Rassegna stampa del 15 gennaio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP  

Passaggio a ostacoli per l'Iva Ue

Senza regole le ipotesi sulla committenza e sul luogo di utilizzo delle prestazioni. Auto e acquisti al buio per il mancato recepimento della direttiva servizi

La mancata approvazione delle misure di recepimento del VAT Package crea disorientamento fra gli operatori, incerti sulle misure già in vigore e quelle sospese in attesa della formale adozione.
A sciogliere i dubbi non ha contribuito la circolare 58/E del 31 dicembre scorso, che si è limitata ad affermare la necessità di rispettare, da quest'anno, le nuove regole in tema di territorialità, soprassedendo sui cruciali aspetti legati al coordinamento fra la norma comunitaria e la futura disciplina nazionale.

Il Sole 24 Ore - B. Santacroce - art. pag. 31

Scatta l'Iva sugli acquisti anche per gli 'esenti'

Cassazione. Le sezioni unite sul rimborso in caso di mancata detrazione

La società che esercita un'attività esente da Iva e che effettua acquisti da terzi non può chiedere il rimborso dell'imposta. Lo puntualizzano le sezioni unite della Cassazione con la sentenza 355/10 (disponibile sul sito www.guidanormativa.ilsole24ore.com).
Piuttosto complessa la vicenda finita sul tavolo dei giudici. Un istituto medico di diagnosi e cura aveva chiesto all'amministrazione il rimborso dell'Iva versata a monte sugli acquisti effettuati in passato. La società aveva finito per impugnare il silenzio-riufiuto formatosi sulla richiesta nella convinzione che l'Iva assolta e non detratta corrispondesse pur sempre ad acquisti di beni destinati esclusivamente all'attività esentata e che, quindi, fossero da esentare anch'essi.

Il Sole 24 Ore - G. Piagnerelli - art. pag. 32

'Whistleblowing' da regolamentare

Privacy. Le richieste del garante

Il Garante della Privacy chiede al Parlamento di adottare norme specifiche sul whistleblowing, ovvero le segnalazioni che un dipendente effettua in presenza di azioni o comportamenti anomali, non in sintonia con la normale governance dell'azienda.
Il fenomeno ha subìto un incremento dopo gli scandali finanziari internazionali, perchè è stato letto come un modo di salvaguardare sia gli interessi aziendali sia la più generale stabilità dei mercati, e in Usa e Gran Bretagna è stato perciò regolamentato. (..)
Un primo profilo problematico - ha segnalato il Garante in una nota inviata alle Camere - è la liceità dell'utilizzo dei dati personali raccolti attraverso le "delazioni" in buona fede. Non si può infatti sostenere che la segnalazione adempia a un obbligo legale, per cui, per consentirne l'uso, bisogna ricorrere al principio del bilanciamento degli interessi (in questo caso per esempio il contrasto alle frodi e alla corruzione) di cui si trova traccia nel codice della privacy.

Il Sole 24 Ore - A. Cherchi - art. pag. 32

Ai professionisti risposte via web

La piattaforma Civis delle Entrate operativa in tutte le regioni

Utilizzabile da ieri in tutta l'Italia Civis, il canale web per il dialogo tra fisco e professionisti. Un canale che dalla sua "inaugurazione" a ottobre 2009 in Toscana e Lombardia, era stato esteso in dicembre a Liguria, Emilia Romagna, Molise, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Marche, Umbria e Valle D'Aosta.
Civis ha già raccolto 19.700 richieste di chiarimenti al fisco. (..) Per il momento riguarda solo le liquidazioni automatizzate relative a Unico persone fisiche e al modello 770.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 33

La nuova impresa si denuncia con un chip

Assonime

La comunicazione unica per la nascita dell'impresa può essere presentata al Registro imprese tramite web browser, usando la carta nazionale dei servizi, la carta d'identità elettronica o una carta dotata di certificazione, oppure tramite supporto informatico, con firma digitale e consegnato direttamente allo sportello del Registro imprese competente.
E' uno dei chiarimenti forniti dalla circolare Assonime n. 1 del 13 gennaio 2010, dedicata alla discipina attuativa della comunicazione unica e alle misure comunitarie sugli sportelli unici elettronici.

Il Sole 24 Ore - V. Me. - art. pag. 33