Rassegna stampa del 7 novembre 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Telematici

Studi di settore, verifiche da marzo

La Commissione degli esperti stabilisce un percorso per gestire l'impatto della crisi

Prima verifica degli studi di settore a marzo 2009. E anche se Gerico non dovesse essere toccato formalmente, potranno arrivare alcune indicazioni per le aree in crisi, con l'indicazione dei casi in cui scostamenti potranno considerarsi giustificati.
Il secondo passaggio si avrà invece con le dichiarazioni 2009 che richiederanno informazioni più dettagliate attraverso i modelli per gli studi in modo da evitare per il futuro controlli per i settori per i quali si riterrà che Gerico non sia più rappresentativo per la crisi di questi e (probabilmente) dei prossimi mesi.
Ieri si è riunita a Roma la commissione di esperti (organismo deputato al confronto tra categorie e amministrazione sulla gestione degli studi), che ha votato, con la sola astensione dei consulenti del lavoro, il documento che ha fissato la road map dei prossimi interventi anti-crisi.

Il Sole 24 Ore - A. Criscione, J. M. Del Bo - art. pag. 29

Anagrafe tributi in veste federalista

La commissione di vigilanza, presieduta da Maurizio Leo, avvierà un'indagine conoscitiva. Un unico soggetto a coordinare le verifiche degli enti locali

Valutare i possibili effetti dell'attuazione del federalismo fiscale sulle modalità di utilizzo e gestione dei dati conservati dall'anagrafe tributaria. Con la creazione di un soggetto unitario per coordinare gli accessi da parte degli organi accertatori, enti locali compresi, alle banche dati. E un organo di vigilanza super partes a garantire il corretto uso di uno strumento di verifica molto potente.
È questo lo scopo dell'indagine conoscitiva che, previa autorizzazione del parlamento, la commissione bicamerale di vigilanza sull'anagrafe tributaria ha deciso ieri di realizzare. Lo studio, che la commissione presieduta da Maurizio Leo (Pdl) intende avviare a dicembre, consentirà di procedere anche a una ricognizione dei rapporti tra il sistema di gestione dell'anagrafe tributaria e le amministrazioni locali, che con la riforma vedranno accresciuto il proprio autonomo potere impositivo.

Italia Oggi - V. Stroppa - art. pag. 19

Adesione ai pvc, si parte

Da una risoluzione dell'Agenzia delle entrate l'ultimo tassello per partire. Codici tributo per versare le somme con F24

Tutto pronto per l'adesione ai processi verbali di constatazione: con la risoluzione n. 426 di ieri, 6 novembre 2008, l'agenzia delle entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, mediante il modello F24, delle somme dovute dai contribuenti che si avvalgono del nuovo strumento di definizione delle pretese fiscali.
L'individuazione dei codici era l'ultimo tassello che mancava, dal punto di vista strettamente operativo, per la concreta applicazione dell'istituto introdotto dal dl 112/2008 in seno alla normativa sull'accertamento con adesione contenuta nel dlgs n. 218/97.
Nei mesi scorsi, infatti, subito dopo l'approvazione definitiva della norma con la conversione in legge del decreto, l'agenzia era già intervenuta con il provvedimento di approvazione del modello della comunicazione di adesione e con una corposa circolare illustrativa del nuovo istituto.

Italia Oggi - S. Zuliani - art. pag. 43

Affitto d'azienda, valori in linea

I CHIARIMENTO DEL FISCO / Risoluzione in materia di passaggio di attività produttive. Continuità nel trattamento tributario delle poste di bilancio

Nel caso di affitto di azienda, le svalutazioni dei crediti effettuati dal proprietario transitano in capo al conduttore che potrà portare a perdita il credito soltanto nel caso in cui ricorrano gli elementi certi e precisi richiesti dalla norma.
Nella sostanza, dunque, il passaggio delle voci dall'uno all'altro soggetto, non muta in alcun modo il trattamento fiscale dello specifico rapporto.
È questo quanto emerge dalla risoluzione dell'Agenzia delle entrate n. 424 di ieri.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 45

ArchiviOK Telematici