Rassegna stampa del 24 luglio 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento senza titolo

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


L'Irap torna a far base sul bilancio

La circolare 39/E chiarisce che il concetto di inerenza dei costi ha valore civilistico e non fiscale

Contribuenti alla ricerca di punti fermi sull'Irap delle società di capitali. Gli ultimi interventi dell'agenzia delle Entrate hanno disorientato le imprese che hanno effettuato i versamenti sulla base della legge e delle precedenti istruzioni.
Dopo la circolare n. 39/E si può ricostruire un percorso per i contribuenti.
Un elemento di chiarezza viene dalla legge e dalla stessa circolare 39/E. L'Irap delle società di capitali si basa sui valori iscritti nel conto economico, senza più alcuna efficacia delle regole sulla quantificazione di proventi e oneri nel reddito di impresa. L'imposta regionale non "legge" più il testo unico e questo per la scelta del legislatore di agevolare il futuro controllo delle dichiarazioni da parte degli enti locali destinatari del tributo.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani - art. pag. 27

La compilazione del Libro unico può essere rinviata per ferie

La Fondazione studi dei Consulenti sulla scadenza del Libro unico

Si può rimandare la compilazione del Libro unico sul lavoro, così come già accade per il versamento dei contributi, se l'impresa è chiusa per ferie? Secondo i consulenti del lavoro la risposta è sì.
Il Libro unico del lavoro, di regola, deve essere compialto entro il giorno 16 del mese successivo a quello di riferimento. La Fondazione studi dei consulenti del lavoro sostiene: "Sono da ritenere tempestive, e quindi non sanzionabili, le registrazioni effettuate successivamente tale termine, purchè avvengano entro lo stesso giorno in cui è versata la contribuzione mensile". Questa tesi trova conferma nel Vademecum pubblicato dal ministero del Lavoro.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 30

Un'evasione da 200 mld

Indagine sull'anagrafe tributaria nel contrasto all'evasione fiscale, presentata ieri in Parlamento. In futuro un redditometro di massa e concordato preventivo

Duecento miliardi di euro. È questo l'ammontare iperbolico dell'evasione fiscale in Italia che vede, in prima fila, i servizi dell'edilizia, del commercio, della ristorazione e dei servizi personali.
I rimedi? Innanzitutto un nuovo redditometro che sia «di massa» e, quindi, in grado di permettere accertamenti sulla generalità dei contribuenti, ed «automatico», in grado di permettere di individuare, con chiarezza e immediatezza, il reddito imponibile riferibile a un soggetto che ha determinate disponibilità patrimoniali. (...) Infine, il legislatore potrebbe pensare alla nascita di un «borsellino elettronico» una carta attraverso cui lo Stato corrisponde alcuni redditi (ad esempio, le pensioni) che i beneficiari potrebbero utilizzare poi come strumento di pagamento «tracciabile». Mentre non bisognerebbe rafforzare gli studi di settore, anzi ridimensionarli, in quanto, alla lunga, si sono rivelati del tutto inadeguati.
Queste alcune delle considerazioni che è possibile ricavare dalla lettura del documento approvato dalla commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria, a conclusione dell'indagine conoscitiva sull'anagrafe tributaria nel contrasto all'evasione fiscale, presentata ieri in Parlamento.

Italia Oggi -A. G. Paladino - art. pag. 27

Tremonti ter solo sui beni nuovi

Le novità alla manovra introdotte dalla camera e confermate nel maxi-emendamento del governo. L'agevolazione fiscale potrà essere fruita già in Unico 2010

I beni sui quali è possibile fruire della detassazione Tremonti ter devono essere necessariamente nuovi e lo sconto potrà essere fruito già nel modello Unico 2010. Inoltre, ai fini della revoca dell'agevolazione, introdotta una nuova specifica ipotesi che riguarda l'eventuale esistenza di stabili organizzazioni in paesi non aderenti allo spazio economico europeo.
Sono queste, in sintesi, le novità introdotte in sede di commissione parlamentare alla formulazione dell'articolo 5 del decreto legge n. 78 del 2009 che regola, come noto, la detassazione degli investimenti in macchinari (rubrica dell'articolo modificata anch'essa in commissione).

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 31

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile