Rassegna stampa del 22 aprile 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Telematici

Slitta il "click" sui bonus ricerca

Con un comunicato l'Agenzia rimanda la prenotazione alle ore 10 del 6 maggio

Rinviato in extremis il "click day" per il bonus ricerca, previsto per oggi alle 10. La notizie è arrivata con la pubblicazione del provvedimento di rinvio sul sito dell'agenzia delle Entrate. L'appuntamento è stato fissato per mercoledì 6 maggio alle 10.
La decisione - opportuna - di rimandare di qualche giorno l'invio del modello Frs è la conseguenza di alcune criticità emerse in questi ultimi giorni e rilevate anche da Confindustria. Innanzitutto, il terremoto in Abruzzo ha messo in difficoltà le aziende locali e richiede di trovare una soluzione ad hoc che potrebbe emergere da un confronto tra il ministero e viale dell'Astronomia. Inoltre, la pubblicazione di chiarimenti a ridosso del click day ha creato perplessità interpretative che rendono necessari alcuni giorni per chiarire le zone d'ombra.

Il Sole 24 Ore - A. Sacrestano - art. pag. 31

Interessi a indeducibilità relativa

Circolare dell'Agenzia delle entrate fornisce i chiarimenti necessari per chiudere i bilanci. Possibilità di riporto in avanti senza limitazioni temporali

Per gli interessi passivi eccedenti i limiti dell'articolo 96 del Tuir, l'indeducibilità non è mai assoluta ma solo relativa. Ciò grazie alla possibilità del loro riporto in avanti senza limitazioni temporali. I soggetti non IAS/IFRS potranno determinare gli interessi passivi impliciti sui canoni leasing sulla base dei criteri valevoli ai fini Irap. Per la definizione degli oneri e proventi assimilati agli interessi passivi o attivi, la sostanza deve sempre prevalere sulla forma. L'eccedenza delle franchigie di 10 e 5 mila euro in vigore per gli anni 2008 e 2009, rispetto agli interessi passivi non può essere portata in avanti.
Sono questi alcuni fra i principali chiarimenti forniti dall'agenzia delle entrate nella circolare n.19/E diffusa ieri, e interamente dedicata alle modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa introdotte dalla legge finanziaria 2008.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 29

Bussola per il 730

La circolare delle Entrate con le risposte date ai Caf. Spese mediche, serve codice fiscale

Lo scontrino parlante non fa passi indietro. Confermata l'impossibilità di detrarre le spese mediche i cui documenti di spesa non siano corredati da codice fiscale del contribuente. Ciò a partire dagli oneri sostenuti dal primo gennaio 2008.
È quanto prevede la circolare 18/2009 concernente le risposte a quesiti relativi alla dichiarazione 730 formulati dalla consulta dei Caf. Viene riconosciuta, invece, una dizione ampia alle spese di auto aggiornamento dei docenti. Nel monte di 500 euro su cui calcolare la detrazione rientrano, infatti, tutti i supporti fisici e formativi che consentano una crescita professionale del contribuente.
Altre aperture si registrano per la deducibilità dei contributi previdenziali complementari invocati dal contribuente sebbene già inclusi nel Cud. In questo caso vale l'attestazione dello stesso lavoratore. In quest'ottica rientra anche l'invio di denaro all'estero per dimostrare il mantenimento dei familiari a carico. Si registra, infine, un no di fatto ai canoni di affitto degli studenti all'estero.

Italia Oggi - S. Mazzei - art. pag. 30

ArchiviOK Telematici