Rassegna stampa del 5 novembre 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

For You Bollettini

Il Garante va in pressing su Google

Privacy. Per "Street View"

"Street View", il sistema di Google che riprende strade e piazze delle città e che da qualche giorno è sbarcato anche in Italia, ha necessità di una messa a punto per tutelare la privacy delle persone che finiscono sotto l'obiettivo. Già è stato previsto un programma informatico che automaticamente oscura volti e targhe delle auto. "E' però necessario - spiega Francesco Pizzetti, presidente del Garante della privacy - che i margini di errore, che ora rasentano il 30%, siano ridotti al minimo".
Accade infatti che le statue appaiano su "Street View" senza sembianze, perchè oscurate, ma talvolta rimangano invece riconoscibilii volti delle persone. Difetti legati agli automatismi del programma, che Google si è impegnato a perfezionare. Altra misura da adottare, secondo il Garante della privacy, è quella di informare in modo chiaro che si stanno effettuando riprese.

Il Sole 24 Ore - A. Cherchi - art. pag. 33

Auto senza bollo virtuale

Due risoluzioni sugli atti di vendita. Alle Entrate l'irrogazione delle sanzioni. Autentiche sui passaggi con imposta ordinaria

Per le autentiche di sottoscrizione apposte in calce alle dichiarazioni di vendita o costituzione di diritti di garanzia dei beni mobili registrati, rese dai titolari degli sportelli telematici degli automobilisti, è necessario assolvere l'imposta di bollo mediante versamento all'intermediario convenzionato con le Entrate. E, ai fini della regolarizzazione a cura dell'Agenzia delle entrate competente, gli atti non in regola dovranno essere trasmessi a cura dell'Aci entro i 30 giorni successivi al loro ricevimento.
Con due risoluzioni dello scorso 3 novembre, la n. 418/E e la n. 419/E, l'Agenzia delle entrate è intervenuta a chiarimento per quanto concerne la corretta applicazione dell'imposta di bollo sulle autentiche apposte sugli atti di vendita o la costituzione di diritti di garanzia dei beni mobili registrati, dopo le novità introdotte dall'art. 7, della legge n. 223/2006, comprese quelle sulle quali sono stati apposti contrassegni telematici in data successiva alla sottoscrizione.

Italia Oggi - F. G, Poggiani - art. pag. 38

Iva 2009, crediti sotto controllo

Le bozze dei modelli recepiscono le novità su procedura di gruppo e società di comodo. Da evidenziare distintamente i riporti soggetti a vincoli

La gestione del credito complica la dichiarazione Iva 2009. Le recenti limitazioni introdotte per le società aderenti alla liquidazione di gruppo si riflettono infatti nel modello di dichiarazione, nel quale è stata aggiunta quest'anno una nuova sezione all'interno del quadro VL, come si evince dalle bozze già predisposte dall'Agenzia delle entrate.
Sempre sullo stesso tema, altre indicazioni particolari riguardano le società di comodo.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 39

I campi sportivi pagano l'Ici

Secondo la Cassazione non rileva che le strutture siano strumentali all'attività della Figc. Non scatta l'esenzione prevista per le attività ricreative

Meno deroghe al pagamento dell'Ici, anche se si tratta di strutture dove vengono svolte attività sociali e ricreative. In Italia le società proprietarie dei campi sportivi delle città, anche se costruiti sul terreno del comune, devono pagare l'imposta.
Non opera in questi casi l'esenzione prevista dalla legge in favore di chi gestisce attività assistenziali, culturali ricreative, sportive o didattiche.
La linea dura arriva dalla sezione tributaria della Cassazione che, con la sentenza n. 25376 del 17 ottobre 2008, ha respinto il ricorso di una srl che non aveva mai presentato la dichiarazione né pagato l'Ici sul campo sportivo di Ancona perché aveva pensato di poter usufruire dell'esenzione in quanto gli immobili «erano strumentali all'attività della Figc».

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 40

For You Bollettini