Rassegna stampa dell'8 luglio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

In studio conviene il conto dedicato

Lotta all'evasione. I possibili effetti per i professionisti dopo l'abolizione degli obblighi

Tracciabilità dei compensi ai professionisti depotenziata dall'abrogazione del divieto all'uso del contante e dell'obbligo di tenere un conto corrente dedicato all'attività. Tuttavia, a questi due interventi non si accompagna una ridotta incidenza dei poteri accertativi del Fisco in materia di indagini finanziarie collegate ai conti correnti (articolo 32 del Dpr 600/73).
E così la tenuta di conti dedicati all'attività professionale, unitamente agli incassi mediante strumenti finanziari tracciabili, sembrano paradossalmente in grado di assicurare ai professionsiti una più efficace difesa rispetto alle ricostruzioni delle operazioni bancarie effettuate dai verificatori.

Il Sole 24 Ore - A. Mastromatteo, B. Santacroce - art. pag. 29

Il 55% anche per i lavori in corso

Risoluzione sull'agevolazione per il risparmio energetico. Detrazione estesa ai pagamenti a rate (se fatti con bonifici)

Detrazione del 55% spettante per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, comprese quelle relative alle spese di smontaggio e dismissione di quello precedente, ma solo se strettamente connesse alla realizzazione dell'intervento destinato al risparmio energetico.
E la detrazione è fruibile anche per i lavori in corso, limitatamente alle spese effettivamente sostenute dal contribuente nel periodo d'imposta considerato, anche in presenza di pagamenti rateali, purché effettuati a mezzo bonifico.
Con la risoluzione 283/E di ieri, l'Agenzia delle entrate è intervenuta sulla corretta applicazione e fruizione della detrazione del 55%, finalizzata al risparmio energetico, di cui al comma 347, dell'articolo 1, legge 27/12/2006, n. 296 (Finanziaria 2007).

Italia Oggi - F. G. Poggiani - art. pag. 31

Servizi, Iva agevolata più ampia

La proposta di Bruxelles rende stabili le misure per le prestazioni ad alta intensità di lavoro. Aliquota ridotta permanente e con raggio d'azione allargato

Stabilizzare l'aliquota Iva ridotta sui servizi ad alta intensità di lavoro, estendendola inoltre ad altri settori, come la ristorazione.
Questo, in sintesi, il contenuto di una proposta presentata ieri dalla Commissione europea, che si prefigge di rendere definitiva l'agevolazione temporanea, in scadenza il 31 dicembre 2010, e di ampliarne la portata oggettiva in modo da rimediare a quella che è ritenuta un'incongruenza provocata dall'attuale normativa.
La soluzione suggerita dall'esecutivo comunitario è di consentire a tutti i paesi membri di applicare permanentemente, in via facoltativa, aliquote Iva ridotte per alcuni servizi, nei settori in cui vi siano prove sufficienti che ciò non possa creare problemi per il buon funzionamento del mercato interno. I settori interessati, di conseguenza, sono principalmente quelli ad alta intensità di lavoro e taluni servizi forniti a livello locale, compresi i servizi di ristorazione.

Italia Oggi - R. Rosati - art. pag. 35

Enti locali, invii fino a settembre per i dati dei consuntivi 2007

Lo ricorda una deliberazione della Corte dei conti che individua gli adempimenti

È partita la stagione dell'invio alla Corte dei conti dei dati relativi ai consuntivi 2007. Dal 2 luglio scorso e fino al 28 settembre prossimo, province, comuni e comunità montane saranno chiamati a ottemperare alla trasmissione dei documenti conclusivi di bilancio alla magistratura contabile.
Lo ricorda la deliberazione n. 7/2008 della sezione autonomie della Corte dei conti, che dà attuazione all'obbligo per gli enti locali di trasmettere i propri rendiconti della gestione ai fini del referto da rendere al parlamento e del consolidamento dei conti pubblici.
Come si ricorderà, infatti, tra gli obblighi cui la magistratura contabile è chiamata c'è quello di riferire annualmente al parlamento sull'andamento generale della finanza regionale e locale, dopo aver verificato il rispetto degli equilibri di bilancio da parte di comuni, province, città metropolitane e regioni, in relazione sia al patto di stabilità interno sia agli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea.

Italia Oggi - A. G. Paladino - art. pag. 37