Rassegna stampa del 5 giugno 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Bonus investimenti con doppio controllo

Provvedimento pubblicato in "Gazzetta". Fondi ridotti per il 2008. Erogazioni più rigide

Taglio agli stanziamenti e cancellazione dell'automatismo per fruire del credito d'imposta sugli investimenti al Sud in beni strumentali nuovi: sono i due filtri messi a punto dal Governo per il bonus previsto dalla Finanziaria 2007 (articolo 1, commi da 271 a 279, legge 296/2006).
Il decreto legge 97/2008, pubblicato sulla "Gazzetta Ufficiale" del 3 giugno, motiva la manovra sui crediti d'imposta con l'esigenza di garantire "l'effettiva copertura nell'ambito dello stanziamento nel bilancio dello Stato", nel rispetto dei diritti quesiti e nel segno della "certezza delle strategie di investimento". Per il 2008 sono resi disponibili 63,9 milioni, contro i 377 preventivati, in prima battuta, con la Finanziaria 2007.
La riduzione della disponibilità finanziaria è poi accompagnata con la necessità di ottenere il nulla osta per fruire del bonus investimenti sui macchinari e farà fede la "rapidità" nel presentare il piano, attraverso il formulario predisposto dall'agenzia delle Entrate.

Il Sole 24 Ore - T. Morina - art. pag. 31

Irap, piccoli professionisti fai-da-te

La risposta del mineconomia al question time alla camera. In arrivo una circolare ad hoc. Niente imposta se si è certi di non avere organizzazione

Nella certezza della mancanza del presupposto oggettivo per l'assoggettamento all'Irap, il professionista può evitare la compilazione del relativo quadro e la relativa mancanza non inciderà, né sul corretto invio telematico del modello Unico, né precluderà l'attività di controllo da parte dell'amministrazione finanziaria.
Questa è l'indicazione più interessante emersa nella risposta immediata (question time) fornita dal sottosegretario all'economia, Daniele Molgora, all'interrogazione proposta in commissione finanze della camera da Maurizio Leo (Pdl), riguardo alle modalità di applicazione dell'imposta sulle attività produttive (Irap), alla luce dei numerosi e recenti indirizzi della giurisprudenza di merito, con particolare riferimento alla corretta definizione di «autonoma organizzazione».

Italia Ogg - F. G. Poggiani - art. pag. 33

Incongruenze, replica possibile

STUDI DI SETTORE/ L'Agenzia delle entrate: i dati degli ultimi tre anni presentano discrepanze. In arrivo 81 mila lettere per i contribuenti con anomalie

Studi di settore, l'Agenzia avvisa gli «anomali» e attende le loro risposte. Sono infatti in arrivo circa 81 mila lettere ad altrettanti contribuenti soggetti agli studi di settore per i quali l'esame dei modelli dati, relativi al triennio 2004-2006, hanno evidenziato rilevanti anomalie. Entro il prossimo mese di luglio questi contribuenti potranno anche replicare alle Entrate e fornire precisazioni in ordine ai comportamenti adottati.
L'Agenzia ripete dunque l'operazione di sensibilizzazione già sperimentata lo scorso anno, quando le lettere inviate furono 113 mila. Lo scopo dell'iniziativa è ovviamente quello di dissuadere i contribuenti da comportamenti poco corretti nella compilazione dei modelli rilevanti ai fini del calcolo degli studi di settore.
Le missive si rivolgono in particolare a quei soggetti che presentano anomalie o incongruenze nella gestione del magazzino con incoerenze fra le rimanenze finali dichiarate in un periodo d'imposta e le esistenze iniziali dichiarate per il periodo d'imposta successivo e nella gestione dei beni strumentali.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 39

Cartelle di pagamento, rischi truffa

Equitalia

Rischio truffa sulle cartelle di pagamento. L'allarme è lanciato da Equitalia, che mette in guardia i cittadini riguardo al pericolo di frode. In questi giorni, spiega la società che gestisce la riscossione, alcuni contribuenti si vedono recapitare, per e-mail, dall'indirizzo esattoria.romaest@googlemail.com, da una fantomatica Romina Rocchi (viceresponsabile del Dipartimento Esattoria) la richiesta di saldo, gravato da pene pecuniarie, per il pagamento oltre la scadenza della cartella unica delle tasse. Equitalia spa avvisa che, pur con un apparente linguaggio burocratico la richiesta di pagamento è un tentativo di truffa, in quanto non esiste il Dipartimento esattoria, la denominazione cartella esattoriale non è corretta e tanto meno esiste la cartella unica delle tasse.
Infine, in nessun caso gli agenti della riscossione inviano cartelle di pagamento utilizzando la posta elettronica. Pertanto, conclude la nota, i cittadini sono invitati a prestare la massima attenzione e a segnalare eventuali tentativi di raggiro alle autorità di polizia competenti.

Italia Oggi - art. pag. 40