Rassegna stampa del 9 febbraio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP  

'Intra' senza modelli e corsia web

Iva. La mancata pubblicazione del decreto legislativo di recepimento delle direttive blocca gli adempimenti delle Dogane. Non ci sono istruzioni sull'adempimento statistico in scadenza sabato 20

Disorientamento e perplessità per la nuova Iva che dal 1° gennaio di quest'anno modifica le regole sulla territorialità dei servizi, sui rimborsi ai soggetti non residenti e introduce norme più rigide per combattere le frodi fiscali in ambito comunitario.
Non è ancora stato pubblicato in "Gazzetta Ufficiale" infatti il decreto legislativo che introduce nella legislazione nazionale le regole comunitarie previste nelle direttive 2008/8, 2008/9 e 2008/117 che hanno modificato la direttiva 2006/112.
Questo impedisce anche l'emanazione dei decreti ministeriali e dei provvedimenti amministrativi che definiscono termini, modalità e ulteriori aspetti della modulistica interessata e della procedura di invio telematico.

Il Sole 24 Ore - R. Portale - art. pag. 29

L'autofattura per i servizi Ue degli agricoltori

Da registrare entro 15 giorni

Dal 1° gennaio anche gli agricoltori devono osservare nuovi adempimenti in presenza di servizi prestati da soggetti che non hanno il domicilio o la residenza in Italia. Tra i casi più frequenti, un servizio di trasporto eseguito da un trasportatore francese o tedesco che cura il trasferimento in Italia di bovini acquistati qualora il servizio venga pagato separatamente. Si può presentare anche il caso di una provvigione pagata ad un mediatore in Svizzera oppure di una royalty corrisposta ad un inglese e così via.
Questi servizi, in base all'articolo 7 ter del Dpr 633/72, come modificato dal decreto legislativo approvato dal Consiglio dei ministri (ma non ancora pubblicato) di recepimento della direttiva comunitaria 2008/8/CE, sono soggetti a Iva in Italia in quanto il committente (l'impresa agricola) è un soggetto passivo residente. L'applicazione dell'Iva avviene mediante autofattura (in unico esemplare) che deve essere emessa dall'agricoltore al momento del pagamento del corrispettivo; l'autofattura può essere emessa anche anticipatamente.

Il Sole 24 Ore - G. P. Tosoni - art. pag. 29

L'illecito è sempre tassato

Nota interna dell'Agenzia delle entrate con le istruzioni per gli uffici. Contenziosi a oltranza per il prelievo sui proventi

Sempre tassabili i proventi illeciti; anche se conseguiti prima dell'avvento della norma che, laddove non inquadrabili in alcuna delle categorie reddituali previste, li dirotta verso i redditi diversi. Forte anche dell'(ennesima) sponda offerta dalla Corte di Cassazione, l'amministrazione finanziaria serra i ranghi sulla tassazione retroattiva dei proventi illeciti, invitando gli uffici a coltivare massicciamente il contenzioso in materia.
Lo fa con una nota interna diffusa nei giorni scorsi con la quale, ripercorrendo l'evoluzione giurisprudenziale della questione, viene offerto una sorta di canovaccio ai propri uffici al fine di predisporre ed argomentare al meglio le proprie ragioni in sede contenziosa.

Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 21

Uniemens ad aprile

Lo slittamento per agevolare le aziende in difficoltà. Vecchie procedure ancora utilizzabili

L'Uniemens prende tempo. La nuova procedura che unifica la denuncia Emens con quella del Dm 10, in vigore dal mese di gennaio, sarà vincolante a partire dalle retribuzioni del mese di aprile 2010 (con termine di trasmissione al 31 maggio). Fino ad allora, le imprese in difficoltà organizzative potranno ancora utilizzare la vecchia procedura dell'Uniemens aggregata.
È quanto precisa l'Inps nel messaggio n. 3872/2010, ricordando inoltre che il Milleproroghe ha rinviato al 1° gennaio 2011 l'entrata in vigore della mensilizzazione del modello 770.

Italia Oggi - D. Cirioli - art. pag. 25