Rassegna stampa del 21 maggio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Vuoi un software per l’archiviazione e la conservazione dei libri contabili e delle dichiarazioni fiscali, che sia indipendente dal software che utilizzi per l’elaborazione dei dichiarativi, abbia procedure guidate, ti permetta di risparmiare distruggendo tutti i tuoi archivi cartacei e che magari abbia la delega completa delle responsabilità del processo di conservazione?


Abbiamo quello che fa per te: ArchiviOK Professionisti!

Scopri le funzionalità su www.dataprintgrafik.it

Trasparenza, perdite inefficaci

Dichiarazioni 2008. Limitata la possibilità di far valere i risultati negativi maturati prima dell'avvio del regime

Per i soci di società trasparenti prende il via, con Unico 2008, il divieto di compensare le perdite anteriori al regime con il reddito della partecipata.
Le istruzioni al quadro RN sono state adeguate alle nuove regole, ma lasciano spazio a dubbi interpretativi.
Novità anche per l'utilizzo delle perdite nel consolidato fiscale e per i contribuenti che usufruiscono di esenzioni dell'utile o del reddito.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani - art. pag. 35

Internet, Url protette dalla privacy

Lo schema di dlgs sulla conservazione dati esclude ricerca web e indirizzi Ip

Url protette dalla privacy. Fuori dal sistema di data retention sia i contenuti della ricerca in internet sia l'indirizzo Ip di destinazione della comunicazione.
Lo prevede lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2006/24/Ce, riguardante la conservazione di dati generati o trattati nell'ambito della fornitura di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico o di reti pubbliche di comunicazione, a sua volta modificante la direttiva 2002/58/Ce, che ha disciplinato il settore delle comunicazioni elettroniche.
La direttiva e quindi il dlgs italiano mettono un po' di ordine, e uno degli aspetti più rilevanti riguarda l'elencazione delle categorie di dati da conservare per gli operatori di telefonia e di comunicazione elettronica.

Italia Oggi - art. pag. 33

Ici, esenzione ampia

Una sentenza della Cassazione sui soggetti non profit. Sconto anche in caso di detenzione

In tema di Ici, l'esenzione prevista dall'art.7, comma 1, lett. i) del dlgs n. 504/92, spetta anche nel caso in cui la relazione tra l'immobile ed il soggetto passivo del tributo sia di detenzione e non di possesso, con la conseguenza che il soggetto no profit ha diritto all'esenzione prevista dall'articolo richiamato anche se l'immobile non è stato effettivamente utilizzato, purché rimanga nella sfera della sua disponibilità.
Lo ha chiarito la Cassazione nella sentenza n. 9948/2008. La norma in esame prevede che sono esenti dall'imposta gli immobili utilizzati dai soggetti inclusi all'articolo 87 del Tuir destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, ricreative e sportive, nonché delle attività previste dall'articolo 16 della legge n. 222/1985.

Italia Oggi - A. G. Paladino - art. pag. 36

Blindato il reddito minimo Irap

Una risoluzione frena l'utilizzo di componenti attive Società di comodo: il valore dell'Ires vincola l'imponibile

Per le società di comodo il reddito minimo Ires vincola la determinazione della base imponibile ai fini dell'imposta regionale sulle attività produttive. Le non operative non possono pertanto invocare la presenza di componenti attive, quali i proventi da partecipazione, al fine di ridurre, di pari importo, il reddito minimo Irap la cui determinazione è vincolata dal disposto di cui all'articolo 30, comma 3-bis della legge n. 724/1994.
Il reddito minimo Irap potrà però essere diminuito per tener conto delle deduzioni concesse dalla norma, cuneo fiscale in primis.
È questa in estrema sintesi la risposta fornita nell'ambito dell'attività di consulenza giuridica, dall'amministrazione finanziaria nella risoluzione n. 206/E di ieri.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 37

Elenchi Iva 2007, correzioni al via

Lo prevede il provvedimento delle Entrate, indipendentemente dal ravvedimento operoso. Entro il 29/5 possibile la ritrasmissione dei dati clienti-fornitori

I contribuenti che hanno commesso errori od omissioni nella compilazione degli elenchi clienti e fornitori relativi al 2007 potranno trasmettere entro il 29 maggio elenchi sostitutivi, previo annullamento di quelli precedenti.
Il quadro normativo induce a ritenere che questa regolarizzazione, espressamente prevista dal provvedimento dell'Agenzia delle entrate del 25 maggio 2007, possa effettuarsi senza l'applicazione di sanzioni, ma sul punto non si conosce ancora la posizione dell'amministrazione finanziaria.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 39