Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 20 novembre 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

ArchiviOK Telematici

Professionisti Sherlock Holmes

Antiriciclaggio. ItaliaOggi anticipa la bozza di indicatori di anomalia della Giustizia. Da segnalare clienti inusualmente esperti o troppo curiosi

Anche l'inusuale familiarità con i presidi previsti dalla normativa antiriciclaggio o la mera curiosità in merito alla applicazione degli stessi potrebbe indurre il professionista a valutare l'opportunità di segnalare un cliente quale soggetto sospetto ai fini dell'art. 41 del dlgs 231/07.
È quanto appare lecito ritenere sulla base di una prima bozza di indicatori di anomalia concernenti i professionisti, che il ministero della giustizia, su proposta Uif, è chiamato ad emanare. Rispetto agli indicatori di anomalia per professionisti attualmente previsti, dall'allegato c) del provvedimento Uic, 24/2/2006, gli indici di sospetto risulterebbero meno numerosi (da 34 a 29), raccolti in sei macrogruppi (anziché in otto) e maggiormente pertinenti alla specificità degli aspetti professionali.

Italia Oggi - L. De Angelis e C. Feriozzi - art. pag. 19

Moral suasion per lo scudo

Informativa delle Entrate a chi ha spostato all'estero almeno 50 mila. Ai contribuenti 25 mila lettere pro-adesione

Nessun obbligo di rispondere alla lettera informativa inviata dall'Agenzia delle entrate a circa 25 mila contribuenti che nel 2008 hanno effettuato movimenti finanziari verso l'estero per oltre 50 mila euro. Tuttavia, qualora il contribuente ritenga di non avere effettuato tali trasferimenti (risultanti dalle segnalazioni trasmesse dagli operatori finanziari), dovrà segnalarlo per posta o via mail alla direzione centrale accertamento delle Entrate.
Così si conclude l'informativa spedita dall'amministrazione finanziaria a titolo di «promemoria» in relazione alla regolare posizione tributaria del contribuente (riprodotta in pagina). Che, qualora abbia violato la disciplina sul monitoraggio fiscale (dl n. 167/1990) potrà ricorrere allo scudo fiscale entro il 15 dicembre 2009 (salvo proroghe) per evitare sanzioni ben più pesanti. Una sorta di «moral suasion», dunque, per indurre i soggetti che non hanno adempiuto agli annuali obblighi dichiarativi a una regolare compliance con il fisco.

Italia Oggi - V. Stroppa - art. pag. 21

Ganasce fiscali senza lucchetto

Sentenza della Corte di cassazione non ha riconosciuto le conseguenze penali del provvedimento. Non è reato usare il mezzo con il fermo amministrativo

Ganasce fiscali senza conseguenze penali. Non è reato usare la macchina o il motorino sottoposto a fermo amministrativo. Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 44498 del 19 novembre 2009 ha respinto il ricorso della procura di Napoli.
Il motorino, sottoposto a fermo amministrativo, apparteneva a un ventottenne napoletano. Lui, nonostante la misura ci aveva circolato. Quindi, erano scattate le accuse per sottrazione di cose sottoposte a sequestro (art. 334 c.p.). Il tribunale partenopeo lo aveva assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste.
In particolare il Collegio di merito aveva motivato che «il fermo va qualificato come sanzione amministrativa accessoria e non in misura cautelare e, pertanto, esso non assolve ad alcuna funzione di garanzia rispetto al depauperamento del bene». quindi non c'erano i presupposti per il reato. Contro questa decisione la procura ha fatto ricorso in Cassazione ma senza successo.

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 23

Per le autonomie un mini-codice

Consiglio dei ministri. Approvato il Ddl che definisce i compiti di comuni, province e città metropolitane. Calderoli: tagliate 50mila poltrone

L'avventura parlamentare del Codice delle autonomie può cominciare. Il Consiglio dei ministri di ieri ha approvato il disegno di legge che fissa i compiti fondamentali di comuni, province e città metropolitane e sfoltisce la "giungla" di enti, organismi e poltrone che caratterizza le pubbliche amministrazioni locali. Sebbene in maniera più soft rispetto al testo licenziato in via preliminare il 15 luglio scorso.

Il Sole 24 Ore - E. Bruno - art. pag. 36


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter