Rassegna stampa del 31 luglio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Vuoi un software per l’archiviazione e la conservazione dei libri contabili e delle dichiarazioni fiscali, che sia indipendente dal software che utilizzi per l’elaborazione dei dichiarativi, abbia procedure guidate, ti permetta di risparmiare distruggendo tutti i tuoi archivi cartacei e che magari abbia la delega completa delle responsabilità del processo di conservazione?


Abbiamo quello che fa per te: ArchiviOK Professionisti!

Scopri le funzionalità su www.dataprintgrafik.it

Dal "milleproroghe" l'agenda dei contribuenti

Via libera dell'aula del Senato al decreto legge 97/08. Al 31 ottobre la rivalutazione di quote e terreni

Diventa definitivo il nuovo calendario per presentare le dichiarazioni dei redditi. Ieri l'Aula del Senato, con 161 voti favorevoli, 115 contrari e un astenuto, ha dato il via libera finale al decreto milleproroghe (97 del 2008), che contiene, tra l'altro, le proroghe fiscali. Si è chiusa così a tempo di record la terza lettura del provvedimento, divenuta necessaria dopo l'incidente" di martedì: quando il Governo è stato battuo in Aula alla Camera, con l'approvazione di un emendamento presentato dall'opposizione, in base al quale il riferimento ai carburanti sintetici è limitato a quelli ricavati dalle bionmasse.
Palazzo Madama ha così scongiurato la decadenza del decreto: i 60 giorni dall'entrata in vigore (avvenuta il 3 giugno) sarebbero infatti scaduti sabato 2 agosto.

Il Sole 24 Ore - G. Gavelli - art. pag. 23

Privacy, stop del Garante per i data-base "fai da te"

Riservatezza. Linee guida sui consulenti dei tribunali

Stop alle banche dati fatte in casa. Contenitori illegali di informazioni personali, con numeri a volte impressionanti. "Brodo di coltura", come li definisce il Garante della privacy, Francesco Pizzetti, di attività di dossieraggio e traffici già accertati dalla magistratura. Come nel caso dell'inchiesta Telecom.
Quello del Garante non è solo un auspicio o un monito: l'Autorità per la protezione dei dati personali ha emanato le linee guida, attese oggi in "Gazzetta Ufficiale", per consulenti tecnici e periti ausiliari del giudice e del pubblico ministero. Professionisti che, proprio grazie a un mandato espresso dell'autorità giudiziaria, possono raccogliere informazioni personali di qualunque tipo e non solo nel corso di un procedimento penale. Con la possibilità di alimentare continuamente un serbatoio di dati sconfinato. E la tentazione di trasformarlo in una fornitura illegale di dossier da proporre al miglior offerente.

Il Sole 24 Ore - M. Ludovico - art. pag. 23

P.a., blocco pagamenti con limiti

Circolare della ragioneria generale dello stato chiarisce il collegato alla Finanziaria 2007. I rimborsi fiscali e i sussidi dovuti anche a chi moroso

Via libera al pagamento da parte delle pubbliche amministrazioni di rimborsi fiscali e assistenziali, sussidi o finanziamenti a interventi di ordine pubblico o di difesa nazionale. Anche se il beneficiario degli importi inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o pi cartelle esattoriali per un ammontare superiore a 10 mila euro. Il meccanismo non opera laddove i destinatari dei pagamenti siano a loro volta enti pubblici o societ a totale partecipazione statale diretta.
I chiarimenti arrivano dal ministero delleconomia, più precisamente dalla ragioneria generale dello stato, che con la circolare n. 22 del 29 luglio ha superato i dubbi interpretativi prospettati dagli operatori negli ultimi mesi.

Italia Oggi - V. Stroppa - art. pag. 27

Auto Ue, uso proprio senza l'F24

I CHIARIMENTI DEL FISCO/ Circolare sul regime Iva dei veicoli di provenienza estera. L'obbligo speciale antifrode non vale per i beni strumentali

Per immatricolare i veicoli acquistati in altri paesi Ue, non occorre effettuare il versamento dell'Iva con lo speciale modello F24 se l'acquisto finalizzato all'uso proprio del mezzo; rimane per necessaria la comunicazione al dipartimento dei trasporti. Se ad acquistare invece è un rivenditore, l'obbligo sussiste anche se l'immatricolazione è effettuata in nome proprio, per motivi commerciali, anteriormente alla prima rivendita; in questo caso, il versamento sarà considerato un'anticipazione.
Sono alcuni chiarimenti forniti dall'agenzia delle entrate con la circolare n. 52 del 30 luglio 2008, in ordine alle problematiche generate dall'attuazione delle disposizioni dei commi 9 e ss. dell'art. 1 del dl n. 262/2006, con le quali, al fine di contrastare le frodi all'Iva nel settore del commercio intracomunitario di veicoli, è stato stabilito, in pratica, che l'immatricolazione o la successiva voltura di autoveicoli, motoveicoli e loro rimorchi, anche nuovi, oggetto di acquisto intracomunitario a titolo oneroso, non provvisti di codice antifalsificazione, subordinata al pagamento dell'Iva assolta sulla prima cessione interna, da effettuarsi con uno speciale modello F24.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 29