Rassegna stampa del 31 ottobre 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili

Hai tempo fino al 31 dicembre per la Conservazione Sostitutiva delle dichiarazioni.
(leggi l'informativa)
ArchiviOK Professionisti - Lo strumento Potente Affidabile ed Economico.

Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


Libro unico, verbali in revisione

Nota del ministero sul periodo transitorio: maxi-penalità solo fino al 24 giugno.
Necessario adeguare le contestazioni alle nuove regole.

Il regime sanzonatorio per la mancata istituzione ed esibizione dei libri obbligatori si divide in tre.
Dal 25 giugno scorso abrogata la maxi-sanzione da 4.000 a 12.000 euro e dal 18 agosto si applica la nuova sanzione prevista dal decreto legge 112/2008. L'indicazione arriva dalla Direzione generale per l'attività ispettiva del ministero del Lavoro con la nota firmata ieri (prot. 15109) in cui sono stati forniti chiarimenti sulle norme applicabili in attesa dell'entrata in vigore del libro unico del lavoro.
In attesa che il provvedimento sul libro unico entri pienamente in vigore dal 1° gennaio 2009 il ministero anticipa alcune precisazioni sul regime transitorio. Il nuovo adempimento in queste settimane è oggetto di diversi approfondimenti in sede ministeriale che verosimilmente daranno luogo a ulteriori istruzioni operative .

Il Sole 24 Ore - E. De Fusco - art. pag. 37

Dichiarazioni Iva, largo ai minimi

Disponibili sul sito dell'Agenzia delle entrate le bozze dei modelli per il periodo d'imposta 2008.
Spazio anche ai fabbricati strumentali in reverse charge.

Presentate dalle Entrate le bozze dei modelli di dichiarazione Iva 2009 e le relative istruzioni, con riferimento al periodo d'imposta 2008, con l'inserimento di quadri o righi riferiti alle novità introdotte dalla Finanziaria 2008, come quelle concernenti le modalità di registrazione degli acquisti dei fabbricati strumentali, degli acquisti dei contribuenti minimi ed il versamento dell'Iva per gli acquisti comunitari di auto. Sono scaricabili da ieri direttamente dal sito dell'Agenzia (www.agenziaentrate.gov.it) tutte le bozze dei nuovi modelli dichiarativi per l'imposta sul valore aggiunto, in particolare il modello Iva 2009 (per la generalità dei contribuenti), il modello 74-bis (per le procedure concorsuali), il modello Iva 26LP/2009 (prospetto delle liquidazioni periodiche delle società controllanti) e il modello Iva VR/2009 (per la richiesta di rimborso del credito Iva 2008).

Italia Oggi - F. G. Poggiani - art. pag. 38

Auto, rimborso Iva in scadenza

Vicino il termine previsto dal dl 258/2006 e dal provvedimento dell'Agenzia delle entrate.
Entro il 15 novembre le domande per il recupero analitico.

Epilogo vicino per la questione dell'Iva sulle spese delle auto aziendali relative agli anni pregressi. Scade infatti il 15 novembre prossimo il termine per la richiesta del rimborso analitico, secondo le disposizioni del dl n. 258/2006 e del provvedimento dell'Agenzia delle entrate del 22 febbraio 2007. Sono interessati i contribuenti che non hanno accettato la quota di detrazione forfettaria (35-40%) proposta dall'amministrazione per chiudere i conti del periodo 2003-2006 e intendono, invece, recuperare l'imposta effettivamente spettante secondo il criterio di inerenza.
Acquisti per i quali è possibile chiedere il rimborso. Il rimborso può essere chiesto relativamente agli acquisti e importazioni effettuati a partire dal 1° gennaio 2003 e fino al 13 settembre 2006, giorno precedente alla sentenza della Corte di giustizia che ha provocato la cancellazione delle limitazioni della detrazione. Dal punto di vista oggettivo, le spese ammesse al rimborso dell'imposta sono quelle per le quali la normativa nazionale, illegittimamente, limitava o escludeva del tutto la detrazione dell'Iva, ossia:
- acquisto, importazione, locazione finanziaria dei veicoli indicati nella lettera c) dell'art. 19-bis1, nel testo vigente all'epoca: ciclomotori, motocicli, autovetture e autoveicoli di cui all'art. 54, lett. a) e c), del dpr 285/92, non compresi nella tabella B, non adibiti a uso pubblico, non costituenti oggetto dell'attività propria dell'impresa, non utilizzati da agenti e rappresentanti di commercio;
- acquisti di carburanti e lubrificanti, di componenti e ricambi, nonché prestazioni di servizi di cui all'art. 16, terzo comma, dpr 633/72 (per esempio, noleggio), prestazioni di servizi di impiego, custodia, manutenzione e riparazione, destinati ai predetti veicoli. Ad avviso dell'amministrazione non è rimborsabile invece l'Iva sulle prestazioni di transito autostradale, all'epoca menzionate nella lettera e) dell'art. 19-bis1.
Ovviamente i contribuenti che, effettuando anche operazioni esenti, avevano un diritto alla detrazione limitato in base al meccanismo del pro rata, dovranno tenerne conto nel determinare l'imposta ammessa in detrazione.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 41

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile