Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 4 febbraio 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

For You Bollettini

Il bonus allunga i tempi

Dalle Entrate la prima circolare sui contenuti del decreto legge 185/08. Un mese in più ai sostituti per erogare il sostegno alle famiglie

Il bonus famiglia apre ai nuclei familiari con persone disabili, anche se non si tratta dei figli del richiedente, e agli extracomunitari, purchè residenti in Italia, anche se i familiari a carico vivono all'estero. Inoltre, datori ed enti pensionistici avranno tempo fino al 31 marzo per erogare l'una tantum da 200 a mille euro a sostegno dei redditi prevista dalla manovra anticrisi.
Sono le principali novità della circolare 2/E diffusa ieri dalle Entrate, dedicata all'articolo 1 del Dl 185/08 (convertito dalla legge 2/09).
Il bonus da mille euro spetta, per le famiglie con reddito fino a 35 mila euro, in tutti i casi in cui nel nucleo familiare sia presetne il coniuge, un figlio o un altro familiare del richiedente, affetto da disabilità, purchè sia fiscalmente a carico del contribuente ch echiede il beneficio.

Il Sole 24 Ore - E. De Fusco - art. pag. 25

Le cartelle pazze al capolinea

Una rete informativa tra enti ed Equitalia sullo stato dei debiti

Una rete con prefetto, enti locali e giudice di pace per informare quasi in tempo reale, gli agenti della riscossione, sullo stato dei processi sui debiti con l'erario. È il black out informativo infatti spesso a portare all'invio della cartella, anche quando il procedimento è già chiuso, facendo parlare di cartelle pazze. Ecco dunque che muove i suoi passi il meccanismo che, a regime, consentirà «un dialogo continuo a tutto vantaggio della tempestività delle comunicazioni e del cittadino».
È questo il contributo alla soluzione che Marco Cuccagna, dal 19 settembre 2008, direttore generale di Equitalia spa fornisce al fenomeno delle cartelle pazze. Il direttore generale di Equitalia precisa inoltre che l'accesso all'anagrafe dei conti, fissato con la manovra anti crisi (legge 2/09), per gli agenti della riscossione sarà solo per i ruoli derivanti da condono e filtrato, fermandosi alla prima schermata del sistema, quella con il codice fiscale del contribuente.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 27

Carte aziendali, stop abusi

La Corte di cassazione inasprisce il trattamento verso gli amministratori Uso a scopo personale? Processo per bancarotta

S'inaspriscono le pene nei confronti dei vertici dell'impresa che distraggono il denaro dai conti aziendali. L'amministratore di una società che usa le carte aziendali per prelevare e fare acquisti personali, va processato per appropriazione indebita, fino a che la società non fallisce. Poi rischia una condanna per bancarotta fraudolenta: il giudicato sul primo non preclude infatti il successivo giudizio sul reato fallimentare.
Lo ha stabilito la Cassazione che, con la sentenza 4404 del 2 febbraio (destinata al servizio novità della Suprema corte), ha accolto il ricorso della Procura e delle parti civili, riaprendo il caso di un imprenditore che sottraeva dai conti della società dei soldi per scopi personali.

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 28

Libro unico del lavoro, il successo della sinergia

Collaborazione tra pubblico e privato

Iniziativa coronata da successo poiché frutto della virtuosa sinergia tra software house, Inail e ministero del Lavoro: questo il primo bilancio tracciabile per la vidimazione del Libro unico del lavoro che ha avuto, nel gennaio 2009, un debutto all'insegna della semplificazione e dell'agevolazione, sia degli utenti che delle sedi territoriali Inail. Nel mese di dicembre 2008 Assosoftware, nel suo ruolo di interlocutore professionale tra le software house, le imprese e la pubblica amministrazione, ha proposto al ministero del lavoro che le case di software fossero l'interlocutore dell'Inail per la vidimazione del Libro unico del lavoro.
Per agevolare questa procedura, l'associazione si è fatta intermediario dei propri soci, grazie alla creazione di un unico repository-web per i layout, messo a disposizione sulla home page del sito www.assosoftware.it. Su questa piattaforma web, messa a punto a pochi giorni dall'emanazione dalle ultime disposizioni in materia (grazie alla tecnologia «ArchiviOk» per l'archiviazione dei documenti), è stato possibile non solo inserire on-line i layout (in formato pdf), ma anche visualizzare e scaricare l'avvenuta autorizzazione, senza il rischio di ritardi o di perdita di documenti tra la casa di software e l'Inail. L'Istituto ha così rilasciato in tempi rapidi le autorizzazioni alle software house accedendo anch'essa via web alla piattaforma.
Questo strumento ha evitato che gli oltre 20 mila utenti interessati (imprese, consulenti e associazioni di categoria) si rivolgessero in prima persona alle rispettive sedi Inail competenti, per richiedere l'autorizzazione del proprio layout entro i tempi previsti.

Italia Oggi - A cura della Segreteria Tecnica Assosoftware - art. pag. 36

For You Bollettini


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter