Rassegna stampa del 21 luglio 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


In nota la difesa dagli 'studi'

Chi è congruo al test di Gerico può mettere in evidenza i motivi del mancato adeguamento. I risultati talvolta derivano anche da malfunzionamenti del software

I contribuenti non congrui al test di Gerico, che non hanno ancora pagato, devono decidere entro il 5 agosto se adeguarsi o meno. La scelta dipenderà da ragioni economiche (il costo delle imposte "aggiuntive" da versare al fisco) e dalla forza delle ragioni da sostenere in un eventuale contenzioso.
La scarsa liquidità delle aziende rappresenta il principale pericolo per l'Erario rispetto ai contribueni soggetti agli studi di settore, che devono anche fare i conti con la difficoltà degli operatori nell'ottenere finanziamenti bancari.

Il Sole 24 Ore - G. P. Ranocchi, G. Valcarenghi - art. pag. 25

La svolta tardiva sull'Irap è a rischio liti

Dopo la circolare delle Entrate

La circolare n. 36/E sull'Irap potrebbe generare una serie di problemi aggiuntivi oltre quelli legati alla scelta di rifare i calcoli. Con una possibile ondata di contenzioso dopo che si saranno aperti gli accertamenti. Con un punto debole ulteriore: il fatto che l'inerenza sia finita in tilt.
Sono molte, infatti, le perplessità che derivano dalle precisazioni dell'agenzie delle Entrate, in base alle quali è stata decretata la prevalenza delle norme fiscali sui principi di rilevazione del bilancio ai fini Irap, mettendo così anche in discussione tutto il percorso di riavvicinamento al bilancio dell'esercizio che era statao attuato con la Finanziaria 2008 (anche con l'abrogazione degli ammortamenti anticipati, delle deduzioni extra contabili da quadro EC dei riallineamenti).
Le indicazioni dell'Agenzia risultano in contrasto con il dato normativo, per cui, se gli uffici effettueranno le rettifiche seguendo quanto riportato dalla circolare e i contribuenti (giustamente) seguiranno le norme, si assisterà a un inutile e costoso (per tutti) contenzioso.

Il Sole 24 Ore - D. Deotto - art. pag. 25

Ricapitalizzazioni, sconti del 3%

La manovra/Votato alla Camera l'emendamento che amplia le agevolazioni della Tremonti ter. Sgravi fiscali per 5 anni con tetto massimo di 500 mila

Sgravio fiscale a favore delle persone fisiche che perfezionano aumenti di capitale, nella misura del 3% dell'importo conferito, per una durata di 5 periodi d'imposta e nel rispetto del tetto massimo di aumento pari a 500 mila euro.
Ecco un'interessante novità introdotta da uno specifico emendamento al decreto anticrisi che introduce all'articolo 5, quello relativo alla Tremonti ter, il comma 3-bis che dispone una precisa agevolazione fiscale destinata alle persone fisiche – soci di società di capitali e di persone – che patrimonializzano quest'ultime.

Italia Oggi - F. G. Poggiani - art. pag. 26

Società miste senza avvocati

Una sentenza della Cassazione dice no all'iscrizione nell'elenco speciale. Il responsabile dell'ufficio legale è fuori dall'albo

L'avvocato responsabile dell'ufficio legale di una società per azioni con capitale misto (pubblico-privato) non può essere iscritto nell'elenco speciale annesso all'albo. Lo hanno stabilito le Sezioni unite civili della Corte di cassazione che, con la sentenza n. 16629 del 17 luglio 2009, hanno respinto il ricorso di un professionista che, in qualità di responsabile dell'ufficio legale, chiedeva l'iscrizione nell'elenco speciale annesso all'albo.
Nel 2007 il Consiglio dell'ordine degli avvocati di Perugia aveva respinto la sua richiesta di iscrizione nonostante lui fosse «dipendente e responsabile dell'ufficio legale di una Spa con capitale misto». Il motivo del primo rifiuto stava «nella natura privatistica della società».

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 28

Il referto arriva via e-mail

Esami laboratorio e privacy

I referti di laboratorio si potranno ricevere nella propria casella di posta elettronica. E potranno essere consultati tramite internet. E così anche per analisi cliniche, radiografie, senza violazione della privacy, purché siano rispettate alcune condizioni. Ci vuole il consenso informato dell'interessato e le comunicazioni devono avvenire secondo un protocollo di sicurezza garantito.
Sono questi i temi delle Linee Guida del garante in tema di referti on-line (deliberazione n. 21 del 25 giugno 2009), sui quali il garante stesso ha aperto una procedura di consultazione pubblica. Chi intende inviare osservazioni potrà farlo a mezzo posta oppure all'indirizzo refertionline@garanteprivacy.it.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 28

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile