Rassegna stampa del 2 settembre 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PrivacyXp Aggiornamenti Richiedi informazioni

Trasferte, Iva alla svolta

Operativa da ieri la nuova detrazione sulle spese in alberghi e ristoranti. Distinta unica per semplificare la gestione in azienda

La nuova gestione delle fatture Iva su vitto e alloggio aumenta gli oneri amministrativi delle imprese. Ma c'è un metodo utile a semplificare gli adempimenti: per le fatture di importanza inferiore a 154,94 euro, infatti, può essere annotato un unico documento riepilogativo.
Da ieri, l'articolo 83 della legge 133/2008, modificando l'articolo 19-bis 1, comma 1, lettera e) del Dpr 633/72, ha soppresso l'indetraibilità oggettiva dell'Iva sulle spese per servizi di vitto e alloggio. Pertanto, nel caso siano inerenti all'attività di impresa arte o professione, l'Iva relativa a queste spese è sempre detraibile, salvo l'ipotesi in cui le stesse riguardino spese di rappresentanza.

Il Sole 24 Ore - M. Magnani - art. pag. 27

Verbale per semaforo rosso? Il testimone salva dalla multa

Cassazione accoglie le ragioni dell'automobilista

Buone notizie per gli automobilisti che ritengono di essere stati multati ingiustamente per essere passati col semaforo rosso. In questo caso il verbale di contravvenzione dei vigili non vale fino a querela di falso e quindi può essere annullato se il conducente prova con dei testimoni che le cose sono andate diversamente.
È quanto affermato dalla corte di Cassazione che, con la sentenza 21816, ha accolto il ricorso di una automobilista romana che era stata multata per essere passata con il rosso. Lei si era sempre difesa sostenendo che questo non era vero e che il vigile aveva visto male. Ma il giudice di pace della capitale, a gennaio del 2005, le aveva dato torto respingendo l'opposizione e convalidando il verbale di contravvenzione.
Lei ha fatto ricorso alla Cassazione e qui le cose sono cambiate: la Seconda sezione civile ha accolto le ragioni della donna precisando che in questi casi il verbale dei vigili non fa «piena prova fino a querela di falso».

Italia Oggi - art. pag. 33

Firma digitale per tutte le pratiche

Le indicazioni della Fondazione studi dei consulenti del lavoro ai consigli provinciali. Al via il rilascio del Documento unico di iscrizione (Dui)

Consigli provinciali dell'Ordine pronti all'operazione di rilascio del Documento unico di iscrizione (Dui) in formato tessera.
Spetta, infatti, a loro la raccolta della documentazione relativa dalla richiesta dell'iscritto e l'invio al gestore tramite la Fondazione studi del Cno.
A fine luglio, con l'accordo quadro siglato dal Consiglio nazionale dell'Ordine e Teleconsul Editore Spa, è nato uno strumento che consente l'identificazione certificata del professionista nella gestione delle pratiche telematiche con gli istituti. Il Documento Unico di iscrizione contiene la firma digitale, con durata triennale, il certificato di ruolo, gestito direttamente dal Consiglio nazionale, la card costituisce documento di riconoscimento personale e può essere utilizzata per la registrazione ai convegni validi per la formazione continua obbligatoria. In aggiunta al Dui, ogni iscritto ha a disposizione una casella di posta elettronica certificata istituzionale.

Italia Oggi - art. pag. 46

Salvacondotto per il Libro unico

Le indicazioni del Cno ai professionisti sulle ispezioni e sul nuovo regime sanzionatorio. Assunzioni via fax se lo studio del consulente è in ferie

Una delle grandi novità delle ultime settimane riguarda la gestione delle comunicazioni di assunzione nel periodo feriale.
Con l'istituzione del Libro unico viene abolita la maxisanzione per il lavoro sommerso nei casi in cui l'impresa che si è affidata a consulenti del lavoro si trovi nell'impossibilità di effettuare la Co mediante il modello telematico (UniLav), per esempio in coincidenza con le ferie o, comunque, con la chiusura dello studio del consulente esterno.
Ciò a condizione però che il datore di lavoro abbia proceduto all'invio della comunicazione preventiva a mezzo fax e mediante il modello «UniUrg», da ritenersi abilitato alla nuova funzionalità poiché oggi è operativo soltanto per i casi di malfunzionamento dei sistemi informatici ministeriali.

Italia Oggi - art. pag. 47