Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 20 maggio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Il bonus ricerca debutta con spese generali a forfait

Al via le agevolazioni previste dalla Finanziaria 2007 per le imprese. Lo sconto varia dal 10 al 15% dell'impegno sostenuto

Debutta nel quadro RU di Unico 2008 il credito d'imposta per le attività di ricerca e sviluppo. L'incentivo - introdotto dalla Finanziaria 2007 e poi modificato dalla manovra del 2008 - è stato regolamentato con il decreto del ministero dello Sviluppo economico n.76 del 28 marzo 2008 (in vigore dal 3 maggio 2008) ed è quindi effettivamente pronto all'uso.
La Finanziaria 2007 ha introdotto, dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2009, un credito d'imposta per le imprese nella misura del 10% dei costi sostenuti per attività di ricerca e sviluppo. La percentuale sale al 15% se i costi di ricerca e sviluppo sono riferiti a contratti stipulati con università ed enti pubblici di ricerca. Quest'ultima percentuale è stata elevata al 40% dalla Finanziaria 2008, in vigore dal 1° gennaio scorso.

Il Sole 24 Ore - C. Odorizzi - art. pag. 31

Chiamate senza risposta registrate

CONSIGLIO DEI MINISTRI/ Uno schema di decreto finalizzato alla repressione dei reati. I gestori dei servizi di tlc devono conservare i dati 30 giorni

I gestori dei servizi di telecomunicazione dovranno conservare per sei mesi in più i dati relativi al traffico telematico per finalità di accertamento e repressione dei reati e dovranno continuare a mantenere traccia delle chiamate senza risposta, anche se soltanto per 30 giorni. In caso contrario, rischieranno pesanti sanzioni pecuniarie.
Con lo schema di decreto legislativo che verrà discusso domani dal consiglio dei ministri verrà operato un vero e proprio restyling dell'art. 132 del Codice privacy (dlgs n. 196/2003), in modo da renderlo conforme a quanto previsto dalla direttiva europea 2006/24/Ce.
Si tratta senz'altro di una buona occasione per armonizzare la disciplina in tema di conservazione dei dati generati o trattati nell'ambito della fornitura dei servizi di comunicazione elettronica (l'art. 6 della direttiva consente un termine di conservazione dai sei ai 24 mesi), anche nell'ottica di agevolare e garantire la repressione della criminalità, informatica e non.

Italia Oggi - G. Di Rago - art. pag. 39

Diritto di recesso nelle fusioni

CONSIGLIO DEI MINISTRI/ Attuazione per la direttiva sulle operazioni transfrontaliere. Garanzie ai soci dissenzienti. Conguagli cash oltre il 10%

Il socio dissenziente dalla fusione transfrontaliera potrà esercitare il diritto di recesso; possibile la fusione transfrontaliera anche con conguaglio in denaro superiore al 10%; necessaria la partecipazione dei lavoratori all'organo amministrativo anche se la legislazione nazionale non la prevede; queste alcune delle caratteristiche che lo schema di decreto legislativo di recepimento della decima direttiva Ce (n. 2005/56/CE) prevede; schema che sarà discusso domani in consiglio dei ministri.
Relativamente all'ambito di applicazione del decreto legislativo, la scelta è stata quella di escludere l'applicabilità della direttiva alle fusioni internazionali, quelle cioè che coinvolgono società non costituite in uno stato membro della Comunità europea. Altro aspetto delicato è quello relativo alla disciplina nazionale applicabile. Nei casi in cui non si rendesse possibile la contemporanea applicazione delle norme dettate in generale per le fusioni domestiche, e più specificamente per le fusioni transfrontaliere, dai singoli ordinamenti coinvolti, si è ritenuto opportuno dare prevalenza all'ordinamento della società risultante dalla fusione.

Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 40

Sconti sugli affitti per tutti

Le Entrate estendono il beneficio pure agli atti privi di riferimenti normativi. Detrazione anche sui contratti antecedenti al '98

Sconti sugli affitti a maglie larghe. Le detrazioni per i canoni di locazione previsti dall'ultima legge finanziaria si applicano infatti anche a una serie di contratti che presentano particolarità dal punto di vista normativo, ossia stipulati prima dell'entrata in vigore della legge n. 431/1998 oppure successivamente, ma facendo riferimento alla vecchia disciplina o, in ultimo, omettendo ogni tipo di riferimento legislativo.
È quanto ha chiarito l'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 200 del 16 maggio 2008.

Italia Oggi - V. Stroppa - art. pag. 42


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter