Rassegna stampa del 20 ottobre 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Mod 770, 50 mila avvisi in e mail

Accordo Agenzia delle entrate, intermediari per la gestione tramite posta elettronica certificata. Canale telematico per le comunicazioni di irregolarità

Un canale dedicato per le comunicazioni di irregolarità per il modello 770/08. Un'operazione che prevederà l'invio di una prima tranche di 50 mila comunicazioni di irregolarità per poi completare gli invii entro fine anno con 850 mila comunicazioni agli intermediari. E il prossimo passo sarà, secondo una tabella di marcia di semplificazione amministrativa, quello della risoluzione per via telematica degli avvisi bonari per Unico persone fisiche.
Dopo l'esperienza effettuata dalla direzione centrale servizi ai contribuenti dell'agenzia delle Entrate, guidata da Aldo Polito e dagli intermediari professionali sulla assistenza, in merito alle comunicazioni di irregolarità, relative al controllo automatizzato delle dichiarazioni Unico SC 2007 e Unico SP 2007, presentate per il periodo d'imposta 2006, le funzioni si allargano per coinvolgere anche il modello 770, per le comunicazioni di irregolarità e/o avvisi telematici, inviati a partire dal mese di ottobre, relativi ai modelli 770/2008 presentati per il periodo d'imposta 2007.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 31

Il catasto fabbricati sempre più telematico

Agenzia del territorio I documenti in formato pdf con le immagini delle planimetrie e degli stradari

Catasto fabbricati sempre più telematico. Documenti in formato pdf recanti anche le immagini delle schede planimetriche, stradari certificati da utilizzare per l'inserimento degli indirizzi degli immobili, nuovi metodi di stima della rendita.
Sono queste le novità principali della procedura Docfa 4, utilizzabile da ieri per la dichiarazione degli immobili al catasto edilizio urbano. L'operatività del nuovo sistema, approvato con provvedimento del direttore dell'Agenzia del territorio del 15 ottobre 2009, è tuttavia graduale: per agevolare i professionisti, fino al 30 marzo 2010 sarà consentita ancora la presentazione di documenti di aggiornamento prodotti con la versione precedente della procedura (3.0)

Italia Oggi - art. pag. 31

Studi di settore, da considerare elementi forniti dai contribuenti

Imposte e tasse

Se l'ufficio non ha tenuto di conto degli elementi forniti dal contribuente per giustificare lo scostamento dagli studi di settore, l'accertamento è privo di motivazione e deve essere annullato con conseguente condanna dell'ufficio alle spese di lite.
E' questa, in estrema sintesi, la massima contenuta nella sentenza n.64/8/09 del 25.9.2009 della Ctr Toscana.
La sentenza in rassegna è importante perché sottolinea, una volta ancora, come nel complesso procedimento di accertamento tramite l'utilizzo degli studi di settore il momento centrale dell'intera procedura è rappresentato dal contraddittorio fra il fisco ed il contribuente. E' in questo momento che deve formarsi la motivazione del successivo atto di accertamento che non potrà non tenere in debita considerazione le argomentazioni esposte dal contribuente a sua difesa.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 38

Riposi, una sola sanzione

Un interpello del ministero del lavoro sulle violazioni della normativa. In presenza di più illeciti si applica il massimo

Il datore di lavoro che per effetto dell'unica condotta illecita violi la disciplina sui riposi giornalieri e quella sui riposi settimanali, è soggetto ad una sola sanzione, quella prevista per la violazione più grave (e aumentata fino al triplo).
A stabilirlo è il Ministero del Lavoro nell'interpello n. 76 di ieri, ammettendo l'applicabilità delle disposizioni dell'articolo 8 della legge n. 689/1981 alle ipotesi di violazioni in materia di riposi dal lavoro.

Italia Oggi - D. Cirioli - art. pag. 40

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile