Rassegna stampa del 22 aprile 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK Telematici

Parte la caccia a 16,6 miliardi

Incontro fra Entrate, Inps ed Equitalia. Sotto tiro piccole imprese e autonomi

Impegno comune per andare a scovare tasse non pagate e contributi non versati. Si sono tenuti nel pomeriggio di ieri a Roma quelli che potrebbero essere definiti gli Stati generali della lotta all'evasione, con l'innalzamento degli obiettivi dei risultati del contrasto all'infedeltà fiscale e contributiva.
All'incontro hanno partecipato vertici (tra gli altri, il direttore dell'agenzia delle Entrate Attilio Befera e il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua), ma anche i direttori delle strutture regionali di agenzia delle Entrate, Inps ed Equitalia.
I rappresentanti degli enti che hanno partecipato si sono "lasciati" con l'obiettivo di incrementare del 20% i risultati della lotta all'evasione.
Il comunicato dei tre enti precisa, infatti, che l'asticella degli incassi per il "2010, tra imposte, tasse e contributi non pagati, è stata posta a quota 16,6 miliardi di euro".

Il Sole 24 Ore - A. Carli, A. Criscione - art. pag. 27

Nel prospetto Xbrl in pdf solo la nota

Istruzioni commercialisti-Unioncamere

Sull'orizzonte della semplificazione le nuove regole operative - concordate dall'Osservatorio istituito tra Unioncamere e Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e diffuso ieri - per il deposito dei bilanci di esercizio delle società di capitali all'ufficio del registro, secondo il nuovo formato Xbrl.
Le "tassonomie" (i dizionari informatici che presiedono alla definizione del nuovo formato) disponibili sul sito di DigitPa (ex Cnipa) riguardano infatti solo lo stato patrimoniale e il conto economico, mentre la nota integrativa resta - al momento - fuori dall'obbligo di adozione di Xbrl e va depositata (come gli altri documenti quali il verbale di approvazione assembleare, la relazione degli amministratori e di sindaci, ecc.) in formato pdf/A.
Il file Xbrl non può mai essere omesso tranne nei casi di esenzione espressamente previsti.

Il Sole 24 Ore - M. Pirazzini - art. pag. 29

Per ComUnica avvio 'lento'

Infocamere annuncia: 65mila partiche in 15 giorni

Quasi 65mila pratiche nei primi quindici giorni. E' stata una partenza "soft" - coincisa con periodo festivo di Pasqua - quelle di ComUnica, ma "confortante" secondo il direttore generale di InfoCamere, Valerio Zappalà.
"ComUnica - sottolinea Zappalà - è stata sempre operativa in tutti i giorni di aprile, compresi quelli festivi. In sintesi possiamo considerare superato positivamente il momento iniziale. Gli utenti hanno inviato dalle 4.000 alle 8.000 pratiche al giorno, i sistemi hanno sostenuto il carico della nuova procedura e il contact center ha evaso gran parte delle chiamate".
La cifra di 8.000 pratiche al giorno si avvicina a quella che è considerata la quota a regime compresa tra gli 11.000 e i 15.000 invii giornalieri, variabili a seconda del periodo.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 32

 

Obblighi ambientali, pmi in allarme per il caos Mud 2010

L'appello unitario di Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti. Le Cinque del Patto del Capranica chiedono la proroga per evitare danni a 500 mila aziende

Pmi unite nel nome dell'ambiente e della razionalizzazione burocratica. Per dare una risposta alle 500 mila imprese chiamate entro il prossimo 30 aprile a compilare il Mud (la dichiarazione ambientale per eccellenza, detta anche «Unico ecologico» perché è l'attestazione dei rifiuti trattati nell'anno precedente), attualmente in una situazione di grave impasse amministrativo che rischia di costare alle aziende svariati milioni di euro.
Le cinque sigle più rappresentative del mondo della piccola impresa (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti), che il 10 maggio saranno unite ufficialmente in un nuovo soggetto politico, ieri hanno firmato un comunicato congiunto in cui si chiede formalmente al governo la proroga urgente degli adempimenti sul Mud: si tratta del primo atto politico pubblico delle cinque sigle - in nome dell'eco-semplificazione - ispirato al cosiddetto «Patto del Capranica», che le sta portando alla gestione unitaria dei problemi del mondo delle piccole imprese.

Italia Oggi - S. Saturno - art. pag. 19