Rassegna stampa del 01 marzo 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visita il sito per maggiori informazioni su ArchiviOK Professionisti Richiedi informazioni

Sulla graticola 2 mila contribuenti

Operazione Entrate-Gdf. Nel mirino anche professionisti. Soldi verso Svizzera, Panama, Singapore. Oltre 2 miliardi di euro non dichiarati nel quadro RW

Duemila contribuenti italiani nel mirino dell'Agenzia delle entrate e della Guardia di finanza per avere trasferito all'estero tra il 2007 e il 2008 più di 2 miliardi di euro. La maggior parte dei soggetti sottoposti ad accertamenti sono residenti in Lombardia, Lazio, Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte. Unica regione virtuosa è la Valle d'Aosta. Interessati, hanno fatto sapere le Entrate, sono imprenditori, liberi professionisti ed esponenti del mondo dello spettacolo. L'importo esportato è di almeno 500 mila euro a testa. L'accertamento deriva dal fatto che le banche intermediarie hanno comunicato all'Anagrafe tributaria l'esportazione di capitale. I contribuenti, tuttavia, non hanno denunciato gli importi nel quadro RW della dichiarazione dei redditi. Gli italiani sotto indagine rischiano di vedersi contestati diversi reati: dall'omessa dichiarazione alla dichiarazione fraudolenta o infedele. Per la sola violazione delle norme sul monitoraggio fiscale le sanzioni possono arrivare fino al 50% delle somme detenute all'estero e non dichiarate.

Italia Oggi - sabato 27 febbraio - art. pag. 19

Disabili, sostegno senza limiti

La Corte costituzionale ha sancito la parziale illegittimità delle norme della Finanziaria 2008. Illegittimo il tetto fissato all'assuzione degli insegnanti

È illegittimo fissare un limite massimo al numero dei posti degli insegnanti di sostegno per i disabili. E si deve dare la possibilità di assumere insegnanti di sostegno in deroga a eventuali divieti, in presenza nelle classi di studenti con disabilità grave. La tutela avanzata degli studenti disabili è sancita dalla Corte costituzionale (sentenza n. 80 depositata il 26 febbraio 2010) che ha dichiarato l'illegittimità dell'articolo 2 comma 413 e comma 4141 della legge 244/2007 (Finanziaria per il 2008). La questione è stata sollevata nel corso di un contenzioso che ha coinvolto un'alunna affetta da gravi patologie, per la quale la scuola aveva assegnato un docente solo per 12 ore settimanali.

Italia Oggi - sabato 27 febbraio - A. Ciccia - art. pag. 20

Lo sconto Irap va anche ai minimi

Le novità del quadro Cm dopo l'approvazione della modulistica di Unico 2010 persone fisiche. Sì alla deduzione del 10%. Conta il tributo versato nel 2009

Con l'approvazione della modulistica concernente i redditi maturati nel periodo d'imposta 2009, il quadro Cm (Unico 2010-Pf) trova importanti novità, tra le quali un posto di primo piano va attribuito alla possibilità di applicare la detassazione connessa all'acquisizione di macchinari ed apparecchiature nuove, di cui all'art. 5, comma primo, del dl n. 78 del 2009 (cd. Tremonti-ter). Anche in questo caso va ricordato che in sede di calcolo dell'importo dovuto a titolo di acconto la base imponibile di riferimento va incrementata per un importo pari allo stesso beneficio applicato per il periodo d'imposta 2009 (50% del valore del bene «Tremontizzabile»).

Italia Oggi - sabato 27 febbraio - S. Viscione - art. pag. 21

Tracciabilità dei rifiuti, un mese per iscriversi al Sistri

Ancora 30 giorni per iscriversi al Sistri, il nuovo sistema elettronico di tracciabilità dei rifiuti

Lo prevede un nuovo decreto ministeriale pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale (27/2/2010). Il decreto, che è composto di 13 articoli, non contiene solo la proroga ma anche una serie di modifiche al precedente dm 17 dicembre 2009 pubblicato il 13 gennaio 2010. Tra le più importanti c'è la modifica della nozione di delegato che è quello a cui è attribuito il certificato per la firma elettronica. Qualora l'impresa non abbia indicato, nella procedura di iscrizione un delegato, il certificato verrà attribuito automaticamente al rappresentante legale dell'impresa. Diversi sono anche i moduli, che dovranno essere utilizzati per le nuove iscrizioni a partire dal 1° marzo. Cambiano anche i tempi per la comunicazione al Sistri dei dati per la movimentazione dei rifiuti oggetto di critiche in quanto dette procedure erano spesso in contrasto con l'operatività in concreto.

Italia Oggi - sabato 27 febbraio - G. Ambrosoli - pag. 24

Correttivi per più categorie

I tecnici al lavoro per adeguare i meccanismi anti-crisi al quadro economico 2009. La revisione parte dai problemi sull'accesso al credito e gli investimenti

I correttivi anti-crisi agli studi di settore potranno essere applicati da una platea di categorie e contribuenti che sarà, allo stesso tempo, differente e più ampia rispetto a quanto avvenuto l'anno scorso. Inoltre, la caccia alla definizione dei correttivi è ancora aperta: agli indici relativi a credito e investimenti (e a quelli confermati dall'anno scorso), potrebbero aggiungersene altri, dopo che sarà stato concluso l'esame sui dati dell'economia italiana nel 2009. Un appuntamento cruciale, per questa valutazione, sarà rappresentato, come già avvenuto l'anno scorso, dalle comunicazioni "sintetiche" Iva che vanno inviate entro la fine di questo mese e che saranno "viste" dall'amministrazione finanziaria a metà del mese di marzo.

Il Sole 24 Ore - sabato 27 febbraio - A. Criscione, J.M. Del Bo - pag. 33

Ipoteche e ruoli "extra" blindano il prelievo

Con la circolare 4/E del 15 febbraio gli uffici sono spinti a utilizzare in modo ampio le procedure di tutela dell'incasso anche subito dopo il controllo

Riscossione più garantita dal nuovo impulso alle misure cautelari e dalle iscrizioni straordinarie. Il segnale è chiaro ed è arrivato a tutti gli uffici. L'amministrazione finanziaria ha deciso di dare nuovo impulso all'utilizzo delle misure cautelari. Con una maggiore attenzione a quanto deve essere riscosso attraverso il ricorso a ipoteche e sequestri sin dalla fase successiva al controllo ma anche mediante iscrizioni a ruolo straordinario di imposte, sanzioni e interessi in presenza di accertamenti ancora non definitivi. Strumenti a disposizione per evitare che i beni e le disponibilità del contribuente/debitore si disperdano prima dell'avvio della riscossione ordinaria.

Il Sole 24 ore, Norme e Tributi - lunedì 1 marzo - F. Falcone, A. Iorio - pag. 1