Rassegna stampa del 24 ottobre 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili

Hai tempo fino al 31 dicembre per la Conservazione Sostitutiva delle dichiarazioni.
(leggi l'informativa)
La giusta misura del tuo archivio è ArchiviOK Professionisti,
lo strumento Potente Affidabile ed Economico.
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.

Confronto con l'Agenzia sulla semplificazione

Il tavolo permanente. Agenda in definizione

Un tavolo permanente per le semplificazioni tributarie. Dell'idea hanno discusso ieri i vertici del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili (Cndcec) e l'agenzia delle Entrate. "Abbiamo riscontrato una seria disponibilità da parte dell'Amministrazione - sottolinea Roberto d'Imperio, consigliere del Cndcec con delega alla fiscalità che ha rappresentato la categoria con l'altro consigliere Paolo Moretti - non solo per discutere delle complicazioni che appesantiscono il sistema fiscale, ma anche per individuare insieme le possibili soluzioni".
Nella riunione di ieri, che sarà periodicamente ripetuta, sono stati affrontati vari argomenti: dalla necessità di rendere più snella la dichiarazione Iva all'opportunità di far slittare, rispetto alla fine di marzo, l'attuale termine per la presentazione del 770.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 34

Studi di settore, correttivi anticrisi

Imprese e professionisti convocati il sei novembre da Sose per studiare le soluzioni da attivare. Interventi mirati sulle situazioni che presentano anomalie

La crisi economica contagia gli studi di settore. E Giampiero Brunello, ad di Sose società per gli studi di settore, corre ai ripari aprendo un tavolo tecnico con imprese e professionisti. In particolare si cercherà di introdurre degli aggiustamenti particolareggiati per quelle situazioni che presentino segnali d'allarme, perché, «lo studio di settore è una fotografia della realtà e non un disallineamento dalla realtà», spiega a ItaliaOggi l'ad di Sose.
Al momento, gli esperti Sose, stanno valutando la possibilità di avviare, con il comitato esperti, una osservazione monitorata degli studi di settore. La scelta comporterebbe un'analisi dell'andamento della crisi e degli studi per un anno per poi indicare i correttivi più idonei. Anche se, sull'altro piatto della bilancia, potrebbe esserci l'applicazione monitorata e cioè il non utilizzo, per il tempo del monitoraggio, dei dati sugli studi. Tutto rinviato dunque al sei novembre, quando i rappresentati di imprese e professionisti saranno convocati presso la Sose, società per gli studi di settore, proprio per iniziare un lavoro di confronto sui correttivi da poter apportare e valutare l'impatto che la crisi economica avrà sugli studi di settore, in preparazione per il 2009 e per gli anni futuri.

Italia Oggi - C.Bartelli - art. pag. 35

Straordinari, bonus a maglie larghe

I chiarimenti sull'incentivo nella circolare dell'Agenzia delle entrate e del ministero del lavoro. La detassazione si applica anche negli studi professionali

Il bonus fiscale della detassazione di straordinari e premi si applica anche negli studi professionali. Nonostante la norma si riferisca alle «somme erogate a livello aziendale», il campo di applicazione comprende anche i lavoratori dipendenti da datori di lavoro non imprenditori, purché appartenenti al settore privato.
Lo precisa la circolare n. 59/2008 con cui l'agenzia delle entrate e il ministero del lavoro forniscono altri chiarimenti alla misura sperimentale (terminerà a fine anno) per l'incremento della produttività del lavoro introdotta dal dl n. 93/2008 (convertito dalla legge n. 126/2008).
Tra le nuove precisazioni si legge che il beneficio trova applicazione anche alle indennità sostitutive di ferie e permessi non fruiti, mentre è escluso per gli incentivi all'esodo.

Italia Oggi - D.Cirioli - art. pag. 38

Costo su se il reddito è già tassato

Risoluzione dell'Agenzia delle entrate in materia di partecipazioni in una società trasparente. A seguito della trasformazione va evitata la doppia imposizione

Vale sempre il principio secondo cui il costo fiscale della partecipazione va aumentato dei redditi imputati per trasparenza dalla società partecipata, con il corollario che vanno apportate variazioni di segno opposto se gli utili distribuiti da quest'ultima sono prodotti in regime di trasparenza.
È questo il contenuto della risoluzione 22 ottobre 2008, n. 398/E, con la quale l'Agenzia delle entrate passa sotto la propria lente di ingrandimento il particolare caso di una società partecipata che regredisce, in forza di un operazione di trasformazione societaria, dal regime riservato alle società di capitali a quello previsto per una società in accomandita semplice, con effetto dal 1° maggio 2006.

Italia Oggi - S. Viscione - art. pag. 40

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile