Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa dell'11 maggio 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


La fattura online abbatte i costi

Ricerca del Politecnico di Milano stima in 60 miliardi i risparmi annui complessivi per le aziende. Benefici anche negli uffici pubblici che possono tagliare fino a 1,8 miliardi

Dieci miliardi: è quanto le aziende risparmierebbero complessivamente in un anno se decidessero di abbracciare la fatturazione elettronica. Un taglio ai costi che potrebbe arrivare a 60 miliardi se la rinuncia alla carta comprendesse l'intero ciclo ordine-pagamento. I conti sono stati fatti dal Politecnico di Milano, che ha calcolato anche i benefici per la pubblica amministrazione nel caso rinunciasse alla fattura tradizionale: si va da 300 milioni a 1,8 miliardi l'anno, anche in questo caso in funzione del livello e delle modalità di dematerializzazione.
Lo studio - che sarà presentato mercoledì nel corso di un convegno che si terrà presso il Campus Bovisa del Politecnico, con inizio alle ore 9 - ha stimato il numero di fatture emesse nel settore business to business (B2b) e in quello business to consumer (B2c), oltre che nell'ambito della pubblica amministrazione.

Il Sole 24 Ore del lunedì - A. Cherchi - art. pag. 21

Sconti Irap, le incognite di Unico

Imposte sui redditi. Intanto si avvicina l'appuntamento con la Consulta che deve pronunciarsi sull'indeducibilità. Per il passato, rimborsi in attesa del modello dell'agenzia delle Entrate

Il mini-sconto Irap cerca un posto in Unico 2009. Non solo. Per i rimborsi sul passato, oltre al rischio di un pericoloso intreccio con domande già presentate al Fisco, si resta sempre in attesa dell'annunciato modello che le Entrate dovrebbero predisporre. Su tutto, ad appesantire la vicenda, incombono sia la mancata pronuncia della Corte costituzionale sull'indeducibilità dell'Irap (fissata per il 7 e 8 luglio), sia l'elevato costo che potrebbe essere chiamato a sostenere l'Erario.
Ipotizzando un'aliquota media del 25% ai fini delle imposte dirette, lo sconto cui avrebbero diritto tutti i contribuenti Irap (più di 5 milioni) per l'imposta versata dal 2004 al 2007 va oltre i 3,2 miliardi di euro.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e tributi - M. Mobili, A. Sacrestano - art. pag. 1

Servizi pubblicitari made in Italy

Una recente sentenza della Corte di giustizia ha creato alcune incertezze sul criterio di tassazione. Le prestazioni si considerano fatte nel paese del committente

Le prestazioni di servizi pubblicitari commissionate da soggetti passivi stabiliti in Italia si considerano ivi effettuate anche se il fornitore è stabilito fuori dalla Comunità, a meno che non siano utilizzate fuori dall'Ue.
Questa conclusione non sembra messa in discussione da una recente sentenza della Corte di giustizia (sentenza 19/2/2009, causa C-1/08), attorno alla quale sta nascendo qualche incertezza.

Italia Oggi - sabato 9 maggio - F. Ricca - art. pag. 30

Consorzi con esenzione Iva ampia

Una circolare dell'Agenzia delle entrate definisce l'ambito e il tempo di applicazione. Il regime non viene meno con limitate operazioni imponibili

L'esenzione Iva delle prestazioni dei consorzi costituiti tra soggetti esenti non viene meno se il consorzio effettua limitate operazioni imponibili. È uno dei principali chiarimenti forniti dall'Agenzia delle entrate con la circolare n. 23 dell'8/5/2009, concernente la nuova ipotesi di esenzione dettata dal secondo comma dell'articolo 10 del dpr n. 33/72, sostitutiva di quella dell'articolo 6 della legge n. 133/99.
La disposizione, introdotta dalla Finanziaria 2008, esenta dall'Iva le prestazioni di servizi effettuate nei confronti dei consorziati o soci da consorzi, comprese le società consortili e le società cooperative con funzioni consortili, costituiti tra soggetti per i quali, nel triennio solare precedente, la percentuale di detrazione di cui all'articolo 19-bis, anche per effetto dell'opzione dell'articolo 36-bis, sia stata non superiore al 10%, a condizione che i corrispettivi dovuti dai consorziati o soci non superino i costi imputabili alle prestazioni stesse.

Italia Oggi - sabato 9 maggio - F. Ricca - art. pag. 31

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter