Rassegna stampa del 7 gennaio 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

For You Bollettini

Consulenti del lavoro incalzati dal debutto del nuovo libro unico

L'agenda 2009. Entro il 16 comunicazione alle Dpl

Libro unico, ma non solo. Il 2009 dei consulenti del lavoro dovrà portare anche un nuovo rapporto con gli addetti alla vigilanza e maggiore attenzione agli strumenti in aiuto dei datori in questa fase di crisi. Novità e obblighi che interessano il sostituto d'imposta si riversano, inevitabilmente, sull'agenda del consulente che segue le vicende dei rapporti di lavoro per conto del datore. Impegnati in questi giorni con i conguagli di fine anno, quindi concentrati nel verificare i presupposti che hanno consentito, nel 2008, di riconoscere ai lavoratori le detrazioni e la sostitutiva del 10% su alcune voci della retribuzione, i consulenti stanno anche per affrontare un evento che cambia abitudini consolidate.
Dal 16 gennaio va in pensione anche il libro paga e si comincerà a organizzare la tenuta del libro unico del lavoro ("Lul") che sostituisce libro paga e libro matricola, oltre a registri obbligatori quali il registro di impresa agricola e quello dei lavoratori a domicilio.

Il Sole 24 Ore - M. R. Gheido - art. pag. 19

I controlli si misurano con gli indicatori di rischio fiscale

Fisco e verifiche

Selezione dei controlli sulla base di indicatori di rischio fiscale e riscontro delle risposte alle istanze di interpello: è questo il quadro dell'attività di verifica nei confronti delle grandi imprese delineato dal decreto legge anticrisi e che entra a regime nel 2009.
Inoltre, ad apposite strutture viene demandato anche l'attività di liquidazione, controllo formale ed accertamento per i periodi di imposta ancora "aperti" alla data del 1° gennaio di quest'anno.
L'articolo 27, nei commi da 9 a 15, delinea un pacchetto di misure specificatamente destinate a quelle che vengono individuate come grandi imprese, cioè quelle con volume d'affari o ricavi di ammontare superiore a 300 milioni di euro, limite che progressivamente sarà portato a 100 milioni di euro.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 27

Studi, i ricavi trovano le deroghe

I quattro decreti pubblicati sul supplemento straordinario della G.U.

Sono le attività imprenditoriali quelle maggiormente interessate dai 69 studi di settore pubblicati nel supplemento straordinario della "Gazzetta Ufficiale" dello scorso 31 dicembre. Infatti, su 69 nuovi studi, ben 63 riguardano, complessivamente, i settori delle imprese commerciali (28 studi), manifatturiere (18) e dei servizi (17). I restanti sei, trovano applicazione nei confronti dei lavoratori autonomi.
Particolare attenzione dovranno porre i contribuenti di taluni settori (commercio all'ingrosso di carburanti e lubrificanti, trasporto terrestre di passeggeri e imprese che eseguono opere ultrannuali) nella determinazione dei ricavi da confrontare con quelli presunti in base al relativo studio, atteso che per loro sono previste modalità di computo derogatorie.

Italia Oggi - M. Bonazzi - art. pag. 28

For You Bollettini