Rassegna stampa del 3 aprile 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


Quote srl, trasferimento con procedura telematica

Registro imprese. Nuova chance per i commercialisti

Anche i dottori commercialisti e gli esperti contabili potranno effettuare per via telematica la registrazione degli atti di trasferimento delle quote di Srl sottoscritti con firma digitale. Non ci sarà più bisogno perciò di ricorrere alla procedura tradizionale e di file agli sportelli.
E' quanto dispone il provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate datato 1° aprile 2009 (prot. n. 42914) pubblicato ieri sul sito dell'Agenzia che completa l'attuazione di quanto previsto dal Dl anti-crisi.

Il Sole 24 Ore - M. Bellinazzo, A. Busani - art. pag. 33

Stock option estere tassate

Prelievo a chi nel periodo di opzione trasferisce la residenza in Italia. Niente retribuzione convenzionale ai residenti oltre frontiera

Stock option tassate interamente in Italia, anche quelle che si riferiscono a una prestazione di lavoro svolta all'estero, per chi ha trasferito la sede fiscale nel nostro Paese.
Lo ha specificato l'agenzia delle Entrate, con la risoluzione 92/E.
Per le Entrate le azioni vanno tassate intergralmente al valore normale, compresa la quota di valore riferibile al periodo di lavoro all'estero. Per il principio di cassa il reddito di lavoro dipendente costituito dalle azioni assegnate è prodotto nel momento in cui le azioni entrano nella disponibilità del dipendente, In questo caso, l'attribuzione si realizza in un periodo d'imposta in cui il dipendente è fiscalmente residente in Italia.

Il Sole 24 Ore - A. Antonelli, A. Mengozzi - art. pag. 35

Paradisi fiscali in nero e in grigio

L'Ocse ha diffuso le liste: Svizzera, Belgio, Lussemburgo, Austria e Liechtenstein poco collaborativi. Nella black list: Costa rica, Malaysia, Filippine e Uruguay

Una black list di quattro paesi che non rispettano gli standard fiscali internazionali. E una grey list ben più numerosa. Le risposte alla crisi non hanno tradito le aspettative del G20.
Tanto che per la prima volta i premier dei paesi più potenti del mondo sono riusciti a trovare un'intesa per mettere la parola fine alla saga della lotta ai paradisi fiscali. Tre le liste pubblicate dall'Oecd, una bianca, una grigia e una nera. .

Italia Oggi - G. Frontoni - art. pag. 27

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile