Rassegna stampa del 14 gennaio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP  

In Equitalia online i dati immobiliari

Da domani nuove procedure

Al via le nuove procedure telematiche per consentire agli agenti della riscossione di accelerare l'adozione delle misure esecutive nei confronti dei debitori iscritti a ruolo.
Da domani infatti le società partecipate da Equitalia possono usare il nuovo canale informatico messo a disposizione dall'agenzia del Territorio per eseguire trascrizioni, iscrizioni e annotazioni sugli immobili.
L'estensione delle procedure telematiche agli agenti della riscossione è disciplinata in un provvedimento interdirigenziale dei direttori delle Entrate e del Territorio, di concerto con il ministero della Giustizia, datato 18 dicembre 2009 e pubblicato sulla "Gazzetta Ufficiale" del 12 gennaio scorso.

Il Sole 24 Ore - S. Trovato - art. pag. 27

Modello Iva semplificato e agganciato a Unico

Pubblicate dalle Entrate le nuove bozze

Il modello Iva annuale si fa in due. Da quest'anno, al consueto modulo ("modello Iva 2010") si aggiunge "Iva base", di cui sul sito delle Entrate sono disponibili le bozze. Si tratta di una versione semplificata della dichiarazione annuale, che consente al contribuente di avere a disposizione un modello con solo i quadri di suo interesse e da usare in allegato a Unico.
Dunque il modello semplice - il cui impiego è comunque facoltativo - non può essere usato da solo. Ovvero, i dati relativi alla determinazione dell'Iva da versare o del credito Iva devono essere indicati nel quadro RX dell'Unico 2010.
Il "modello Iva base 2010" può essere usato dai contribuenti Iva, sia persone fisiche, sia soggetti diversi, che nel 2009 non hanno effettuato operazioni con l'estero nè acquisti utilizzando il plafond per gli esportatori abituali, determinando l'Iva dovuta e quella ammessa in detrazione secondo regole generali, senza partecipare ad operazioni straordinarie.

Il Sole 24 Ore - T. Morina - art. pag. 29

Il processo on-line ora ci riprova

In un protocollo d'intesa l'avvio della sperimentazione. Da febbraio test presso le commissioni tributarie del Lazio

Il processo tributario on-line ci riprova. Dopo l'esperienza del 2006 per poter avere liti fiscali telematiche a regime dal 2008, Dipartimento, agenzia delle Entrate e Consiglio di presidenza della giustizia tributaria ci riprovano fissando come nuova dead line per la piena operatività del contenzioso tributario informatizzato il 2011.
La novità questa volta è il coinvolgimento come parte attiva della sperimentazione anche il consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabii. Da febbraio fino a giugno su bae volonataria nelle sezioni delle commissioni provinciali di Roma e nella regionale del Lazio dunque si riparlerà di atti, ricorsi, appelli e sentenze.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 19

Si estende la validità delle verifiche fiscali

Accertamenti

Estesa la validità delle verifiche fiscali. I dati raccolti dall'amministrazione finanziari possono essere utilizzati ai fini dell'accertamento anche quando l'attività è andata oltre "l'ambito oggettivo delineato dall'incarico di accesso".
Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n.26321 del 16 dicembre 2009, ha accolto con rinvio il ricorso del fisco. In particolare nella massima ufficiale si legge che "le informazioni ed i dati raccolti nel corso di una verifica fiscale sono utilizzabili per quantificare e motivare il successivo accertamento anche oltre l'ambito oggettivo delinato dall'incarico di accesso. (..)
L'agenzia delle Entrate ha vinto in Cassazione una causa che sembrava ormai persa. Infatti la commissione tributaria provinciale di Milano aveva ritenuto illegittimo l'accertamento Irpeg fatto nei confronti di una grande società di informatica perchè, avevo sostenuto, i dati raccolti nell'ispezione erano andati oltre l'ambito delineato dall'incarico di accesso.

Italia Oggi - art. pag. 20