo punto con gli investimenti effettuati e nell'impossibilità di riscuotere i contributi spettanti. A completare il quadro le banche, correttamente, invitano comunque le imprese a inviare la documentazione finale, rispettando i termini previsti dei sei mesi dall'ultimazione, in difetto scatta la revoca.

Italia Oggi - R. Lenzi - art. pag. 51