Rassegna stampa del 1° luglio 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento senza titolo

ArchiviOK Telematici

Compravendite con 'Ace'

Da oggi il documento diventa obbligatorio in tutta Italia. Norme modificate in Lombardia. Senza attestato di certificazione energetica multe fino a 20mila euro

Sanzione pecuniaria da 5mila a 20mila euro per il venditore che non allega al rogito di compravendita di un edificio sito in Lombardia l'attestao di certificazione energetica (Ace) e obbligo del notaio di notificare "all'organismo regionale di accreditamento" la stipula di rogiti privi di Ace.
Lo stabilisce la legge della Regione Lombardia n.10 del 29 giugno 2009, pubblicata sul Bollettino ufficiale lombardo 30 giugno, in vigore da oggi.
Se dunque dal 1° luglio 2009 in tutta Italia occorre osservare le disposizioni della legge statale sulla "dotazione" dei fabbricati con l'attestato di qualificazione energetica (Aqe), facilmetne derogabile con una clausola contrattuale ad hoc (a meno che si tratti di edifici di recente costruzione), per i fabbricati ubicati in Regioni che hanno emanato proprie disposizioni in materia occorre seguire la disciplicna della Regione.

Il Sole 24 Ore - A. Busani - art. pag. 29

La Tremonti-ter dura solo 1 anno

Nel decreto un segno di discontinuità rispetto alle due precedenti versioni dell'agevolazione. Ammissibili investimenti operati fino al 30 giugno 2010

La Tremonti-ter dura soltanto un anno. Saranno ammissibili solo gli investimenti da fare successivamente all'entrata in vigore del dl manovra e fino al 30 giugno 2010. La Tremonti-ter non si applicherà infatti agli investimenti che risulteranno già effettuati prima di tale data: un segno di discontinuità con la prima Tremonti e la Tremonti-bis che prevedevano l'ammissibilità degli investimenti con effetto retroattivo a tutto l'anno in cui erano entrate in vigore.
Chi ha già ordinato i beni, pagato acconti, ricevuto i beni in azienda e si trova quindi in una situazione di investimento in corso di attuazione rischia attualmente di non rientrare nell'agevolazione e deve quindi attendere l'emanazione della circolare esplicativa del dl approvato venerdì scorso dal governo per capire se potrà considerare gli investimenti ai fini della detassazione.

Italia Oggi - R. Lenzi - art. pag. 24

Compensazioni Iva ancora libere

L'incognita della decorrenza del provvedimento sull'utilizzazione del credito trimestrale. Non immediatamente applicabili le norme sul differimento

Da oggi i contribuenti che hanno un credito Iva per il secondo trimestre e possiedono i requisiti per chiederne il rimborso (art. 38-bis, comma 2, dpr 633/72), possono, in alternativa, utilizzare il credito in compensazione.
Questo secondo le regole attuali. Quando entrerà in vigore il dl approvato venerdì dal governo, per compensare crediti Iva per importi superiori a 10 mila euro occorrerà attendere fino al giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione dell'istanza.
È l'effetto delle modifiche che l'art. 10, comma 1 del dl apporta all'art. 17, dlgs 241/97.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 25

Domestici, datori alla cassa Inps

Secondo appuntamento per il 2009. In vista delle vacanze, occhio alla disciplina delle ferie estive. Entro il 10 luglio vanno versati i contributi aprile-giugno

Si avvicina la scadenza del versamento dei contributi a favore dei lavoratori domestici. Entro il 10 luglio occorre infatti pagare la contribuzione relativa al trimestre aprile-giugno.
Si tratta del secondo appuntamento di quest'anno, per cui la scadenza non presenta novità riguardo le quote contributive (sono le stesse di quelle pagate in occasione del precedente appuntamento dello scorso aprile), ma richiede piuttosto una particolare attenzione relativamente alla disciplina delle ferie estive.

Italia Oggi - G. Leonardi - art. pag. 30

ArchiviOK Telematici