Rassegna stampa del 17 giugno 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento senza titolo

ArchiviOK Telematici

Fattura online più facile

Telematica. Le indicazioni delle Entrate superano le interpretazioni restrittive del passato.
Per conservare il documento non è necessaria la scansione.

Si può acquisire direttamente l'immagine prodotta tramite il processo di generazione dello spool senza materializzare il documento su supporto fisico.
L'Agenzia delle Entrate ammette, infatti, la conservazione sostitutiva da spool di stampa di documenti analogici prodotti o ricevuti con modalità informatiche ma privi di riferimento temporale e di firma digitale dell'emittente.
Per l'esistenza giudirica e la rilevanza fiscale del documento è necessaria, in ogni caso, la sua materializzazione su supporto cartaceo da conservare, ed esibire a richiesta, sino al completamento del processo di conservazione sostitutiva. Le tempistiche adottate per concludere il processo condizionano di fatto l'esistenza del documento su supporto analogico. Infatti, il supporto cartaceo, che continua a essere necessario, dovrà rimanere in vita solamente sino al momento in cui non sarà completata la conservazione sostitutiva mediante apposizione di firma digitale e marca temporale.

Il Sole 24 Ore - B. Santacroce - art. pag. 35

Studi di settore top

La Cassazione accorda la preferenza sui parametri. accertamenti induttivi? In soffitta.

Gli studi di settore battono anche l'accertamento induttivo. Infatti, nel caso in cui il reddito del contribuente sia coerente con gli studi non vale l'accertamento basato su altre presunzioni per quanto gravi, precise e concordanti.
Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 13915 del 15 giugno 2009, ha respinto il ricoso del fisco.
In fondo alle motivazioni i giudici della sezione tributaria, respingendo la tesi avanzata in aula dal Procuratore generale, hanno scritto chiaramente che "gli studi di settore vanno preferiti ai parametri di cui all'articolo 39 del dpr n. 600 del '73, attesa la natura più raffinata del nuovo mezzo di accertamento, desumibile dalla normatica stessa che lo ha introdotto.

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 40

Il riordino degli interessi penalizza il concordato

Adempimenti. Favorito chi decide di pagare spontaneamente.
Dal 2010 al 2% l' "extra" sui rimborsi ai contribuenti.

L'altalena degli interessi premia chi paga le tasse spontaneamente e penalizza i contribuenti che pagano dopo l'iscrizione a ruolo. Penalizzati anche i contribuenti che pagano in seguito a concordato o conciliazione giudiziale. Dal 1° gennaio 2010, infatti, la misura dovuta per chi paga le somme da concordato o conciliazione sarà aumentata dello 0,50% (in luogo degli interessi legali del 3, si pagherà il 3,5 per cento).
Le nuove misure degli interessi sono fissate dal decreto 21 maggio 2009, pubblicato sulla "Gazzetta Ufficiale" 136 del 15 giugno.
La "razionalizzazione" agevola i pagamenti rateali, riducendo i benefici per chi deve avere i rimborsi dal Fisco.

Il sole 24 ore - T. Morina- art. pag. 36

I contratti di solidarietà verificati dal libro unico

Lavoro. Le istruzioni sugli accertamenti per il pagamento del contributo.
Dalla base retributiva escluse le voci straordinarie

La domanda (in bollo) per i contratti di solidarietà, per chiedere il contributo Inps cosi da integrare lo stipendio, deve essere inviata alla direzione provinciale del Lavoro competente rispetto alla sede legale dell'impresa, per evitare pasticci nel caso di aziende con unità produttive distribuite in diverse province. Inoltre, per sveltire i conrolli, nella domanda dovrà essere riportatal'indicazione del professionai sta o del centro che tiene il libro unico del lavoro (se l'azienda non lo fa direttamente), cosi da verificare le ore di riduzione e le presenze dei lavoratori in "solidarietà".

Il sole 24 ore - M.C. De Cesari, G. Maccarone - art. pag. 38

ArchiviOK Telematici