Rassegna stampa del 9 giugno 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Gerico "pesa" le non operative

Indicazioni su studi di settore e società di comodo fornite dall'Agenzia all'incontro con i commercialisti. Escluso dalle disposizioni antielusive solo chi si colloca in linea con i ricavi

Soltanto chi si colloca, anche per effetto dell'adeguamento, al livello più alto dell'intervallo di confidenza (ricavo puntuale) può beneficiare dell'esclusione dalla disciplina delle società non operative (articolo 30 del Dpr 724/94). E' quanto hanno chiarito le Entrate nel corso dell'evento Map di giovedì.
Tuttavia, il posizionamento naturale del contribuente all'interno dell'intervallo di confidenza non è privo di conseguenze sul piano pratico, considerato che l'amministrazione ne terrà conto per l'attività di accertamento.
E' necessario allora distinguere tra contribuenti che applicano gli studi evoluti quest'anno (in vigore dal 2007) e coloro che presenteranno studi entrati in vigore in precedenti periodi d'imposta, in ragione del differente intervallo di confidenza.

Il Sole 24 Ore - sabato 7 giugno - B. Santacroce - art. pag. 32

L'antiriciclaggio passa l'esame

Le misure introdotte nel 1997 non contrastano con la delega

La normativa antiriciclaggio passa l'esame di costituzionalità. Almeno sotto il profilo della congruità tra legge delega e apparato sanzionatorio.
Davanti alla Corte costituzionale era finita la disciplina introdotta dal decreto legislativo n. 153 del 1997 e, in particolare, le sanzioni stabilite dall'articolo 5, comma 3 per forme di abusivismo nell'esercizio dell'attività finanziaria.
La norma prevede le sanzioni penali della reclusione da sei mesi a quattro anni e una multa che può arrivare sino a 10.329 euro. Un regime che sarebbe, ad avviso dei tribunali di Cagliari, Novare e Mondovì, del tutto disallineato rispetto a quanto previsto dalla delega, che vincolava il legislatore a prevedere solo contravvenzioni da punire con misure non superiori a quanto stabilitò per i reati disciplinati dal decreto n. 143 del 1991.

Il Sole 2 Ore - sabato 7 giugno - G. Negri - art. pag. 33

La Privacy ammette le password vocali

Dal Garante spazio ai dati biometrici

Via libera del Garante della privacy all'utilizzo dei dati biometrici come base per generare password. In particolare, il meccanismo sottoposto dalla Michelin Italia all'Authority riguarda l'uso della voce dei dipendenti come parametro per impostare automaticamente i codici di accesso ai sistemi informativi dalla società.
L'Autorità è inoltre intervenuta per bloccare la pubblicazione su Internet di graduatorie di concorso separate per gli invalidi civili.

Il Sole 2 Ore - sabato 7 giugno - A. Cherchi - art. pag. 33

Ici, la dichiarazione è per pochi

I comuni non potranno introdurre alcune comunicazione in sostituzione dell'adempimento. C'è più tempo dopo lo slittamento del modello Unico 2008

Dichiarazioni Ici per pochi contribuenti e comunque con la proroga stabilita per i modelli unici. Nessuna possibilità per i comuni di introdurre comunicazioni in sostituzione della dichiarazione. Non c'è solo l'esenzione per l'abitazione principale tra le novità di quest'anno in tema di Ici.
Di certo la previsione del decreto legge 93/2008 è quello che avrà il maggior impatto per i contribuenti se non altro perché avrà come effetto quello di ridurre di molto il numero degli stessi. Ma anche le novità in tema di dichiarazione hanno al loro importanza anche se ormai limitata a coloro i quali sono rimasti soggetti passivi.

Italia Oggi - sabato 7 giugno - N. Villa - art. pag. 39

Impresa in un clic, fase due

Firma digitale e posta elettronica certificata requisiti minimi per partire

Si avvicina il giorno (19 agosto) per l'avvio dell'obbligo della comunicazione unica per l'avvio dell'attività di impresa prevista dal decreto Bersani (articolo 9 della legge 40/07) e presso le Camere di commercio continuano le attività per il lancio definitivo delle nuove procedure che consentiranno di gestire i quattro adempimenti di "registrazione" delle imprese (Registro delle imprese, agenzia delle Entrate, Inps e Inail) tramite un unico interlocutore rappresentato dall'ufficio del registro delle imprese istituito presoo le Camere di commercio.
Dallo scorso 19 febbraio è in corso la sperimentazione della comunicazione unica (in una decina di Camere di commercio) che ha consentito di gestire alcune centinaia di pratiche con la procedura integrata. I meccanismi sono rodati e nei prossimi giorni la sperimentazione sarà ampliata a tutti gli enti camerali su base nazionale in accordo con gli enti interessati.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e Tributi - M. Pirazzini - art. pag. 6

Xbrl, invii sperimentali per 5.000

Il primo monitoraggio di Infocamere dopo la chiusura della campagna 2008 dei depositi. Le società hanno trasmesso i bilanci con il nuovo formato

Viaggiano i dati dei bilanci on-line con la modalità Xbrl di circa 5.000 imprese. Il formato che consente una comparazione immediata dei dati di bilancio. Entro il 29 maggio 2008 (scadenza del deposito telematico) alle società, tenute alla trasmissione telematica dei bilanci al Registro imprese, come già accaduto per il 2007, è stata concessa la facoltà, di allegare, in via sperimentale, alla tradizionale pratica di deposito, fondata su Pdf o Tiff, un file contenente la codifica, in Xbrl, dei prospetti di stato patrimoniale (completo dei conti d'ordine) e conto economico.
In 5.000 hanno scelto questa opzione, facendo lievitare il numero del 2007, primo anno di sperimentazione, durante il quale sono state 500 le società coinvolte nell'invio del nuovo formato.

Italia Oggi Sette - A. Fradeani- art. pag. 6