Rassegna stampa del 9 luglio 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Ddl sviluppo all'ultimo sì

Oggi al Senato via libera definitivo per il collegato alla manovra d'estate 2008. La Robin tax divente più pesante per aiutare l'editoria

Class action in forma attenuata, polizze assicurative "poliennali" per gli automobilisti, nuovo piano per l'energia con il ritorno al nucleare, equiparazione delle reti d'impresa ai distretti industriali e aumento della Robin tax per garantire i fondi 2009 all'editoria.
Sono questi gli interventi chiave del cosiddetto Ddl sviluppo (il collegato alla manovra estiva 2008) che, a meno di improbabili sorprese dell'ultima ora, sarà approvato oggi in via definitiva dal Senato.

Il Sole 24 Ore - M. Rogari - art. pag. 27

La class action cambia volto

Diritto dell'economia. Nuove forme di tutela degli interessi diffusi

Alla fine la class action taglia il tormentato traguardo. Che però potrebbe essere solo provvisorio. L'azione a tutela degli interessi collettivi viene approvata in una versione molto diversa da quella che avava fatto il suo ingresso nel nostro ordinamento, senza peraltro entrare mai in vigore per effetto di una successione di proroghe che di fatto ha rinviato il debutto al 1° gennaio 2010.
Tra i punti qualificanti della nuova fisionomia dell'azione ci sono i soggetti che possono agire in giudizio. Non più solo le associazioni dei consumatori o comitati più o meno spontanei, ma anche singoli consumatori in grado di aggregare gli interessi di una classe omogenea.

Il Sole 24 Ore - G. Negri - art. pag. 27

Posta certificata, indirizzo da indicare entro il 30/11

Imposte e tasse

Obbligo di indicare al registro delle imprese il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (Pec) per le imprese di nuova costituzione, mentre per quelle già esistenti l'adempimento andrà assolto entro il 30 novembre 2011. Stessa cosa per i professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge, ma in questo caso il termine è fissato al 30 novembre 2009.
Lo ha ricordato Assonime con la circolare n. 28 del 7 luglio 2009, che riepiloga le recenti novità normative in tema di Pec, presentazione di istanze alle p.a. e copie informatiche dei documenti. Per quanto riguarda il primo punto, la circolare evidenzia la forte spinta all'informatizzazione del registro delle imprese recato dal dl n. 185/2008, che ha reso obbligatoria l'indicazione dell'indirizzo Pec (l'iscrizione e le eventuali modifiche successive sono esenti dall'imposta di bollo e dai diritti di segreteria).
Assonime sottolinea che le imprese potranno assolvere tale obbligo anche adottando un indirizzo di posta certificata alternativo (purché abbia i requisiti fissati in via generale dal decreto) rispetto alla Pec, dal momento che quest'ultima è funzionante soltanto all'interno del territorio nazionale.

Italia Oggi - V. Stroppa - art. pag. 25

L'impresa parte con un solo click

In Gazzetta Ufficiale il regolamento sulle modalità di presentazione della comunicazione unica. Denuncia unificata per iscrizione, variazioni e cessazione attività

Al via la comunicazione unica d'impresa. Entrerà a regime dal prossimo 1° ottobre come previsto dal dl n. 78/2009, dopo oltre due anni di rodaggio (la sperimentazione è partita il 19 febbraio 2008). Consentirà di avviare nuove attività con un unico adempimento, valido per tutte le amministrazioni (registro imprese, agenzia entrate, Inps, Inail), così pure per le successive variazioni e la cessazione dell'attività.
L'ultimo tassello che ancora mancava alla disciplina è arrivato con la pubblicazione in Gu n. 152/2009 del dpcm 9 maggio 2009 che individua le regole tecniche sulla presentazione della nuova comunicazione e per il trasferimento dei dati tra le amministrazioni. Due le modalità di presentazione: quella telematica e quella su supporto informatico.

Italia Oggi - D. Cirioli - art. pag. 28