Rassegna stampa del 6 aprile 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


Manutenzione in libertà

Il decreto legge sul piano casa cancellerà le autorizzazioni per gli interventi straordinari. Svincolati anche i cambi di destinazione senza opere edilizie

Nel decreto legge sul piano casa ci sarà anche la liberalizzazione totale, senza bisogno di alcuna autorizzazione, per le manutenzioni straordinarie, per i cambi di destinazione d'uso senza opere edilizie e per l'installazione di pannelli solari. Queste attività saranno sottratte sia alla licenza edlizia (permesso di costruire) sia alla procedura semplificata della denuncia di inizio attività (Dia). La deregulation presenta alcune limitazioni: per le manutenzioni non si applicherà, qualora il progetto preveda l'eliminazione, lo spostamento o la realizzazione di elementi strutturali oppure comporti aumento delle unità immobiliari o ancora implichi aumento degli standard urbanistici; per i mutamenti di destinazione d'uso senza opere edilizie qualora si determini un aumento del carico urbanistico o si deroghi alle prescizioni urbanistiche comunali.
Lo schema di decreto legge diramato venerdì dalla presidenza del Consiglio contiene, come previsto, soltanto le semplificazioni delle procedure edilizie di competenza statale e nulla aggiunge all'accordo del 1° aprile su ampliamenti e premi di cubatura che dovranno essere varate dalle leggi regionali entro il 30 giugno.

Il Sole 24 Ore - sabato 4 aprle - G. Santilli - art. pag. 21

Archivi web dei giornali, privacy parziale

Per il Garante va privilegiato il carattere pubblico dei dati

E' un diritto all'oblio parziale quello che il Garante della privacy intende assicurare a chi si trova inserito nei dataase dei mezzi di informazione e finisce, attraverso i motori di ricerca, proiettato nel gran mondo di internet ed esposto alla mercè di interrogazioni poco selettive.
E' quanto capitato a più persone che si sono rivolte all'Authority per ottenere la cancellazione dei loro dati dagli archivi storici in forma alettronica dei giornali, archivi accessibili attraverso il sito internet del quotidiano, con la particolarità che le notizie possono essere estratte in modo automatico anche accedendo a motori di ricerca esterni. Ed è soprattutto quest'ultima modalità che crea situazioni di difficile gestione.
Una persona, per esempio, si è rivolta al Garante perchè digitando il proprio nome in un motore di ricerca aveva visto apparire un articolo pubblicato su un quotidiano 15 anni prima e che si riferiva a un'accusa da cui era poi stato assolto. Ma quest'ultima notizia non emergeva dalla ricerca.

Il Sole 24 Ore - sabato 4 aprile - A. Cherchi - art. pag. 21

Gli Ias hanno il vocabolario. Al via la conversione Xbrl

Lo Iasb pubblica la tassonomia dei principi contabli internazionali

Da oggi è possibile codificare, nel nuovo linguaggio dei bilanci, anche i rendiconti redatti sulla base dei principi contabili internazionali. L'International accounting standards committee (Iasc) foundation ha infatti approvato il vocabolario dedicato alla conversione, in formato elettronico elaborabile, dei documenti contabili prodotti seguendo gli Ias/Ifrs, comprensivi di interpretazioni Sic/Ifric, emanati fino all'1 gennaio 2009. La tassonomia licenziata in versione finale, denominata Ifrs Taxonomy 2009 e disponibile sul sito http://www.iasb.org/xbrl, è in grado di tradurre in dati interattivi sia gli schemi quantitativi (situazione patrimoniale-finanziaria, conto economico complessivo, prospetto delle variazioni del netto e rendiconto finanziario) sia le note. Sono previsti, nello specifico, quasi 2.800 elementi in grado di rappresentare il complesso puzzle del bilancio (consolidato e individuale) redatto con gli standard londinesi.

Italia Oggi - sabato 4 aprile - A. Fradeani - art. pag. 31

Domande per il 5 per mille entro il 20/4

Parte la campagna 2009 per le donazioni in dichiarazione. Gli elenchi consultabili dal 28/4. Doppio elenco per volontariato e associazioni sportive

Parte la campagna per l'iscrizione al 5 per mille 2009, primo appuntamento il 20 aprile con la scadenza per le associazioni non profit e le associazioni sportive dilettantistiche della presentazione della domanda. Dal 28 aprile invece gli elenchi saranno disponibili on-line sul sito dell'agenzia delle entrate. Agenzia che quest'anno ha un doppio incarico: curerà non solo la predisposizione dell'elenco degli enti del volontariato ma anche l'elenco per le associazioni sportive dilettantistiche.
In attesa che le procedure per il 2009 siano formalizzate dai due decreti ministeriali alla firma di Giulio Tremonti, ministro dell'economia, l'Agenzia inizia a programmare le scadenze per gli enti interessati e il primo appuntamento è fissato per il 20 aprile. Gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche potranno, quindi, iscriversi utilizzando i servizi telematici (Fisconline o Entratel) o ricorrendo agli intermediari autorizzati. Sul sito internet, www.agenziaentrate.gov.it, sono disponibili il nuovo modello di iscrizione, le istruzioni e il software per la compilazione. La domanda di iscrizione deve essere presentata entro il 20 aprile 2009. Sono tenuti ad iscriversi anche gli enti presenti negli elenchi degli anni precedenti.

Italia Oggi - sabato 4 aprile - art. pag. 34

Imprese nel labirinto delle spese di trasferta

La detraibilità Iva di vitto e alloggio complica i calcoli sui redditi. Pesano i "no" delle Entrate sulla deducibilità Ires e Irap

La questione sottoposta all'agenzia delle Entate trae spunto dal mutato regime di detraibilità dell'Iva relativa a prestazioni alberghiere e a somministrazioni di alimenti e bevande. Mentre nulla è mutato per quanto riguarda l'emissione della fattura relativa alle spese medesime, che non è richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell'operazione. In assenza di fattura, pertanto, le prestazioni alberghiere e le somministrazioni di alimenti e bevande effettuate nei pubblici esercizi possono essere documentate mediante scontrino e/o ricevuta fiscale, che tuttavia rappresentano documenti inidonei all'esercizio della detrazione dell'Iva. In particolare, una società chiede se l'Iva che dovesse risultare non detratta, e rimasta a carico della società medesima, possa esser dedotta dalla bse imponibile Ires, ove ne sia dimostrata l'inerenza dei relativi costi all'attività di impresa.
Con riferimento alle spese alberghiere e di ristorazione, l'agenzia delle Entrate (risoluzione 31 marzo 2009 n. 84/E) è del parere che nè il contribuente che, essendo in possesso di fattura relativa a tali prestazioni, abbia scelto di non detrarre l'Iva, nè il contribuente ch edisponga di un documento, realtivo a tali prestazioni in cui non è evidenziata l'Iva, possano dedurre dalla base imponibile Ires edalla base imponibile Irap l'Iva compresa nel costo sostenuto per le prestazioni albserfhiere e di ristorazione.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e Tributi - G. P. Ranocchi, G. Valcarenghi - art. pag. 1

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile