Rassegna stampa del 23 marzo 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


I rimborsi Iva trimestrali trovano il nuovo modello

I chiarimenti delle entrate. Il prospetto dovrà essere utilizzato dal 1° aprile

E' stato approvato un nuovo modello per la richiesta del rimborso Iva o per l'utilizzo in compensazione del credito Iva trimestrale. La nuova modulistica, con le relative istruzioni, è stata approvata con provvedimento del 19 marzo 2009 dal direttore dell'agenzia delle Entrate, Attilio Befera.
Il nuovo modello "Iva Tr" dovrà essere usato a decorrere dalle richieste di rimborso o di utilizzo in compensazione del credito Iva relativo al primo trimestre 2009, cioè a partire dal 1° aprile. Le modifiche introdotte, che riguardano esclusivamente le istruzioni per la compilazione e le specifiche tecniche per la presentazione telematica dello stesso, rendono il modello adeguato alle indicazioni fornite dalla stessa agenzia delle Entrate nel corso del 2008.

Il Sole 24 Ore - sabato 21 marzo - T. Morina - art. pag. 33

Iva per cassa con ampia facoltà

Circolare Assonime dedicata alle disposizioni sull'imposta contenute nel decreto 185/2008. Il fornitore può avvalersi del beneficio per singola operazione

L'Iva per cassa sarà una facoltà della quale il fornitore potrà avvalersi anche per la singola operazione. L'agevolazione comporterà comunque aggravi gestionali, in quanto occorrerà monitorare costantemente la tempistica degli incassi e dei pagamenti.
Queste alcune considerazioni espresse da Assonime nella circolare n. 12 del 20/3/2009, dedicata al commento delle disposizioni in materia di Iva contenute nel dl 185/2008. Sulla novità principale, la circolare rileva che l'art. 7 del dl consente ai soggetti che saranno individuati con apposito decreto (verosimilmente coloro che hanno un volume d'affari annuo fino a 200.000 euro), di contabilizzare l'Iva a debito, anziché al momento dell'effettuazione dell'operazione, al momento dell'incasso del corrispettivo. Si estende, in pratica, a tutte le operazioni effettuate da detti soggetti il differimento dell'esigibilità dell'Iva già previsto, in relazione ad alcune tipologie di operazioni, dall'art. 6, quinto comma, del dpr 633/72.

Italia Oggi - sabato 21 marzo - F. Ricca - art. pag. 29

Per le onlus paletti all'iscrizione

I chiarimenti del fisco. Una risoluzione chiarisce i requisiti per ottenere il titolo. Nell'anagrafe chi gestisce consultori.. Disco rosso all'ambiente

Via libera all'iscrizione nell'anagrafe delle onlus per le associazioni che gestiscono consultori familiari. Disco rosso invece per gli enti che per statuto operano nel campo della tutela e della valorizzazione dell'ambiente, ma nello stesso tempo svolgono anche altre attività non previste dalla legge per le onlus.
Queste le precisazioni della risoluzione n. 70/E diffusa venerdì dall'Agenzia delle entrate.

Italia Oggi - sabato 21 marzo - N. Fasano - art. pag. 33

Ultima chiamata per mantenere il bonus assunzioni

Crediti d'imposta. Comunicazione a pena di decadenza. Entro il 31 marzo l'invio del modello che conferma i livelli occupazionali

Ultima chiamata per gli oltre 20mila beneficiari del bonus assunzioni nel Mezzogiorno. Il prossimo 31 marzo scadrà infatti improrogabilmente il termine per i contribuenti che hanno avuto accesso al credito d'imposta, per comunicare alle Entrate, con il modello telematico (C-Ial), il mantenimento dei livelli occupazionali che hanno reso possibile l'utilizzo dell'incentivo.
La procedura è prevista dal decreto dell'economia 12 marzo 2008 che, nel dettare la disciplina applicativa dell'agevolazione, ha fissato l'obbligo di presentazione da parte dei beneficiari di una comunicazione comprovante il mantenimento del livello occupazionale.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e Tributi - A. Sacrestano - art. pag. 1

L'Iva divide i lavori di recupero

La risoluzione 41/E dell'agenzia delle Entrate definisce il trattamento delle opere di urbanizzazione. L'imposta al 10% scatta solo quando c'è sostituzione del tessuto urbanistico

L'aliquota Iva ridotta al 10% non si applica a tutti gli interventi di recupero effettuati su opere di urbanizzazione. E' uno dei passaggi della risoluzione 41/E del 17 febbraio, predisposta dall'agenzia delle Entrate a seguito di un interpello.
Il tema è di grande interesse per gli operatori dei Comuni e per i responsabili delle imprese di costruzione.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e Tributi - G. Giuliani - art. pag. 9

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile