Rassegna stampa dell'8 febbraio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visita il sito per maggiori informazioni su ArchiviOK Professionisti Richiedi informazioni

Cfc, le nuove regole solo dal 2010

Comunicato dell'Agenzia delle entrate, che annuncia l'arrivo di una circolare esplicativa. Un anno alle imprese per adeguarsi alle norme restrittive

Le nuove regole in materia di Cfc trovano applicazione dal periodo di imposta 2010: è questa l'indicazione che arriva dall'amministrazione finanziaria fornita mediante un comunicato stampa diramato venerdì e che confluirà in una circolare di prossima emanazione.
Confermando, peraltro, il contenuto dei modelli dichiarativi relativi al periodo di imposta 2009 che, nell'ambito dei quadri dedicati alla determinazione del reddito delle imprese controllate e collegate estere, non contenevano il richiamo alle nuove disposizioni introdotte con la manovra estiva.

Italia Oggi - sabato 6 febbraio - F. Iacono - art. pag. 19

Phishing sotto tiro

Un documento di Bankitalia sulle frodi informatiche. Comportamenti anomali segnalati

Il furto d'identità mediante l'uso dei servizi finanziari on-line ed il conseguente scippo di denaro è lo scopo delle più comuni frodi informatiche che operano il phishing, ossia lo «spillaggio di dati sensibili».
È questa l'allerta che lancia la Banca d'Italia mediante la comunicazione Uif del 5/2/2010, con la quale fornisce un elenco di comportamenti anomali che diano adito al sospetto di frode e che pertanto siano passibili di segnalazione di operazione sospetta ai sensi del dlgs n. 231/07.

Italia Oggi - sabato 6 febbraio - C. Feriozzi - art. pag. 20

Un bilancio guidato negli enti non profit

Le linee guida dell'Agenzia onlus

Per gli enti non profit pronte le linee guida per la redazione del bilancio sociale. Il documento, che guiderà gli operatori del terzo settore a rendere conto delle attività e della missione svolta, è stato presentato ieri a Milano nel corso di un convegno presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore.
Le linee guida al bilancio sociale sono state realizzate dall'Agenzia per le onlus in collaborazione con Altis -Alta scuola impresa e società dell'Università Cattolica.

Italia Oggi - sabato 6 febbraio - A. Bongi - art. pag. 20

Filo diretto sostituti-fisco

L'Agenzia delle entrate ha reso disponibile il nuovo modello e le istruzioni. Al via la trasmissione dei dati contabili del 730

Al decollo il modello 730-4 in tutte le 107 province. Dopo un rodaggio di due anni in 44 capoluoghi pilota il modello, che disaggrega i dati contabili di credito o debito di imposta del contribuente e consente un dialogo diretto tra Agenzia delle entrate e sostituto d'imposta, è stato reso disponibile venerdì sul sito dell'Agenzia delle entrate.
Quest'anno non saranno solo i Caf coinvolti nell'operazione di preparazione e invio ma anche i dottori commercialisti, i consulenti del lavoro e i professionisti abilitati. Entro il 31 marzo 2010 i sostituti dovranno comunicare al fisco se la trasmissione sarà gestita da loro stessi o affidata agli intermediari.
La conseguenza dell'utilizzo del mod. 730-4 è che il flusso di dati proveniente dai caf, e intermediari arriva verso l'agenzia delle entrate e quest'ultima li rigira al sostituto che può direttamente inserirli nella gestione paghe, senza più carte da trascrivere.

Italia Oggi - sabato 6 febbraio - C. Bartelli - pag. 23

Modulo RW a portata più ampia

Le Entrate: vanno indicati gli investimenti, a prescindere dalla effettiva produzione di redditi. Spazio a immobili, preziosi e opere d'arte posseduti all'estero

Attività finanziarie, immobili, preziosi, opere d'arte e yacht che si trovano all'estero andranno sempre inserite nel modulo RW della dichiarazione dei redditi. Nessuna deroga, quindi, per i beni detenuti nei paesi collaborativi, ovvero per i beni che non siano produttivi di reddito.
Lo ha previsto l'Agenzia delle entrate con due provvedimenti dell'1 febbraio scorso, con i quali ha adottato rispettivamente il modello Unico società di persone e il modello Unico enti non commerciali.
Risultano quindi confermate le importanti novità anticipate dalla stessa Agenzia delle entrate nella circolare 43/E del 10 ottobre 2009 in tema di emersione di attività detenute all'estero e di compilazione del modulo quadro RW della dichiarazione dei redditi 2010.

Italia Oggi Sette - F. Vedana - pag. 4

Conti fittizi? Deve provarli il fisco

Una sentenza della Cassazione che mette sullo stesso piano società e persone contribuenti. Per dimostrare il reddito superiore si inverte l'onere probatorio

È il fisco a dover provare la natura fittizia dell'intestazione dei conti bancari. Lo ha stabilito la Corte di cassazione nella sentenza del 2009 n. 25623.
Nella sentenza la Corte afferma in massima che se il giudice di merito ha ritenuto non provata la riconducibilità delle movimentazioni dei conti intestati ai titolari di partecipazioni in società, e dunque la natura fittizia dell'intestazione, all'attività dell'ente stesso, non opera la presunzione legale fissata dagli artt. 32 dpr n. 600/1973 e 51 dpr n. 633/1972. Atteso che è sull'Erario che incombe l'onere di provare la sussistenza degli elementi di fatto e delle ragioni di diritto a sostegno della pretesa tributaria fatta valere con l'atto impositivo.

Italia Oggi Sette - M. Tasini - pag. 23