Rassegna stampa del 15 maggio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Vuoi un software per l’archiviazione e la conservazione dei libri contabili e delle dichiarazioni fiscali, che sia indipendente dal software che utilizzi per l’elaborazione dei dichiarativi, abbia procedure guidate, ti permetta di risparmiare distruggendo tutti i tuoi archivi cartacei e che magari abbia la delega completa delle responsabilità del processo di conservazione?


Abbiamo quello che fa per te: ArchiviOK Professionisti!

Scopri le funzionalità su www.dataprintgrafik.it

Studi, tornano le lettere

Le Entrate hanno predisposto centomila avvisi per i contribuenti "anomali". Ma sugli invii pesa l'incognita della staffetta all'Agenzia

Tutto pronto per la partenza delle lettere destinate ai contribuenti per "avvisarli" di mettersi in regola con gli studi di settore quando presentano Unico. Per quest'anno è, infatti, stato già approntato tutto - come segnalano fonti delle Entrate - per l'invio di circa centomila lettere da spedire ai contribuenti "anomali" con i dati dichiarati attraverso Gerico.
L'operazione è in linea con quanto avvenuto lo scorso anno quando furono inviate 113 mila lettere. Ma non è detto che all'ultimo momento non arrivi un colpo di freno, visto l'addio di Massimo Romano.

Il Sole 24 Ore - A, Criscione - art. pag. 25

Mutui, miraggio portabilità

Legge Bersani e Finanziaria ancora sulla carta. Guida del Notariato con i consumatori. Surroga inattuata. Nuovi contratti a costi insormontabili

Mutui, nuove istruzioni per l'uso. A circa un anno dalla pubblicazione del Mutuo informato, il Notariato e le associazioni dei consumatori fanno il bis aggiornando la loro guida. E mettono in guardia gli utenti di fronte a uno scenario del mercato dei mutui ipotecari profondamente modificato.
Dopo oltre un anno dall'entrata in vigore della legge 40/2007 (Bersani-bis) che prevede la surrogazione delle ipoteche sui mutui senza oneri per il mutuatario e della Finanziaria 2008 che ha introdotto la possibilità della rinegoziazione, numerosi consumatori continuano a segnalare difficoltà nelle applicazioni pratiche delle nuove norme. La causa: silenzi e inadempienze degli istituti bancari. E non è un caso che ieri il presidente dell'antitrust Antonio Catricalà abbia fatto sapere di aver avviato dieci istruttorie nei confronti di altrettante banche per pratiche commerciali scorrette.
Insomma, la legge c'è, ma nella maggior parte dei casi è rimasta inattuata. E intanto fioccano le denunce di cittadini che si vedono negare le nuove condizioni e proporre contratti analoghi ma con costi insormontabili.

Italia Oggi - B. P. Pacell - art. pag. 43

Pronti gli strumenti per il federalismo

Dal convegno Sogei al Forum p.a.

Il federalismo fiscale ha già a disposizione tutti gli strumenti tecnici e quindi è perfettamente realizzabile. Nonostante spetti al governo operare le scelte strategiche su tale argomento, ci sono «milioni di miliardi di dati» a cui il ministero può attingere per elaborare gli interventi.
Sono queste le conclusioni tratte ieri mattina dal convegno organizzato dalla Sogei, il partner Ict dell'amministrazione finanziaria, organizzato a Roma nell'ambito del Forum p.a.. Gilberto Ricci, presidente della società, ha sottolineato che una quota delle entrate tributarie nazionali «è già devoluta agli enti locali, soprattutto alle regioni, a copertura della spesa sanitaria».

Italia Oggi - art. pag. 46

Enti, uffici tributi all'angolo

Corte conti Sardegna: danno erariale se non si modifica l'avviso di accertamento. Il dirigente deve esaminare le tesi del contribuente

Il responsabile dell'ufficio tributi di un comune ha l'obbligo di prendere in considerazione tutti gli elementi oggettivi che il contribuente porta a sostegno delle proprie ragioni al fine di modificare il quantum di un accertamento fiscale. È foriera di danno erariale la condotta del dirigente che non modifica, sussistendone tutti i presupposti, l'ammontare di avviso di accertamento relativo alla Tarsu, costringendo il contribuente ad adire il giudice tributario che, al termine del giudizio, annulla l'avviso e condanna il comune resistente alle spese processuali.
Lo ha deciso la sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Sardegna nel testo dell'interessante sentenza n. 837/2008, con la quale ha fatto luce sui riflessi che possono nascere da comportamenti «arroccati» di pubblici dipendenti a danno dei cittadini/utenti.

Italia Oggi - A. G. Paladino - art. pag. 48