Rassegna stampa del 6 novembre 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili

Hai tempo fino al 31 dicembre per la Conservazione Sostitutiva delle dichiarazioni.
(leggi l'informativa)
ArchiviOK Professionisti - Lo strumento Potente Affidabile ed Economico.

Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


Studi di settore, verifica a tappe

Oggi l'incontro della Commissione degli esperti per valutare gli effetti della crisi. L'obiettivo è evitare distorsioni quando il Fisco farà i controlli

Un calendario in due tappe per effettuare la "registrazione" della situazione in atto, ma nessun congelamento degli studi di settore. E, probabilmente, neanche interventi specifici su Gerico 2009, ma una verifica a posteriori degli effetti della crisi per evitare distorsioni quando gli studi saranno utilizzati per gli accertamenti.
E' questa la proposta sulla quale l'amministrazione finanziaria e le categorie si confronteranno oggi nella Commissione di esperti per gli studi di settore programmata per valutare gli effetti della crisi sulle categorie che applicano Gerico, dopo un primo passaggio con i coordinatori della commissione che si è svolto ieri sera. E i due appuntamenti di massima saranno a marzo 2009 e a novembre del prossimo anno.

Il Sole 24 Ore - A. Criscione - art. pag. 31

Commercialisti, "lista" definitiva per l'antiriciclaggio

Vigilanza. Linee guida al traguardo

Diventano operative le indicazioni dei commercialisti sui controlli antiriciclaggio. Il Consiglio nazionale della categoria ha infatti approvato ieri definitivamente le linee guida per l'adeguata verifica della clientela, predisposte da un gruppo di lavoro costituito all'interno della commissione Antiriciclaggio e già messe in consultazione.
"Ora il documento sarà inviato agli Ordini - spiega Enricomaria Guerra, consigliere nazionale delegato all'antiriciclaggio - che lo dovranno tramettere agli iscritti. Si tratta delle prime indicazioni su cui gli operatori possono contare per applicare gli obblighi di adeguata verifica della clientela introdotti dal decreto legislativo 231 del 2007.
Prima di ottenere il via libera finale, il testo delle linee guida è stato modificato per accogliere alcuni tra i suggerimenti arrivati, durante le consultazioni, dagli Ordini e da singoli iscritti.

Il Sole 24 Ore - V. Maglione - art. pag. 38

Triplice regime per i fondi

Risoluzione delle Entrate sul riscatto della previdenza complementare. I vecchi iscritti scontano prelievi legati al periodo

Triplice tassazione per i vecchi iscritti. Il riscatto integrale della posizione individuale in un vecchio fondo pensione sconta le regole e le aliquote previste per ogni singolo periodo di maturazione della posizione. Pertanto, il susseguirsi di diversi regimi normativi condiziona il prelievo sull'importo percepito dal contribuente.
A titolo esemplificativo, un vecchio iscritto (anteriormente al 28 aprile 1993) a un vecchio fondo (già istituito al 15 novembre 1992) vede la prestazione, maturata fino a tutto il 2000, imponibile con la medesima aliquota applicata al Tfr. L'ammontare maturato dall'1 gennaio 2001 fino al 31 dicembre 2006, invece, è sottoposto a tassazione ordinaria se deriva da un riscatto volontario. Infine, per le prestazioni riferibili agli importi maturati dall'1 gennaio 2007 si applica una ritenuta a titolo d'imposta del 23% trattandosi di cause di riscatto diverse da quelle elencate del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252.
La risoluzione n.421/E del 5 novembre 2008 così si esprime sugli aspetti applicativi del recupero degli importi versati a un fondo pensione tenendo conto dei periodo di maturazione e delle scelte operate dal contribuente.

Italia Oggi - S. Mazzei - art. pag. 41

Ici, detrazioni multi-piano

Sentenza della Cassazione estende i benefici previsti per la prima casa. Sul bonus non rileva il numero delle unità catastali

In tema di Ici, le detrazioni concesse per la prima casa possono coinvolgere più appartamenti sia pure ubicati su piani differenti; infatti ai fini dell'agevolazione non assume rilievo il numero delle unità catastali che lo compongono, ma la prova dell'effettiva utilizzazione ad abitazione principale dell'immobile complessivamente considerato.
Queste le conclusioni rese dalla sezione tributaria della Cassazione nella sentenza n. 25902, depositata in cancelleria il 29 ottobre scorso.

Italia Oggi - B. Fuoco - art. pag. 42

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile