Rassegna stampa del 3 maggio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

ArchiviOK Telematici

Il Mud conquista la proroga

Rinvio della dichiarazione al 30 giugno. Per le quote CO2 rimborsi dal 2013

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge che sposta dal 30 aprile al 30 giugno il termine di scadenza per la presentazione del Mud, il modello unico di dichiarazione ambientale. Possono tirare un sospiro di sollievo le 600mila imprese che devono presentare la dichiarazione e si sarebbero trovate a pagare sanzioni non per propria colpa o negligenza, ma per i ritardi del governo.
Anche stavolta però il governo non è riuscito a fare le cose con rigore fino in fondo visto che il decreto legge non è stato inserito nella Gazzetta ufficiale pubblicata ieri. Entrerà in vigore quindi non prima di lunedì prossimo, a termine di scadenza già superato. Pubblicate invece le correzioni al modello che era sbarcato in Gazzetta nei giorni scorsi.

Il Sole 24 Ore - sabato 1 maggio - G. Santilli - art. pag. 7

Chiamata per l'invio degli elenchi di gennaio

Intrastat. Operazione entro martedì per non incorrere in sanzioni. Trasmissione tramite il canale telematico delle Dogane

Ancora pochi giorni. Poi, martedì prossimo, 4 maggio, scade il termine di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat realtivi al mese di gennaio 2010 senza incorrere nell'applicazione di sanzioni, secondo quanto affermato dalla circolare dell'agenzia delle Entrate 14/E del 18 marzo 2010.
La proroga di 60 giorni è stata infatti concessa in applicazione dell'articolo 3, comma 2 dello Statuto del contribuente (legge 212/2000). (..)
Nella circolare 14 l'Agenzia ha chiarito che non saranno irrogate le sanzioni realtive alla mncata presentazione degli elenchi riepilogativi, "stante le obiettive condizioni d'incertezza" esistenti nel periodo precedente alla pubblicazione del decreto ministeriale del 22 febbraio, in applicazione dell'articolo 10, comma 3, dello Statuto.

Il Sole 24 Ore - sabato 1 maggio - R. Portale, G. P. Tosoni - art. pag. 31

Rendiconti, Xbrl accelera

Lo Iasb ha pubblicato il vocabolario per convertire i bilanci secondo Ifrs. Codificati gli atti redatti su principi internazionali

Lo Iasb accelera su Xbrl. Da oggi è possibile codificare, nel nuovo linguaggio dei bilanci, anche i rendiconti redatti sulla base dei principi contabili internazionali – sia Full Ifrs che Ifrs for SMEs – emanati alla data del 1° gennaio 2010.
La tassonomia licenziata in versione finale, denominata Ifrs Taxonomy 2010 e disponibile sul sito http://www.iasb.org/xbrl, è in grado di tradurre in dati interattivi sia gli schemi quantitativi (situazione patrimoniale-finanziaria, conto economico complessivo, prospetto delle variazioni del netto e rendiconto finanziario) che le note.
Sono previsti, nello specifico, circa 1.800 elementi in grado di rappresentare il complesso puzzle del bilancio (consolidato ed individuale) redatto con gli standard londinesi.

Italia Oggi - sabato 1 maggio - A. Fradeani - art. pag. 21

Conto alla rovescia per la Tremonti ter

Operazioni puntuali se si vuole rientrare nel termine del 30 giugno, ma diverse associazioni di categoria chiedono di avere più tempo

la linea di arrivo è vicina, Ormai le imprese hanno meno di due mesi a disposizione per sfruttare le agevolazioni previste dall TRemonti ter. Lo sconto fiscale si applicherà per gli acquisti di macchinari compiuti entro il prossimo 30 giugno.
A meno che, per stimolare la ripresa dell'economia, governo e parlamento non decidano per una proroga: soluzione a cui più associazioni di categoria guardano con interesse. Lo scoglio maggiore, però, è non gravare sui conti pubblici.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e tributi - L. Gaiani, S. Riselli - art. pag. 1