Rassegna stampa del 26 novembre 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Saltano i tagli di Irpef, Irap e affitti

Quattro miliardi a welfare, enti locali e scuola. Fondo di garanzia più robusto per le Pmi

Niente taglio dell'Irap, neppure in formato mini, e dell'Irpef per le famiglie numerose e nessuna cedolare secca per gli affitti. I quattro miliardi di gettito dello scudo fiscale saranno utilizzati per inserire in finanziaria nuovi interventi mirati su welfare, scuola, giustizia, enti locali e pmi.
Dalla consulta economica del Pdl esce confermata la linea del rigore del ministro Giulio Tremonti, che oggi farà il punto sulla manovra in commissione Bilancio alla Camera, ma arriva anche il disco verde ad alcuni dei correttivi chiesti dalla maggioranza. Primi fra tutti il finanziamento del 5 per mille, i fondi per libri gratuiti nelle scuole dell'obbligo e il potenziamento degli ammortizzatori per i giovani co.co.pro. e gli over 50 più colpiti dalla crisi.

Il Sole 24 Ore - M. Rogari - art. pag. 3

Consulenti: occorre semplificare

Si apre oggi a Roma il settimo congresso nazionale - Attenzione puntata sulle riforme in cantiere. L'esempio da seguire è il libro unico tenuto solo con modalità informatiche

Comincia oggi il 7° congresso nazionale dei consulenti del lavoro. L'evento - presso l'Auditorium della musica di Roma - cade in una data significativa per la categoria, visto che sono passati trent'anni dalla nascita. (...)
I temi affrontati sono tanti: si parlerà di riforma delle professioni, di semplificazione, del mercato del lavoro e di accesso alla professione. (...)
"Molti passi sono stati fatti - ammette Rosario De Luca, presidente della Fondazione studi consulenti del lavoro - e molti se ne possono ancora fare. Un canale di dialogo importante con il mondo politico già esiste - afferma De Luca - e ha permesso di raggiungere risultati di rilievo". Si pensi alla riforma della Cassa di previdenza o all'istituzione del libro unico del lavoro.

Il Sole 24 Ore - F. Micardi - art. pag. 31

Privacy, tracciabilità di log al via

Il 15 dicembre scade il termine per l'attuazione degli adempimenti introdotti dal Garante

Il 15 dicembre scade il termine per l'attuazione degli obblighi introdotti dal Garante per la protezione dei dati personali previsti dal Provvedimento del 27 novembre 2008 «Misure e accorgimenti prescritti ai titolari di trattamenti effettuati con strumenti elettronici relativamente alle attribuzioni di amministratori di sistema», come modificato, con ulteriore Provvedimento del 25 giugno 2009 emanato a seguito di una consultazione pubblica alla quale hanno preso parte le associazioni rappresentative delle categorie coinvolte negli adempimenti.
L'attuazione del Provvedimento ha messo in difficoltà moltissimi «titolari» i quali, forse per la prima volta, hanno sentito parlare di log. Ma proprio i log sono oggetto di uno dei più importanti e impegnativi adempimenti introdotti dal provvedimento. I log sono file nei quali vengono registrate le operazioni che un utente compie su un sistema di elaborazione durante una sessione di lavoro.
Il Provvedimento fa riferimento a tutti quei log in cui siano registrati gli accessi ed i tentativi di accesso ai sistemi di elaborazione e agli archivi elettronici da parte degli amministratori di sistema, nonché le disconnessioni ed eventuali messaggi di errore.(..)
Le registrazioni devono comprendere i riferimenti temporali e la descrizione dell'evento che le ha generate, e devono essere conservate per un periodo congruo, comunque non inferiore a sei mesi. (..)
È responsabilità del titolare effettuare le verifiche necessarie, tenuto conto dei dati trattati, dell'organizzazione aziendale, delle procedure adottate e delle mansioni concretamente attribuite all'amministratore di sistema, per garantire le caratteristiche dei log richieste dal garante, valutando l'opportunità di un'implementazione dei propri sistemi software e hardware.

Italia Oggi - S. Algerio - art. pag. 41

Registri, semplificazione in tempi stretti

Visto dal Presidente Assosoftware

La completa dematerializzazione dei registri obbligatori e dei documenti amministrativi attraverso la loro conservazione sostitutiva è pienamente e, direi finalmente, attuabile in tempi brevissimi.
Il risparmio generato presso tutti i professionisti contabili e le imprese italiane assume ora una rilevanza economica importante. Imprese e professionisti devono ringraziare il lavoro di squadra e la collaborazione fra i ministri Brunetta e Calderoli che hanno recepito le istanze di quel mondo imprenditoriale per il quale innovazione e semplificazione sono da sempre un punto di partenza per migliorare il tessuto economico italiano.
Il disegno di legge predisposto dai due ministeri, approvato dal consiglio dei ministri, fa giustizia di una discrepanza dovuta probabilmente al mancato dialogo con gli attori coinvolti e contenuta nell'articolo 2215-bis del codice civile, introdotto nel 2008.
Esso prevedeva la marcatura temporale trimestrale dei libri contabili obbligatori in caso di loro dematerializzazione e conseguente conservazione sostitutiva, mentre per quelli cartacei era sufficiente la bollatura annuale.
È facile comprendere che la tenuta informatica dei registri diveniva una complicazione per le imprese rispetto alla stampa e archiviazione cartacea. Ora sarà sufficiente «stampare» i registri su file ed apporre marcatura temporale e firma digitale alla scadenza naturale dei 12 mesi, procedendo con la Conservazione sostitutiva, come dispone il decreto dell'Economia del 2004.
È forse un esempio limitato, ma è ciò che serve alle imprese, è quello che si attende tutto quel mondo formato da 8 milioni di partite Iva e dai lavoratori dipendenti che gravitano attorno ad esse. Noi non abbiamo bisogno di conflittualità sui massimi sistemi, noi vogliamo collaborazione e stabilità all'interno della compagine che governa questo Paese, noi, caro presidente Fini, non sentiamo il bisogno di un altro Casini. Solo così usciremo dall'emergenza e potremo creare nuovi posti di lavoro e miglioreremo le condizioni economiche di quelli che già ci sono.

Italia Oggi - B. Mariotti, Presidente Assosoftware - art. pag. 41

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile