Rassegna stampa del 22 febbraio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visita il sito per maggiori informazioni su ArchiviOK Professionisti Richiedi informazioni

L'ufficio pubblico va in digitale

Consiglio dei ministri. Primo sì al codice per l'informatizzazione delle amministrazioni. Il processo Ict dovrà essere completato entro il 2012

Il nuovo Codice per l'amministrazione digitale (Cad), versione aggiornata e rafforzata da un corredo di sanzioni e obiettivi certi rispetto al testo varato cinque anni fa da Lucio Stanca, prende la via dell'approvazione definitiva.
Ieri lo schema di decreto che attua la delega prevista dalla legge 69 del giugno 2009 ha incassato il primo sì del Consiglio dei ministri e ora passa all'esame del Garante della privacy, della Conferenza stato-regioni e delle commissioni parlamentari di merito.
"Pensiamo di riportarlo in Consiglio entro un mese al massimo per l'ultima lettura - ha dichiarato ieri Renato Brunetta - mentre i primi effetti si vedranno entro tre mesi, quando tutte le amministrazioni utilizzeranno soltanto la posta elettronica certificata per le comunicazioni che prevedono una ricevuta di consegna".

Il Sole 24 Ore - sabato 20 febbraio - D. Colombo - art. pag. 31

I modelli Intrastat senza rinvio

Riforma IVA. Nota delle Dogane sul dlgs 18/2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Scadenze confermate. Prime irregolarità non sanzionabili

Nessun rinvio per l'esordio dei nuovi modelli Intrastat, ma soltanto l'inapplicabilità delle sanzioni per le eventuali irregolarità di compilazione.
E' quanto emerge da una nota diffusa venerdì dall'agenzia delle Dogane, che fa tramontare l'ipotesi, circolata nei giorni scorsi, di uno slittamento in fase di prima applicazione.
Anticipando i contenuti dei provvedimenti in arrivo, l'agenzia chiarisce che gli elenchi dovranno essere presentati per via telematica entro il giorno 25 del mese successivo al periodo (mese o trimestre) di riferimento.
Fino ad aprile, tuttavia, è ammessa anche la presentazione agli uffici doganali, ma in formato elettronico e nel più breve termine del giorno 20.

Italia Oggi - sabato 20 febbraio - F. Ricca - art. pag. 23

Xbrl ad ampio raggio

Circolare Assonime

L'impiego obbligatorio di Xbrl riguarderà, a partire dai prossimi mesi, la quasi totalità delle società di capitali italiane. La circolare n. 5/2010 emanata venerdì dall'Assonime ribadisce la necessaria e generale applicazione del nuovo linguaggio dei bilanci con la sola esclusione di: a) società di capitali quotate in mercati regolamentati; b) società non quotate che adottano, nel bilancio individuale o in quello consolidato, gli Ifrs; c) società bancarie, finanziarie e assicurative; d) tutte le società controllate da una di quelle alle precedenti lettere o da queste ultime incluse nel proprio bilancio consolidato.
Per società di capitali quotate devono intendersi, in primo luogo, non solo quelle con azioni quotate bensì pure quelle con altri strumenti finanziari (magari le sole obbligazioni) quotati su mercati regolamentati.

Italia Oggi - sabato 20 febbraio - A. Fradeani - art. pag. 22

Il rimpatrio giuridico senza Rw

L'Agenzia delle entrate chiarisce la riapertura dei termini dello scudo fiscale quater. Imposizione definitiva sui proventi derivanti dal patrimonio

Rimpatrio giuridico senza quadro RW : in ogni caso, i flussi reddituali derivanti dalle attività che sono state sanate dovranno essere assoggettati a tassazione dal contribuente direttamente se non interviene, ad esempio una fiduciaria, applicando una imposizione definitiva sui proventi derivanti dal patrimonio rimpatriato. Ciò avverrà, in particolare, in relazione alle attività di natura finanziaria. Inoltre, il mandato affidato ad una fiduciaria non comporta la necessità dell'intestazione fiduciaria del bene oggetto di sanatoria. Infine, non erano possibili operazioni di emersione tra il 16 ed il 29 dicembre 2009.
In materia di cause ostative, inoltre, le stesse potranno essere rimosse entro il 31 dicembre 2010 a prescindere dal momento in cui si effettua la sanatoria nel corso del 2010.
Sono questi i principali chiarimenti contenuti nella circolare dell'agenzia delle Entrate n. 6 di venerdì con la quale l'amministrazione finanziaria fornisce ulteriori indicazioni riferite alla riapertura dei termini per lo scudo fiscale oltre a quelli già evidenziati con la precedente circolare n. 3.

Italia Oggi - sabato 20 febbraio - L. Perrone - pag. 24

Il garante privacy affila le armi

Nel mirino banche, carte di credito, sanità elettronica, archivi dati per finalità di marketing. Previsti 250 accertamenti. Controlli anche insieme alla Gdf

Banche, carte di credito, fascicolo sanitario elettronico, vendita di banche dati per finalità di marketing, sistema informativo del fisco, enti previdenziali. Il piano di ispezioni del garante della privacy per il primo semestre 2010 si dedicherà a questi settori. Sono, dunque, toccati sia il settore pubblico che quello privato.
Tra gli obiettivi dell'indagine anche la verifica dell'adozione delle misure di sicurezza, del rispetto del termine durata di conservazione dei dati, dell'osservanza dell'obbligo di fornire l'informativa agli interessati e al rispetto dell'obbligo di richiesta del consenso nei casi previsti dalla legge (art. 23 del Codice della privacy).
Gli accertamenti ispettivi programmati sono 250 e saranno effettuati anche in collaborazione con le Unità speciali della Guardia di finanza - Nucleo privacy. Si tratta del programma di ispezioni di ufficio, che vanno ad aggiungersi a quelli innescati da segnalazioni e reclami presentati.

Italia Oggi Sette - A. Ciccia - pag. 16