Rassegna stampa del 1° giugno 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Invito Convegno Giugno 2009
Invito Convegno Giugno 2009 Invito Convegno Giugno 2009

Rivalutazione con perizia

Dichiarazioni. Le indicazioni dell'Agenzia nella diretta Map non sono sempre di agevole gestione. Strada bloccata ai forfait per costruzioni e aree sottostanti

Se il contibuente decide di rivalutare l'area su cui insiste un fabbricato è necessario, senza eccezioni, procedere a una valutazione autonoma dell'area rispetto al relativo fabbricato, utilizzando una perizia di stima o un altro metodo che individui i valori correnti senza poter usufruire dei meccanismi forfetari.
Questo principio, espresso dall'agenzia delle Entrate nel corso della diretta Map (l'associazione di commercialisti che offre moduli per la formazione continua) del 28 maggio scorso, non solo determina per gli operatori ulteriori e gravosi adempimenti, ma non tiene conto delle problematiche specifiche che riguardano tutti quegli immobili autonomamente rivalutabili ricompresi all'interno del medesimo fabbricato.

Il Sole 24 Ore - sabato 30 maggio - B. Santacroce - art. pag. 30

Assegni, la consegna fa reddito

Per i titolari non è rilevante la data dell'incasso

Il compenso percepito da un professionista con un assegno circolare concorre a formare il reddito nell'anno in cui il titolo di credito viene ricevuto.
La precisazione è contenuta nella risoluzione 138 del 29 maggio 2009.
La questione riguarda l'individuazione del momento in cui un compenso si intende percepito, quando il pagamento, nei confronti di un professionista per cui vale il principio di cassa, viene effettuato mediante titolo di credito.
Il principio è comune anche alle imprese individuali che rientrano nel regime dei minimi (articolo 1, comma 96, legge 244/2007) o più in generale alle prestazioni di servizi poste in essere da chiunque circa l'applicazione dell'Iva.

Il Sole 24 Ore - sabato 30 maggio - G. P. Tosoni - art. pag. 30

Niente Irap nei collegi sindacali

Sentenza della Corte di cassazione ritorna sul tema degli obblighi dei liberi professionisti. Esente chi fa consulenza avvalendosi di strutture esterne

Non pagano l'Irap i ragionieri, consulenti e membri dei collegi sindacali. Infatti, ha spiegato la Corte di cassazione con la sentenza 12653 del 28 maggio 2009, chi svolge le attività di libero professionista avvalendosi di una struttura esterna, come può essere la società a cui rilascia la consulenza, non paga il tributo.
Ecco un'altra importante decisione sull'Irap a pochi giorni dal saldo dell'imposta in calendario per il 16 giugno e soprattutto nuovamente al centro delle polemiche per via delle ultime istruzioni del fisco e delle recentissime sentenze della Suprema corte che creano qualche incertezza su quanto effettivamente alcuni contribuenti dovranno versare.

Italia Oggi - sabato 30 maggio - D. Alberici - art. pag. 27

Verifica ad hoc pure dai revisori

ANTIRICICLAGGIO/ Le modifiche in arrivo al testo del decreto legislativo n. 231 del 2007. Cliente ai raggi X. Senza vigilanza degli ordini professionali

È sempre il collegio sindacale e non i singoli membri degli organi di controllo a dover assolvere agli obblighi antiriciclaggio. I dati relativi al titolare effettivo dovranno essere registrati e conservati unitamente a quelli del cliente. I trasferimenti eccedenti i 12.500 euro potranno essere rateizzati ma ciò non potrà essere effettuato in modo fraudolento per celare incassi o pagamenti provenienti da operazioni di riciclaggio.
Sono alcune delle innovazioni, in via di introduzione, ad opera dello schema di decreto legislativo recante modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, in attuazione della direttiva 2005/60/Ce, concernente la prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio.

Italia Oggi - sabato 30 maggio - L. De Angelis - art. pag. 29

Disabili, l'Iva leggera non decade

I chiarimenti del Fisco. Una risoluzione sul trattamento agevolato per le autovetture. L'erede che rivende il bene entro due anni non perde i benefici

In caso di rivendita, da parte dell'erede, dell'autovettura che era stata acquistata dal defunto con l'Iva agevolata prevista a favore dei disabili, ancorché non siano passati 24 mesi dall'acquisto, non è dovuta la differenza d'imposta.
È quanto ha chiarito l'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 136 del 28 maggio 2009, che ha ritenuto quindi inapplicabile, nel caso di specie, la norma antielusiva introdotta dalla legge finanziaria 2007.

Italia Oggi - sabato 30 maggio - F. Ricca - art. pag. 30

Pec, la rivoluzione è in corso

Monitoraggio di ItaliaOggi Sette in vista del primo termine per adeguarsi all'obbligo. L'impegno è di rendere gratuito il servizio di posta certificata

Posta elettronica certificata obbligatoria per professionisti, imprese e p.a. L'obbligo è previsto dal decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (c.d. decreto anti-crisi), convertito nella legge 28 gennaio 2009, n. 2 (G.u. 28 gennaio 2009, n. 22). Il termine per adeguarsi è differenziato: tre anni dall'entrata in vigore del decreto per le società e un anno (19 novembre 2009) per i professionisti; per le amministrazioni non è previsto un termine.
Le Pec sarà più economica, certa e rapida dell'attuale raccomandata a/r, ma le attuali leggi, che propongono anche l'attivazione di «analoghi indirizzi» lasciano dei dubbi sulle effettive alternative a essa e la possibilità di dialogare con la p.a. e con i tribunali.
Da un monitoraggio di ItaliaOggi Sette, i professionisti si stanno dando da fare, cercando di colmare il gap attraverso accordi con società certificatrici per fornire gratuitamente agli iscritti una casella di posta e arrivare pronti all'appuntamento di novembre.

Italia Oggi Sette - M. Pada - art. pag. 9