Rassegna stampa del 7 aprile 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Informazioni sul corso Iscriviti al corso  

Studi con causa di giustificazione

La commissione che ha varato i correttivi anti-crisi rilancia le indicazioni sul malfunzionamento di Gerico. Le annotazioni in Unico riducono il rischio degli accertamenti dell'amministrazione

L'indicazione dei possibili malfunzionamenti di Gerico nel quadro delle annotazioni libere può rappresentare uno strumento di tutela della posizione del contribuente e uno spunto per un affinamento delle procedure. Il messaggio forte e chiaro arirva dalla Relazione che la Commissione degli esperti ha rilasciato il 31 marzo, approvando i correttivi anticrisi per il 2009.
Un secondo pungolo agli operatori, dunque, dopo quello arrivato dalla conferenza con le associazioni di categoria dell'11 febbraio, per spingerli ad anticipare nel modello le possibili motivazioni di malfunzionamenti o circostanze non considerate dai modelli matematici (oltre che dai correttivi di nuova generazione).

Il Sole 24 Ore - G. P. Ranocchi, G. Valcarenghi - art. pag. 29

Autofattura senza imposta se l'Iva è pagata in dogana

Instrastat. Le nuove disposizioni per i trasporti internazionali delle merci

Una società italiana che riceve da un operatore francese una prestazione per trasporto di beni importati in Italia da un paese non comunitario deve integrare la fattura del prestatore comunitario o emettere autofattura "non imponibile a Iva" per l'importo che è stato assoggettato ad imposta in dogana.
Se all'importazione una parte del compenso non sconta l'imposta, l'ammontare non assoggettato ad Iva in dogana va autofatturato con Iva al 20% dalla società italiana, che in questo caso deve anche presentare il modello Intra2-quater per l'acquisto del servizio.
Questa la soluzione che deve essere seguita quando un soggetto passivo d'imposta nazionale acquista un trasporto internazionale da un prestatore non residente.

Il Sole 24 Ore - R. Portale, G. P. Tosoni - art. pag. 31

Fisco, scambio dati è a 360º

La Convenzione dell'Agenzia delle entrate elenca le informazioni che arrivano dagli altri enti. Dal numero abbonamenti Tv alle deleghe di pagamento F24

Aumento della collaborazione e cooperazione fra le agenzie e gli altri soggetti pubblici, incremento nella raccolta e nell'interscambio dei dati e fronte comune per la crescita della sostenibilità della pretesa tributaria.
Sono queste le linee guida programmatiche sulle quali si fondano le convenzioni triennali 2010-2012 delle tre agenzie fiscali (Entrate, Territorio, Dogane) che saranno presentate ai sindacati l'otto aprile 2010. Tanto che il 10% del tempo complessivo di una verifica fiscale dovrà essere dedicato dagli uffici all'attività di raccolta ed acquisizione dati preliminare alla verifica stessa.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 21

La card servizi paga l'Iva al 20%

Una risoluzione dell'Agenzia delle entrate sull'acquisto delle tessere plurifunzionali. È dovuta l'aliquota ordinaria per la prestazione complessa

La vendita di una card che consente di fruire di vari servizi è una prestazione complessa che paga l'Iva del 20%.
Questa la principale indicazione che si desume dalla risoluzione n. 27 del 1° aprile 2010, con la quale l'agenzia delle entrate fornisce numerosi, interessanti chiarimenti in merito ad un caso che, al di là della situazione particolare, mette in luce le diverse problematiche in materia di Iva che si pongono in relazione ad una modalità di vendita sempre più diffusa.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 22