Rassegna stampa del 12 marzo 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


Riscossione, aperte le banche dati

Firmata la convenzione con l'Agenzia delle entrate per regolamentare l'uso delle informazioni. Accesso all'archivio rapporti per gli agenti di Equitalia

L'archivio dei rapporti finanziari apre le porte agli agenti della riscossione. Ma non per tutti, solo 250 selezionati operatori potranno accedere alle informazioni utilizzabili per le attività connesse alla riscossione mediante ruolo. Ma il pass speciale per i dati finanziari censiti nell'archivio ha un presso. Equitalia spa infatti dovrà versare all'Agenzia delle entrate un compenso sia per la realizzazione del necessario software e sia per la gestione del software dal secondo anno in avanti.
Sono alcune delle indicazioni che arrivano dalla convenzione tra l'Agenzia delle entrate e Equitalia sull'accesso, da parte di quest'ultima ai dati dell'archivio dei rapporti finanziari (At), siglata il 3 marzo scorso.

Italia Oggi - G. Macheda e C. Bartelli- art. pag.25

Bonus sui mutui, elenchi riservati

Circolare Abi riepiloga le novità

Elenchi riservati per i beneficiari del bonus sui mutui. Una circolare dell'Associazione bancaria italiana (Abi) diffusa ieri ha riepilogato agli istituti di credito le istruzioni operative contenute nel provvedimento dell'Agenzia delle entrate 32583/2009 e di due note interne, sempre dell'Agenzia delle entrate del 4 marzo 2009. Queste ultime due note contengono la specifica procedura e prescrivono ai diretti interessati di prendere l'iniziativa e di segnalarsi se non inclusi nelle liste stilate dal Fisco e inviate alle banche. Peraltro trattandosi di flussi di dati personali la circolare dell'Abi richiama le banche a porre particolare attenzione agli aspetti di privacy.
Secondo quanto previsto dal provvedimento e dalle note operative l'Agenzia delle entrate comunicherà alle singole banche le risultanze dell'anagrafe tributaria sui possibili fruitori dell'intervento statale; a questo punto l'intermediario deve provvedere a controllare le liste e valutare quali sono le posizioni da prendere in considerazione.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 26

Spese telefoniche deducibili

Norma di comportamento dell'Associazione dottori commercialisti Milano. La condizione: finalità esclusivamente aziendali

Le spese telefoniche e per la trasmissione dati possono essere interamente dedotte se totalmente inerenti. Ciò si verifica nell'ipotesi in cui le spese stesse non possano, nemmeno potenzialmente, grazie alle loro caratteristiche tecniche o a vincoli di sistema, essere sostenute per finalità extra aziendali o professionali.
E' questa l'importante conclusione in merito alla corretta interpretazione della norma contenuta nell'articolo 102, comma 9, del Tuir, alla quale è giunta l'Associazione Italiana dottori commercialisti di Milano con la norma di comportamento n.175.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 29

Rimborsi per sentenze favorevoli

Credito iva

Nel caso di annullamento, in sede contenziosa, di un avviso di accertamento, il credito Iva, già rimborsato dall'agenzia, ed, a sua volta, restituito dal ricorrente, poiché oggetto del ricorso, deve essere nuovamente rimborsato dall'agenzia, dietro prestazione di idonea garanzia fideiussoria, atta a tutelare lo stesso credito per i successivi, qualora sussistano, gradi di giudizio. Il concetto è stato ribadito dalla ctp Reggio Emilia con sentenza n. 49.1.09 del 24/12/09.
Il ricorso riguardava una società di persone che si opponeva al rifiuto, da parte dell'ufficio resistente, al rimborso del credito iva, rimborsato a sua volta dal contribuente, a seguito di avvisi di accertamento emessi per gli anni d'imposta 2003/2004/2005. Gli stessi avvisi di accertamento erano risultati infondati come da sentenza emessa dalla stessa Ctp. La parte ricorrente, così, aveva proposto istanza, pervenuta all'agenzia, chiedendo la restituzione del credito previo rilascio di una polizza fideiussoria a garanzia.
L'agenzia respingeva tale istanza, giustificando il diniego, attraverso il dettato dell'art. 69 dlgs 546/92: «..La condanna dell'ufficio al rimborso può essere eseguita solo con il passaggio in giudicato, cioè quando si siano esauriti tutti i gradi del giudizio o quando per scadenza dei termini, la sentenza non è più impugnabile..».

Italia Oggi - L. Giordano - art. pag. 29

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile