Rassegna stampa del 3 giugno 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Invito Convegno Giugno 2009
Invito Convegno Giugno 2009 Invito Convegno Giugno 2009

In Italia monitoraggio limitato

Vigila il Garante della Privacy

Non sembra possibile, in Italia, un'invadenza paragonabile a quella francese nei confronti degli utenti di internet.
Esiste infatti la decisione adottata dal Garante per la privacy il 28 febbraio 2008: nella relazione 2007, presentata il 16 luglio 2008, l'Autorità "ha ritenuto illecito il monitoraggio sistematico delle reti peer-to-peer (P2P) svolto per individuare gli utenti che si scambiano illegalmente contenuti protetti dal diritto d'autore" e ha ricordato anzitutto che "la direttiva europea sulle comunicazioni elettroniche vieta ai privati di effettuare monitoraggi, ossia trattamenti di dati massivi, capillari e prolungati nei riguardi di un numero elevato di soggetti".

Il Sole 24 Ore - U. R. - art. pag. 29

Unico accoglie gli straordinari

Dichiarazioni. Nuovi righi sulla detassazione di somme e incentivi per la produttività

La detassione sugli straordinari e sulle somme finalizzate a incrementare la produttività, approda nel modello Unico 2009.
Nella dichiarazione dei redditi sono stati inseriti due righi appositamente destinati a rettificare la tassazione applicata nel corso del 2008; si tratta dei righi RC4 e RC5.
Le istruzioni per la redazione del modello precisano che questi due righi vanno compilati solo dai contribuenti che devono rettificare l'assoggettamento a imposta degli emolumenti percepiti nel corso del 2008.
Nel caso contrario, vale a dire se non c'è nella da cambiare, essi vanno lasciati in bianco. Avvalendosi di questa parte del modello Unico 2009 è possibile inoltre correggere o integrare un modello 730/2009 già presentato.

Il Sole 24 Ore - G. Maccarone - art. pag. 31

Antiriciclaggio flessibile sui tempi di registrazione

Professioni. Dal correttivo in preparazione rivisti gli obblighi con i clienti. Identificazioni ammesse anche a conclusione dell'incarico

Nuovi e più dettagliati termini per le registrazioni antiriciclaggio dei professionisti. Li prevede lo schema di decreto correttivo del decreto legisltivo 231 del 2007 sull'antiriciclaggio, che dovrebbe approdare all'esame del Consiglio dei ministri entro il 29 giugno.
L'articolo 19 del correttivo modifica l'articolo 38 del decreto 231 e introduce un comma 1-bis, che ricorda ai liberi professionisti che devono registrare entro 30 giorni i loro incarichi professionali nell'archivio cartaceo (mentre resta facoltativo quello informatico) e fissa i nuovi termini per la registrazione. L'obbligo decorre, si legge nel decreto correttivo, "dall'accettazione dell'incarico, dall'eventuale conoscenza successiva di ulteriori informazioni o dal termine della prestazione professionale".

Il Sole 24 Ore - R. Razzante - art. pag. 32

Corrispettivi Gdo con invio mensile

Cambia la trasmissione telematica

Stop alla trasmissione telematica settimanale dei corrispettivi da parte delle aziende della grande distribuzione organizzata: a partire dal mese corrente la cadenza diventa mensile, per cui i dati degli incassi di giugno dovranno essere trasmessi all'Agenzia delle entrate cumulativamente entro il 15 luglio.
La novità si deve al provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate del 12 marzo 2009, che ha apportato alcune modifiche alla precedente disciplina tecnica dell'adempimento previsto dalla Finanziaria 2005, contenuta nel precedente provvedimento dell'8 luglio 2005.
Una delle modifiche di maggiore rilievo è l'estensione dell'opportunità di avvalersi della trasmissione telematica dei corrispettivi anche alle imprese di servizi, purché in possesso dei requisiti dimensionali previsti; ciò in attuazione di una norma integrativa introdotta dalla Finanziaria 2006. In precedenza, infatti, la facoltà era concessa solo ai soggetti che svolgono attività commerciale di rivendita merci, come chiarito dall'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 273 del 3 luglio 2008, che aveva conseguentemente ritenuto di non poter ricomprendere nell'ambito della norma le grandi imprese che svolgono prestazioni di servizi o attività di somministrazione di alimenti e bevande.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 26