Rassegna stampa del 21 dicembre 2009
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Studi conclusi in data certa

In base al decreto milleproroghe la pubblicazione deve avvenire entro fine marzo. L'amministrazione può tarare meglio lo strumento presuntivo

Gli studi di settore per il 2009 e 2010 verranno pubblicati, rispettivamente, entro il 31 marzo 2010 e il 31 marzo 2011.
A stabilirlo è il decreto legge "milleproroghe".
Il testo del provvedimento non risulta ancora disponibile ma, per quanto concerne la proroga relativa ai tempi di pubblicazione in "Gazzetta" degli studi non vi dovrebbero esser dubbi circa il contenuto del decreto.

Il Sole 24 Ore - sabato 19 dicembre - D. Deotto - art. pag. 31

Moratoria con silenzio-assenso

Il piano Abi di sospensione delle rate per le famiglie in difficoltà. Domande da febbraio. Ok se la banca non comunica il diniego entro 15 giorni

Silenzio-assenso sulla moratoria dei mutui per le famiglie. Se la banca non comunica il diniego entro 15 giorni, allora l'istanza si deve considerare accolta. Lo prevede il Documento tecnico del Piano Famiglie siglato tra Abi e associazioni dei consumatori.
Il documento illustra termini e procedure per accedere al beneficio. Un beneficio che, beninteso, non fa perdere alle banche gli interessi sui mutui. Chi ottiene la sospensione, infatti, salderà dopo quello che non paga oggi.

Italia Oggi - sabato 19 dicembre - A. Ciccia - art. pag. 20

Doni sotto l'albero senza ritenute

Le regole applicabili agli extra erogati in busta paga. Liberalità tassate per l'intero importo. Fisco e contributi esclusi se il valore non supera i 258 euro

Dono di Natale senza tasse e contributi, se di valore inferiore ai 258,24 euro. Un centesimo in più e ai lavoratori arriva il colpo di scure: tasse e contributi sull'interno importo corrispondente al dono aziendale.
Non c'è scampo a tasse e contributi, invece, quando il dono consiste di una elargizione monetaria (le cosiddette liberalità): a prescindere dall'importo erogato, fisco e istituti di previdenza esigono la percentuale intera.

Italia Oggi Sette - D. Cirioli - art. pag. 10

Il trasporto merci 'conta' nel Paese del committente

Imposta sul valore aggiunto. Il Dlgs che deve far decollare la diversa territorialità. Cade la differenza tra il servizio intra Ue e gli altri

Cambia la territorialità Iva nel settore del trasposto merci dal 1° gennaio 2010. Con l'entrata in vigore delle nuove regole sull'imposta bisognerà distinguere tra trasporti resi a committenti soggetti passivi d'imposta (business to business) per i quali opera la regola generale di cui al nuovo articolo 7-ter del Dpr 633/72 e quelli resi a privati (business to consumer) per i quali torna applicabile quanto previsto dal nuovo articolo (7-sexies, lettere b) e c). (..)
Con le nuove regole non opererà più la distinzione tra i trasporti intracomunitari e trasporti nazionali e internazionali. Per tutte le ipotesi di trasporto beni la prestazione si considererà rilevante nel paese del committente soggetto passivo d'imposta. Sarà perciò rilevante in Italia, quando il cliente è stabilito nel territorio dello Stato un trasporto di beni da Roma a Siracusa (trasporto interamente nazionale), da Londra a Parigi (trasporto tra due paesi comunitari diversi dall'Italia), come anche da Roma a Berlino (trasporto comunitario con partenza dall'Italia), ovvero da Berna a New York (trasporto interamente fuori del territorio comunitario) e anche un trasporto Marsiglia-Lione (trasporto all'interno di un paese comunitario).

Il Sole 24 Ore del lunedì - R. Portale, G. Romano - art. pag. 32

Siae arruolata dalle Entrate

Siglata la convenzione con l'Agenzia

Nel 2010 20.000 controlli da parte della Siae. Con una nuova convenzione, l'Agenzia delle entrate e la Società italiana degli autori e editori rilanciano l'impegno comune sul fronte dell'accertamento e del contrasto alle violazioni tributarie nel settore dello spettacolo e dell'intrattenimento. Una sinergia che vedrà Entrate e Siae insieme sul campo delle verifiche in materia di Iva e imposta sugli intrattenimenti, oltre che sul versante dei controlli relativi al credito d'imposta riconosciuto agli esercenti di sale cinematografiche.
Con il nuovo accordo, la Siae si impegna a svolgere almeno 20 mila accessi l'anno, dei quali non meno del 15% volti a verifiche documentali su libri, registri e scritture, e a curare l'attivazione e il funzionamento dei sistemi di biglietteria automatizzata e dei misuratori fiscali.

Italia Oggi - sabato 19 dicembre - art. pag. 23

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP