Rassegna stampa del 13 marzo 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Telematici

Carta acquisti con nuovo tetto

Le indicazioni dell'Inps dopo la pubblicazione in "Gazzetta" del decreto di proroga. Il limite di reddito per avere la "social card" passa a 6.198 euro

L'incremento automatico delle pensioni, volto a mantenerne il potere d'acquisto non comporta l'esclusione dei beneficiari dall'accesso alla "Carta acquisti", la cui soglia è aumentata annualmente nella stessa percentuale. L'automatismo, che è stato introdotto dal Dm 27 febbraio 2009, pubblicato sulla "Gazzetta Ufficiale" del 9 marzo, fa sì che la soglia reddittuale, così come il valore Isee (l'indicatore della situazione economica equivalente, ndr), per il diritto alla Carta acquisti salga nel 2009 da 6mila a 6.198 euro.
L'Inps fornisce i nuovi valori con il messaggio n.5909 di ieri. L'Istituto precisando altresì che il nuovo limite reddituale vale per i pensionati di qualsisi età, pochè il maggior valore di 8.264 euro, stabilità per i soggetti di età pari o superiore a 70 anni, si applica esclusivamente ai fini pensionistici.

Il Sole 24 Ore - M. R. Gheido - art. pag. 33

Un filtro da notai e consulenti

Notai e consulenti del lavoro diventano filtri antiriciclaggio

Sono stati firmati, infatti, i due decreti del ministero dell'economia e del ministero della giustizia che riconoscono ai due ordini la possibilità di essere loro i riceventi delle segnalazioni antiriciclaggio per i loro iscritti.
La possibilità per gli ordini professionali era stata riconosciuta dal decreto legislativo di recepimento della terza direttiva in tema di antiriciclaggio (decreto legislativo n. 231 del 2007). Ma gli ordini dovevano attivarsi presso il ministero della giustizia presentando un'apposita richiesta. I notai e i consulenti del lavoro non si sono fatti scappare l'occasione anche se in alcuni casi questa possibilità è stata vista più come un ulteriore onere che onore. I dottori commercialisti ad esempio non hanno mai voluto attivare la procedura che per gli altri due ordini è arrivata quindi al traguardo con la firma dei due decreti.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 31

Corrispettivi telematici allargati

Provvedimento del direttore delle Entrate estende le facoltà introdotte dalla legge 311/2004. Invii dalle grandi imprese. Adempimento a cadenza mensile

Anche le imprese di servizi di rilevanti dimensioni potranno trasmettere telematicamente i corrispettivi all'agenzia delle entrate. L'adempimento, inoltre, dovrà essere effettuato con cadenza mensile, e non più settimanale. Soppresso, infine, l'obbligo di dettagliare gli importi delle eventuali fatture emesse.
Questi i principali contenuti del provvedimento firmato ieri dal direttore dell'agenzia delle Entrate, consultabile sul sito dell'agenzia stessa. Il provvedimento sostituisce il precedente dell'8 luglio 2005, estendendo la facoltà introdotta dalla legge n. 311/2004 per le aziende della grande distribuzione commerciale organizzata.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 32

ArchiviOK Telematici